Passa ai contenuti principali

Appoggiarsi a Lui


Non temere piccolo gregge! Gesù nel Vangelo di questa domenica ci invita a non avere paura. Ancora una volta. La paura è quello stato d’animo che afferra dentro ogni volta che fissiamo l’attenzione sulla nostra piccolezza, sul fatto che le cose ci sfuggono di mano, che non vanno come vorremmo, che sono tanto distanti da come  ce le immaginavamo. Cose e persone, situazioni della vita e relazioni, a partire da quelle fondamentali, con i nostri familiari, con chi amiamo e condividiamo la vita di ogni giorno. E proprio dentro questo gran caos, Gesù ci dice serenamente: non temere, piccolo gregge mio, piccolo figlio o figlia mia (e qui ciascuno di noi più mettere il suo nome proprio)… ma come facciamo a non temere? “Perché al Padre vostro è piaciuto darvi il suo regno”. Se vuoi, dice il Signore, se riesci ad aprire veramente il tuo cuore, puoi sperimentare la mia presenza, e sentire che ti porto nelle mie mani e che con me sei indistruttibile. Nulla può strapparti dal mio amore.
La mentalità corrente è quella di appoggiarsi ora a uno ora a un altro solo per averne riconoscimento, perché quando uno non si sente di nessuno ha paura, è insicuro, cerca sicurezze. Quando uno appartiene a Cristo, non resta nella paura, anche se talvolta le prove della vita gliela fanno sperimentare. La parola di Gesù è forte!: “Io ho vinto il mondo!”. Uniti a Lui anche noi possiamo vincere ogni giorno i pensieri negativi e di scoraggiamento che si insinuano nella nostra mente e coltivarne degli altri, positivi e fiduciosi. Poi Gesù, dopo averci detto che restando in Lui non abbiamo nulla da temere, lancia un messaggio di libertà: “Vendete ciò che possedete, datelo in elemosina… fatevi un tesoro in cielo”. Date via quelle dipendenze che vi fanno schiavi... e riempitevi della vera ricchezza, che è la certezza di sapersi amati. Il tesoro è il simbolo della sicurezza, di un appoggio sicuro che ci fa andare avanti con serenità, perché sappiamo dove attingere, anche in caso di grave necessità. Come possiamo appoggiarci, noi che abbiamo un’anima immortale, a cose che passano, di poco conto? Gesù è il Tesoro, solo Dio infinito può colmare la nostra sete di eternità! È una questione di proporzione! Lui si offre a noi come la pietra, la roccia, su cui costruire l’edificio della nostra esistenza, l’unità delle nostre famiglie, la felicità per noi e i nostri figli. Lo sappiamo, siamo impotenti, fragili, limitati, molto precari, quello che oggi c’è, domani magari è già sparito, come la salute, le amicizie, il lavoro o altro.  Inutile appoggiarci a tutto quello che non è il Signore, resteremo sempre più delusi e amareggiati. Confidando in Dio abbiamo invece lo Spirito che Lui stesso ci dà e possiamo anche l’impossibile. 
Come vivere allora? Quale stile avere? “Siate pronti”, dice Gesù. Così quando io “arrivo e busso”, tu possa aprirmi subito. Affidarci a Maria – proprio perché ci fa entrare in un gesto di fede - ci dà un grande aiuto per stare sempre pronti, cioè per lasciarci amare dal Signore, ogni istante. Senza frapporre ostacoli, chiusure e dubbi. Gesù bussa in tanti modi: con la sua Parola, con le ispirazioni buone, e servendosi degli altri, quando questi si fanno a loro volta attraversare dal suo amore. Ma bussa anche nel volto e nelle vite di tante persone che abbiamo attorno e che siamo chiamati a educare, accompagnare, guidare, amare, specialmente i più piccoli, gli adolescenti, i giovani. Se veramente siamo di Gesù, siamo sempre pronti a donare la vita e a fare tutto il possibile perché il male non l’abbia vinta in noi e attorno a  noi. Non preoccupiamoci, perché, come diceva il nostro san Massimiliano Kolbe, “ci riposeremo dopo la morte”. Ora è tempo di lotta e di amore senza limiti.
11 agosto 2019
Lc 12,32-48
XIX DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:«32Non temere, piccolo gregge, perché al Padre vostro è piaciuto dare a voi il Regno. 33Vendete ciò che possedete e datelo in elemosina; fatevi borse che non invecchiano, un tesoro sicuro nei cieli, dove ladro non arriva e tarlo non consuma. 34Perché, dov'è il vostro tesoro, là sarà anche il vostro cuore. 35Siate pronti, con le vesti strette ai fianchi e le lampade accese; 36siate simili a quelli che aspettano il loro padrone quando torna dalle nozze, in modo che, quando arriva e bussa, gli aprano subito. 37Beati quei servi che il padrone al suo ritorno troverà ancora svegli; in verità io vi dico, si stringerà le vesti ai fianchi, li farà mettere a tavola e passerà a servirli. 38E se, giungendo nel mezzo della notte o prima dell'alba, li troverà così, beati loro! 39Cercate di capire questo: se il padrone di casa sapesse a quale ora viene il ladro, non si lascerebbe scassinare la casa. 40Anche voi tenetevi pronti perché, nell'ora che non immaginate, viene il Figlio dell'uomo».41Allora Pietro disse: «Signore, questa parabola la dici per noi o anche per tutti?». 42Il Signore rispose: «Chi è dunque l'amministratore fidato e prudente, che il padrone metterà a capo della sua servitù per dare la razione di cibo a tempo debito? 43Beato quel servo che il padrone, arrivando, troverà ad agire così. 44Davvero io vi dico che lo metterà a capo di tutti i suoi averi. 45Ma se quel servo dicesse in cuor suo: «Il mio padrone tarda a venire» e cominciasse a percuotere i servi e le serve, a mangiare, a bere e a ubriacarsi, 46il padrone di quel servo arriverà un giorno in cui non se l'aspetta e a un'ora che non sa, lo punirà severamente e gli infliggerà la sorte che meritano gli infedeli. 47Il servo che, conoscendo la volontà del padrone, non avrà disposto o agito secondo la sua volontà, riceverà molte percosse; 48quello invece che, non conoscendola, avrà fatto cose meritevoli di percosse, ne riceverà poche. A chiunque fu dato molto, molto sarà chiesto; a chi fu affidato molto, sarà richiesto molto di più.»


Commenti

Post popolari in questo blog

Nelle tue mani

«Padre, nelle tue mani consegno il mio spirito». Parole decisive con cui si chiude il Vangelo di questa domenica delle Palme e della Passione del Signore (cf. Lc 22,14-23). Parole che sono un testamento per noi, l’indicazione preziosissima che Gesù ci dà per aiutarci a entrare nella vita. Qual è questa chiave che apre la porta della nostra relazione con Lui? È la fiducia totale, che si fa non solo intenzione, ma consegna di tutto se stesso al Padre. È un accogliere la realtà non come luogo da cui difendersi perché le cose non vanno come vorremmo noi, ma come luogo da amare perché mentre le cose vanno come vanno Gesù è con noi, immerso nella nostra vita, per camminare con noi, ed esserci custode e Padre. Infatti guardando i suoi discepoli addormentati “per la tristezza” Gesù li sveglia e gli dice: “Alzatevi e pregate, per non entrare in tentazione”. 
Dice questo dopo avere combattuto la sua battaglia più grande, quella contro la tentazione di allontanarsi dalla sofferenza. Gesù, da vero…

Tenersi pronti

Iniziamo l’Avvento, tempo di attesa e di desiderio, con l’invito stesso di Gesù ad essere vigili, attenti, pronti. Ma attenti a che cosa? Il discorso del Signore si riferisce alla fine della storia, al momento cosmico della parusìa, del suo ritorno definitivo, quando il male sarà definitivamente e per sempre messo a tacere, e ci sarà soltanto la realtà del Paradiso, della gioia e della felicità eterna nell’abbraccio con Dio. Ma facciamo un passo indietro. Gesù paragona questo momento ai tempi di Noè, quando, davanti al disastro ormai vicino, le persone vivevano come se niente fosse, ignare di tutto, perse in mille affanni e occupazioni, senza accorgersi di alcuni segni che indicavano il momento forte che si stava avvicinando. Solo Noè ascolta la sua coscienza e intende la voce di Dio e si mette a costruire quell’arca che sarà la sua salvezza.  Una volta Gesù aveva detto: quando tornerò, troverò la fede sulla terra? Il Signore in questi 2000 anni e più, ha fatto tutto per l’umanità, ha …

Dio che scioglie i nodi

Protagonista di questa vangelo è Giuseppe, lo sposo di Maria, al quale viene fatto un annuncio, in una modalità differente da quello fatto a Maria. Sarà nel sogno che un angelo andrà da lui per rivelargli il progetto di Dio. Ma cos’è accaduto a Giuseppe di tanto decisivo per cui Dio interviene parlandogli in sogno? Giuseppe è venuto a conoscenza della maternità di Maria. Lo Spirito Santo l’ha resa incinta di un bambino che sarà il Figlio di Dio, destinato ad essere grande. Davanti a questa comunicazione di Maria, Giuseppe resta inchiodato. La realtà bruscamente viene a destabilizzarlo. La vita che pensava di vivere in un attimo crolla miseramente. Tutto l’immaginario attorno a cui si era costruito viene meno. Non sposerà più la donna che ama, non avrà più una famiglia, non sarà benedetto come ogni ebreo che, nella vita familiare ricca di amore e di figli, vedeva la realizzazione concreta della benedizione di Dio. Messo davanti a un intervento di Dio tanto grande, Giuseppe ha paura. No…