Passa ai contenuti principali

Il sì che cambia tutto

 


Un no che diventa sì e un sì che nasconde un no. Nel vangelo di questa domenica Gesù ci fa entrare in un’altra storia, quella di un uomo che ha due figli e chiede a entrambi di andare a lavorare nella sua vigna. Il primo non ne ha voglia e gli dice un bel no, ma poi riflette e sceglie di andarci. Il secondo invece subito risponde al padre con un convinto “sì, signore”, ma poi non va. Gesù allora chiede a noi: chi dei due ha ascoltato suo padre? Noi, come i discepoli del vangelo, rispondiamo: “il primo, ovviamente!”. Risposta esatta. Ma cosa vuole dirci il Signore? Il punto nodale della storia sta in quel “si pentì e andò” che parla di un cambiamento, di una trasformazione. Mostra che il cuore si è lasciato mettere in discussione dalla parola che il padre gli ha rivolto, mentre l’altro figlio se la lascia scorrere addosso, dimostrando di non importarsene nulla.

Quanto siamo disposti a rivedere le nostre idee, le nostre visioni della vita, i nostri schemi mentali, le nostre convinzione assodate? Quanto siamo disposti a prendere sul serio Dio e la sua parola rivolta a noi? Quanto interesse abbiamo per la nostra felicità? L’abbiamo a cuore oppure no? C’è un momento, che è quello decisivo della vita, in cui si smette di alzare barriere e di costruire muri e ci si arrende alla presenza di Dio, che bussa alla porta del cuore con delicatezza e anche nello stesso tempo con forza, la forza dell’amore. Ebbene, se in quel momento, invece di svalutare la parola che ci arriva alle orecchie, noi la accogliamo, ci lasciamo incuriosire, toccare, interessare, allora accade l’incontro con lo Spirito di Cristo. Non esiste altro modo per incontrare Dio se non attraverso la resa interiore. Perciò solo i piccoli si lasciano incontrare, cioè quelli che sanno perdere se stessi.

Il secondo figlio invece ci tiene tanto a tenersi stretta la sua esistenza e ha un atteggiamento rigido e strutturato: dice di sì, ma poi non fa, e questa incoerenza non gli causa nessun problema di coscienza. È tranquillissimo con la sua contraddizione interna. Il suo cuore è lontano dal padre, che pure lo ama a tal punto da chiedergli di collaborare con lui e aiutarlo nella vigna, ossia tradotto in termini teologici, aiutarlo a diffondere nel mondo il suo amore.

Oggi siamo messi sottosopra da Gesù, che ci viene incontro con questa parola in apparenza semplice e invece tagliente, perché ci mostra la dinamica fondamentale del nostro spirito: davanti all’amore di Dio e alla sua proposta di una relazione personale, come prima reazione indietreggiamo, perché siamo feriti dal peccato e abbiamo paura; ora, se ci lasciamo mettere in crisi e siamo elastici, persone che sanno mettere in discussione se stesse e che non si irrigidiscono nelle proprie posizioni, allora possiamo fare l’esperienza fondamentale della vita, incontrare Dio. Sì, abbiamo questo potere. Con un sì o un no abbiamo il potere di farci santi o di restare a bocca asciutta, naufraghi della vita e senza un Padre nelle cui braccia riposare.

 

27 settembre 2020

Mt 21,28-32
XXVI Domenica nell’anno
In quel tempo Gesù disse ai suoi discepoli 28«Che ve ne pare? Un uomo aveva due figli. Si rivolse al primo e disse: «Figlio, oggi va' a lavorare nella vigna». 29Ed egli rispose: «Non ne ho voglia». Ma poi si pentì e vi andò. 30Si rivolse al secondo e disse lo stesso. Ed egli rispose: «Sì, signore». Ma non vi andò. 31Chi dei due ha compiuto la volontà del padre?». Risposero: «Il primo». E Gesù disse loro: «In verità io vi dico: i pubblicani e le prostitute vi passano avanti nel regno di Dio. 32Giovanni infatti venne a voi sulla via della giustizia, e non gli avete creduto; i pubblicani e le prostitute invece gli hanno creduto. Voi, al contrario, avete visto queste cose, ma poi non vi siete nemmeno pentiti così da credergli.

 

Commenti

Post popolari in questo blog

Nelle tue mani

«Padre, nelle tue mani consegno il mio spirito». Parole decisive con cui si chiude il Vangelo di questa domenica delle Palme e della Passione del Signore (cf. Lc 22,14-23). Parole che sono un testamento per noi, l’indicazione preziosissima che Gesù ci dà per aiutarci a entrare nella vita. Qual è questa chiave che apre la porta della nostra relazione con Lui? È la fiducia totale, che si fa non solo intenzione, ma consegna di tutto se stesso al Padre. È un accogliere la realtà non come luogo da cui difendersi perché le cose non vanno come vorremmo noi, ma come luogo da amare perché mentre le cose vanno come vanno Gesù è con noi, immerso nella nostra vita, per camminare con noi, ed esserci custode e Padre. Infatti guardando i suoi discepoli addormentati “per la tristezza” Gesù li sveglia e gli dice: “Alzatevi e pregate, per non entrare in tentazione”. 
Dice questo dopo avere combattuto la sua battaglia più grande, quella contro la tentazione di allontanarsi dalla sofferenza. Gesù, da vero…

Tenersi pronti

Iniziamo l’Avvento, tempo di attesa e di desiderio, con l’invito stesso di Gesù ad essere vigili, attenti, pronti. Ma attenti a che cosa? Il discorso del Signore si riferisce alla fine della storia, al momento cosmico della parusìa, del suo ritorno definitivo, quando il male sarà definitivamente e per sempre messo a tacere, e ci sarà soltanto la realtà del Paradiso, della gioia e della felicità eterna nell’abbraccio con Dio. Ma facciamo un passo indietro. Gesù paragona questo momento ai tempi di Noè, quando, davanti al disastro ormai vicino, le persone vivevano come se niente fosse, ignare di tutto, perse in mille affanni e occupazioni, senza accorgersi di alcuni segni che indicavano il momento forte che si stava avvicinando. Solo Noè ascolta la sua coscienza e intende la voce di Dio e si mette a costruire quell’arca che sarà la sua salvezza.  Una volta Gesù aveva detto: quando tornerò, troverò la fede sulla terra? Il Signore in questi 2000 anni e più, ha fatto tutto per l’umanità, ha …

Dio che scioglie i nodi

Protagonista di questa vangelo è Giuseppe, lo sposo di Maria, al quale viene fatto un annuncio, in una modalità differente da quello fatto a Maria. Sarà nel sogno che un angelo andrà da lui per rivelargli il progetto di Dio. Ma cos’è accaduto a Giuseppe di tanto decisivo per cui Dio interviene parlandogli in sogno? Giuseppe è venuto a conoscenza della maternità di Maria. Lo Spirito Santo l’ha resa incinta di un bambino che sarà il Figlio di Dio, destinato ad essere grande. Davanti a questa comunicazione di Maria, Giuseppe resta inchiodato. La realtà bruscamente viene a destabilizzarlo. La vita che pensava di vivere in un attimo crolla miseramente. Tutto l’immaginario attorno a cui si era costruito viene meno. Non sposerà più la donna che ama, non avrà più una famiglia, non sarà benedetto come ogni ebreo che, nella vita familiare ricca di amore e di figli, vedeva la realizzazione concreta della benedizione di Dio. Messo davanti a un intervento di Dio tanto grande, Giuseppe ha paura. No…