Novena alla Madonna della Medaglia miracolosa


7° giorno: La luce

Dagli scritti di santa Caterina Labouré

«Subito dopo vidi alle sue dita degli anelli luminosi orna­ti di gemme, di varia grandezza e splendore, che emetteva­no numerosi raggi. “Questi raggi indicano le grazie che io spando su quelli che mi invo­cano”. Allora compresi quanto sia dolce invocare la Santa Vergine e quanto Ella sia generosa verso coloro che la prega­no; compresi pure quanto numerose siano le grazie che concede a quanti gliele chiedono e quale profonda gioia provi nel donarle».

Maria, pensare alla tua presenza materna nella nostra vita ci riempie di pace e consolazione. Ci rendiamo conto che abbiamo dentro il cuore troppe immagini negative, su di noi, sugli altri e sulla realtà. Abbiamo un gran bisogno di stare con te, di ascoltarti e di pregarti. Così pian piano la tua pace scenderà nei nostri cuori e ritroveremo l’armonia desiderata. L’immagine bellissima di te che spandi su di noi raggi di grazie si imprima profondamente nei nostri cuori e ci aiuti ad essere luce per il mondo.

Padre nostro, Ave Maria, Gloria
O Maria concepita senza peccato, prega per noi che a te ricorriamo


Commenti