Passa ai contenuti principali

Dio ci dà il posto


Mentre continua il suo cammino verso Gerusalemme, Gesù, come spesso gli accadeva, essendo un maestro conosciuto, viene invitato a pranzo da un capo religioso. Entrando e accomodandosi nella sala, Gesù si accorge che gli altri invitati facevano di tutto per scegliere i primi posti. Perciò sente subito la spinta a parlare, per dare un insegnamento che potesse aiutarli a rendersi conto di questi loro comportamenti e cercarne i motivi profondi. “Quando vieni invitato”, dice Gesù, “non cercare i primi posti, quelli d’onore, perché non venga il padrone di casa a dirti che quello non è il tuo e che devi cederlo a un altro. Così con vergogna dovrai occupare l’ultimo posto. Fa’ invece diversamente: va’ a metterti all’ultimo posto e sarà il padrone di casa che verrà poi a farti venire più avanti”. Che cosa vuole dire Gesù? Ovviamente questa parola si riferisce in senso ampio alla nostra vita, non solo a un pranzo che è solo un esempio. Questa parola è per noi, che la leggiamo nel qui e ora della nostra storia. Gesù ci sta mettendo in guardia dall’ansia di apparire, di occupare i primi posti. Ci dice che questa corsa folle con cui ogni giorno gli uomini cercano di guadagnarsi un pezzettino di considerazione dimostra soltanto che stanno cercando all’esterno quello che dentro non possiedono. Vogliono compensare il vuoto del cuore col possedere, con l’apparire, con il divertimento e quanto altro serve a “non pensare”.
Si guarisce da questa gara per i primi posti quando si fa esperienza di essere amati da Dio, amati personalmente e personalmente condotti verso una vita piena, in cui poter anche occupare quel posto nel quale ci sentiamo a nostro agio e sentiamo di poter esprimere tutti i doni che Lui ci ha dato. Il posto ce lo assegna il Signore, nel momento in cui ci lasciamo davvero guidare da Lui, dal suo spirito e giorno dopo giorno nei luoghi in cui viviamo, cerchiamo di lasciar passare Lui, il suo amore, attraverso gesti di attenzione, di cura, e attraverso l’impegno per costruire ambienti in cui si viva l’amore, l’accoglienza e il perdono. “Amico vieni più avanti!” ci dice Dio concretamente quando nella vita camminiamo con Lui e riceviamo da Lui davvero tutto. Non è un afferrare, magari calpestando gli altri, ma è un ricevere dalle sua mani quanto giorno dopo giorno vorrà regalarci. E' una via di vera libertà! 
E viene anche il momento in cui raccogliamo con gioia il frutto di tante lacrime e preghiere. Pensiamo alle tante volte in cui, mentre restavamo fedeli a Lui e cercavamo la sua volontà, Lui si è fatto presente attraverso un fatto, un incontro così decisivo da cambiare il corso della nostra storia. Pensiamo a tanti santi che si sono messi seriamente alla ricerca della sua volontà e all’improvviso sono rimasti abbagliati dall’opera di Dio che ha aperto certe situazioni così grandi da non poter essere che opera sua! 
Tutte le nostre vite, anche nelle fatiche e nei momenti bui, sono accompagnate dal Signore, è questo che ci ripete sempre Maria, nostra Madre, lei che a Cana disse quelle semplici ma decisive parole: “Qualunque cosa Gesù vi dica, fatela!”. Se sei in crisi e non sai cosa fare, fatti aiutare da Maria per ritrovare la strada, se non vedi vie d’uscita e pensi che le cose non cambieranno mai, ascolta lei che ti dice che non è così, perché suo Figlio Gesù opera già per un cambiamento, se non ti senti al tuo posto e ti chiedi in che modo impegnarti per Dio, chiedilo a Maria, sarà ancora lei a farti camminare finché non toccherai con mano che se ti affidi non devi sforzarti per fiorire, perché è il Signore stesso che farà in modo di aprirti la porta giusta e farti accomodare al tuo posto, quello in cui la tua vita sarà bella e - cosa molto importante! - darà vita a molti altri.


1 settembre 2019
Lc 14,7-14
XXII DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO

In quel tempo, Gesù si recò a casa di uno dei capi dei farisei per pranzare ed essi stavano a osservarlo. 7Diceva agli invitati una parabola, notando come sceglievano i primi posti: 8«Quando sei invitato a nozze da qualcuno, non metterti al primo posto, perché non ci sia un altro invitato più degno di te, 9e colui che ha invitato te e lui venga a dirti: «Cedigli il posto!». Allora dovrai con vergogna occupare l'ultimo posto. 10Invece, quando sei invitato, va' a metterti all'ultimo posto, perché quando viene colui che ti ha invitato ti dica: «Amico, vieni più avanti!». Allora ne avrai onore davanti a tutti i commensali. 11Perché chiunque si esalta sarà umiliato, e chi si umilia sarà esaltato».
12Disse poi a colui che l'aveva invitato: «Quando offri un pranzo o una cena, non invitare i tuoi amici né i tuoi fratelli né i tuoi parenti né i ricchi vicini, perché a loro volta non ti invitino anch'essi e tu abbia il contraccambio. 13Al contrario, quando offri un banchetto, invita poveri, storpi, zoppi, ciechi; 14e sarai beato perché non hanno da ricambiarti. Riceverai infatti la tua ricompensa alla risurrezione dei giusti».


Commenti

Post popolari in questo blog

Nelle tue mani

«Padre, nelle tue mani consegno il mio spirito». Parole decisive con cui si chiude il Vangelo di questa domenica delle Palme e della Passione del Signore (cf. Lc 22,14-23). Parole che sono un testamento per noi, l’indicazione preziosissima che Gesù ci dà per aiutarci a entrare nella vita. Qual è questa chiave che apre la porta della nostra relazione con Lui? È la fiducia totale, che si fa non solo intenzione, ma consegna di tutto se stesso al Padre. È un accogliere la realtà non come luogo da cui difendersi perché le cose non vanno come vorremmo noi, ma come luogo da amare perché mentre le cose vanno come vanno Gesù è con noi, immerso nella nostra vita, per camminare con noi, ed esserci custode e Padre. Infatti guardando i suoi discepoli addormentati “per la tristezza” Gesù li sveglia e gli dice: “Alzatevi e pregate, per non entrare in tentazione”. 
Dice questo dopo avere combattuto la sua battaglia più grande, quella contro la tentazione di allontanarsi dalla sofferenza. Gesù, da vero…

Tenersi pronti

Iniziamo l’Avvento, tempo di attesa e di desiderio, con l’invito stesso di Gesù ad essere vigili, attenti, pronti. Ma attenti a che cosa? Il discorso del Signore si riferisce alla fine della storia, al momento cosmico della parusìa, del suo ritorno definitivo, quando il male sarà definitivamente e per sempre messo a tacere, e ci sarà soltanto la realtà del Paradiso, della gioia e della felicità eterna nell’abbraccio con Dio. Ma facciamo un passo indietro. Gesù paragona questo momento ai tempi di Noè, quando, davanti al disastro ormai vicino, le persone vivevano come se niente fosse, ignare di tutto, perse in mille affanni e occupazioni, senza accorgersi di alcuni segni che indicavano il momento forte che si stava avvicinando. Solo Noè ascolta la sua coscienza e intende la voce di Dio e si mette a costruire quell’arca che sarà la sua salvezza.  Una volta Gesù aveva detto: quando tornerò, troverò la fede sulla terra? Il Signore in questi 2000 anni e più, ha fatto tutto per l’umanità, ha …

Dio che scioglie i nodi

Protagonista di questa vangelo è Giuseppe, lo sposo di Maria, al quale viene fatto un annuncio, in una modalità differente da quello fatto a Maria. Sarà nel sogno che un angelo andrà da lui per rivelargli il progetto di Dio. Ma cos’è accaduto a Giuseppe di tanto decisivo per cui Dio interviene parlandogli in sogno? Giuseppe è venuto a conoscenza della maternità di Maria. Lo Spirito Santo l’ha resa incinta di un bambino che sarà il Figlio di Dio, destinato ad essere grande. Davanti a questa comunicazione di Maria, Giuseppe resta inchiodato. La realtà bruscamente viene a destabilizzarlo. La vita che pensava di vivere in un attimo crolla miseramente. Tutto l’immaginario attorno a cui si era costruito viene meno. Non sposerà più la donna che ama, non avrà più una famiglia, non sarà benedetto come ogni ebreo che, nella vita familiare ricca di amore e di figli, vedeva la realizzazione concreta della benedizione di Dio. Messo davanti a un intervento di Dio tanto grande, Giuseppe ha paura. No…