Passa ai contenuti principali

Amami di più


“Amami di più”. La Parola di Gesù anche questa domenica ci stimola, nella sua forza, a una risposta, a una riflessione, a una ricerca. Gesù ci vuole aiutare a non restare immobili dentro un modo sempre uguale di pensare e di percepire. Chiede perciò di amarlo più di quanto si ami chiunque altro e… anche se stessi! Cosa significa? 
Il Signore sa come siamo fatti e come potrebbe non saperlo visto che è Lui che ci ha fatti così? Sa bene che se non cerchiamo Lui e non chiediamo a Lui la luce per guardare le cose con i suoi occhi, poi ci perdiamo e ci chiudiamo dentro una gabbia fatta di tutto quello che viene da noi: i nostri pensieri, le nostre esperienze di vita, i nostri sentimenti ed emozioni. Avete presente quelle persone che davanti a un problema cercano delle soluzioni solo umane a furia di ragionamenti e di discussioni? Non che ogni sforzo di dialogo e di azione sia inutile, ma non basta per vivere. 
Noi abbiamo un’altra Parola che ci guida e ci aiuta  capire e anche a scegliere la strada giusta. La Parola della Croce: “Colui che non porta la propria croce e non viene dietro a me, non può essere mio discepolo”, dice Gesù. Ossia se vuoi imparare a vivere, sappi che dovrai mettere mano al tuo cuore, dovrai metterti in discussione, perché la tua ragione è limitata e anche il tuo sentire. C’è un progetto più grande da seguire, che è quello pensato da Dio per te. Un progetto nel quale il sacrificio di sé non significa essere tristi e dover rinunciare alla gioia, tutt’altro! Vuol dire avere la vera gioia, che nasce nel profondo dello spirito quando scegliamo di stare col Signore e di ascoltare la sua voce, e di camminare sulla via che indica. L’unico sacrificio che ci chiede Gesù è il lavoro su noi stessi, l’essere consapevoli che le cose vanno affrontate con Lui, chiedendogli l’aiuto per vedere bene come stanno. È il sacrificio dell’umiltà, di chi non si fida di se stesso e si affida a Lui. 
E non basta dire il sì iniziale, nell’entusiasmo degli inizi. Occorre misurare le forze, perseverare, chiedere sempre la grazia della fedeltà al suo amore. Abbiamo infatti dentro una spinta opposta che ci porta lontano da Lui. Questo è il senso dell’immagine che Gesù usa in questo Vangelo quando dice che se uno vuole costruire una torre, deve prima calcolare bene le spese per non doversi poi trovare con un lavoro a metà. Dunque il messaggio centrale di questo vangelo è nella frase finale: rinuncia ai tuoi averi e sii mio discepolo. Il che equivale a dire: lascia ciò che ti fa male, lascia le cattive abitudini, l’apparire, l’avidità del possedere, l’avidità anche nelle relazioni, lascia il bisogno di voler avere sempre ragione e di voler dominare, controllare, lascia anche quei modi sbagliati di pensare a te, alla tua famiglia, quei modi negativi, pessimisti, senza speranza. A volte bisogna anche lasciare l’apatia, il non avere il coraggio di dire a chi ci sta accanto la verità, come quando i genitori sanno che i figli stanno sbagliando ma non hanno il coraggio di prendere veramente in mano la situazione e andare fino in fondo, per fare chiarezza e dare anche delle regole che li renderebbero impopolari agli occhi dei figli stessi. Ognuno ha da lasciare qualcosa per trovare nella Parola che Gesù gli rivolge personalmente un nuovo inizio, la possibilità di ricominciare. 
Questa dinamica di esodo da se stessi, di uscita da vecchi schemi di vedere per abbracciare il nuovo che Gesù ci porta è la dinamica dell’affidamento a Maria. Quando deponiamo nel suo cuore di Madre tutto ciò che siamo, amiamo e abbiamo, noi ci alleggeriamo di tante pesantezze ed egoismi e le permettiamo di operare, per noi e per quanti amiamo. Lei per il potere che suo Figli Gesù le dà può condurci a una vita veramente felice, dove si impara  a portare la croce per vincere con la forza dello Spirito ogni situazione. Perché il mondo non cambia per azioni di forza, ma attraverso cuori umili che scelgono di amare affinché sia lo Spirito Santo a portare armonia dove c’è discordia e vita dove c’è morte. 
8 settembre 2019
Lc 14,25-33
XXIII DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO

In quel tempo, 25una folla numerosa andava con Gesù. Egli si voltò e disse loro: 26«Se uno viene a me e non mi ama più di quanto ami suo padre, la madre, la moglie, i figli, i fratelli, le sorelle e perfino la propria vita, non può essere mio discepolo. 27Colui che non porta la propria croce e non viene dietro a me, non può essere mio discepolo.
28Chi di voi, volendo costruire una torre, non siede prima a calcolare la spesa e a vedere se ha i mezzi per portarla a termine? 29Per evitare che, se getta le fondamenta e non è in grado di finire il lavoro, tutti coloro che vedono comincino a deriderlo, 30dicendo: «Costui ha iniziato a costruire, ma non è stato capace di finire il lavoro».31Oppure quale re, partendo in guerra contro un altro re, non siede prima a esaminare se può affrontare con diecimila uomini chi gli viene incontro con ventimila? 32Se no, mentre l'altro è ancora lontano, gli manda dei messaggeri per chiedere pace. 33Così chiunque di voi non rinuncia a tutti i suoi averi, non può essere mio discepolo.


Commenti

Post popolari in questo blog

Nelle tue mani

«Padre, nelle tue mani consegno il mio spirito». Parole decisive con cui si chiude il Vangelo di questa domenica delle Palme e della Passione del Signore (cf. Lc 22,14-23). Parole che sono un testamento per noi, l’indicazione preziosissima che Gesù ci dà per aiutarci a entrare nella vita. Qual è questa chiave che apre la porta della nostra relazione con Lui? È la fiducia totale, che si fa non solo intenzione, ma consegna di tutto se stesso al Padre. È un accogliere la realtà non come luogo da cui difendersi perché le cose non vanno come vorremmo noi, ma come luogo da amare perché mentre le cose vanno come vanno Gesù è con noi, immerso nella nostra vita, per camminare con noi, ed esserci custode e Padre. Infatti guardando i suoi discepoli addormentati “per la tristezza” Gesù li sveglia e gli dice: “Alzatevi e pregate, per non entrare in tentazione”. 
Dice questo dopo avere combattuto la sua battaglia più grande, quella contro la tentazione di allontanarsi dalla sofferenza. Gesù, da vero…

Tenersi pronti

Iniziamo l’Avvento, tempo di attesa e di desiderio, con l’invito stesso di Gesù ad essere vigili, attenti, pronti. Ma attenti a che cosa? Il discorso del Signore si riferisce alla fine della storia, al momento cosmico della parusìa, del suo ritorno definitivo, quando il male sarà definitivamente e per sempre messo a tacere, e ci sarà soltanto la realtà del Paradiso, della gioia e della felicità eterna nell’abbraccio con Dio. Ma facciamo un passo indietro. Gesù paragona questo momento ai tempi di Noè, quando, davanti al disastro ormai vicino, le persone vivevano come se niente fosse, ignare di tutto, perse in mille affanni e occupazioni, senza accorgersi di alcuni segni che indicavano il momento forte che si stava avvicinando. Solo Noè ascolta la sua coscienza e intende la voce di Dio e si mette a costruire quell’arca che sarà la sua salvezza.  Una volta Gesù aveva detto: quando tornerò, troverò la fede sulla terra? Il Signore in questi 2000 anni e più, ha fatto tutto per l’umanità, ha …

Dio che scioglie i nodi

Protagonista di questa vangelo è Giuseppe, lo sposo di Maria, al quale viene fatto un annuncio, in una modalità differente da quello fatto a Maria. Sarà nel sogno che un angelo andrà da lui per rivelargli il progetto di Dio. Ma cos’è accaduto a Giuseppe di tanto decisivo per cui Dio interviene parlandogli in sogno? Giuseppe è venuto a conoscenza della maternità di Maria. Lo Spirito Santo l’ha resa incinta di un bambino che sarà il Figlio di Dio, destinato ad essere grande. Davanti a questa comunicazione di Maria, Giuseppe resta inchiodato. La realtà bruscamente viene a destabilizzarlo. La vita che pensava di vivere in un attimo crolla miseramente. Tutto l’immaginario attorno a cui si era costruito viene meno. Non sposerà più la donna che ama, non avrà più una famiglia, non sarà benedetto come ogni ebreo che, nella vita familiare ricca di amore e di figli, vedeva la realizzazione concreta della benedizione di Dio. Messo davanti a un intervento di Dio tanto grande, Giuseppe ha paura. No…