Passa ai contenuti principali

Il frutto che aspetti da me

 


Gesù anche questa domenica usa un racconto, una parabola per farci arrivare un messaggio che è di fondamentale importanza per la nostra vita. Gesù ci parla di un uomo che possiede una vigna a cui dedica ogni attenzione possibile, curandola con amore e, dovendo partire, la lascia a dei contadini perché la curino. Quando ritorna e ne chiede i frutti, riceve un secco rifiuto. Tutti i servi che manda, vengono respinti e uccisi, compreso il figlio anche lui mandato a chiedere conto dei frutti. Il messaggio di Dio è più che mai chiaro. A noi ha dato tutto se stesso, ci ha creati, ci ha dato la possibilità di vivere su una terra meravigliosa, in cui tutto ha un suo ordine e una sua armonia, ci ha fornito di tutte le capacità per poter far funzionare secondo giustizia e amore la nostra esistenza e le cose che ci circondano. E non ci ha lasciati soli, senza aiuto e direzione. Nella persona del figlio Gesù è venuto lui stesso per stare con noi e farci sperimentare la vita nuova nello Spirito, che ci ha lasciato. Ogni istante è con noi, e parla al nostro cuore anche attraverso il vangelo, la Parola che lui ci dà come cibo spirituale. 

Insomma noi dal Signore abbiamo ricevuto tutto. In risposta noi tante volte – e questo tempo di pandemia lo dimostra – abbiamo scelto soluzioni egoiste, abbiamo preferito cambiare le carte in tavola e mettere al primo posto il denaro, il potere, l’interesse personale, generando attorno a noi ingiustizia, calpestando il valore sacrosanto della dignità della persona. Ma l'ingiustizia c'è anche per gli stili di vita iniqui, quando si continua a spendere in modo esagerato per beni di lusso o abiti firmati e non ci si pone neppure il problema di guardarsi attorno per creare associazioni o altre realtà a favore dei più deboli della società, delle persone più a rischio, delle realtà più fragili. Sì, anche fingendo di non capire il bisogno che c'è e preoccupandosi troppo per se stessi e per le proprie nevrosi, si genera ingiustizia. 

Quali frutti ci sta chiedendo il Signore oggi? Ognuno di noi ha un cammino specifico, e senz’altro per ognuno c’è un passo particolare da fare: chi è doppio e Dio gli chiede di diventare onesto, chi non perdona e Dio gli fa sentire il malessere affinché cambi rotta, chi si tiene a distanza dalle relazioni e Dio lo stimola a fidarsi, a esporsi, chi vede tutto nero e Dio lo invita ad aprire gli occhi sul bene che è in lui e fuori di lui, insomma a ognuno il suo. Ma ci sono anche passaggi universali che tutti dobbiamo fare e in questo tempo storico Dio ci sta parlando chiaramente della necessità di rimettere al centro la fratellanza, le relazioni di amicizia, la cura gli uni degli altri. Ascolteremo il Signore o ci gireremo dall’altra parte?

 L’affidamento a Maria nello spirito di san Massimiliano Kolbe favorisce questo cambiamento del cuore e dei comportamenti: rappresenta la possibilità pratica di donarsi e di farsi condurre da Maria che guida ognuno - secondo il suo dono di grazia - a una vita donata, per il bene di tutti. Così ci stimola san Massimiliano Kolbe: “Via l'indifferenza, dunque! Facciamo tutti ogni sforzo possibile perché ciascuno, secondo l’intelligenza e le capacità che Dio si è degnato di concedergli, conquisti all’Immacolata il maggior numero possibile di anime” (SK 1106). Facciamo nostro l’invito che rivolgeva a se stesso: “Non lascerò passare nessun male senza ripararlo e nessun bene che io possa fare, accrescere o al quale possa contribuire in qualsiasi modo” (SK 971). E diamoci da fare nel bene, sapendo che, come il nostro padre Kolbe ci ricorda,“Tutto passa, l’amore resta” (cf. Conferenze).

 

                                                                    4 ottobre 2020

Mt 21,33-43
27 Domenica nell’anno
In quel tempo Gesù disse ai suoi discepoli «33Ascoltate un'altra parabola: c'era un uomo che possedeva un terreno e vi piantò una vigna. La circondò con una siepe, vi scavò una buca per il torchio e costruì una torre. La diede in affitto a dei contadini e se ne andò lontano. 34Quando arrivò il tempo di raccogliere i frutti, mandò i suoi servi dai contadini a ritirare il raccolto. 35Ma i contadini presero i servi e uno lo bastonarono, un altro lo uccisero, un altro lo lapidarono. 36Mandò di nuovo altri servi, più numerosi dei primi, ma li trattarono allo stesso modo. 37Da ultimo mandò loro il proprio figlio dicendo: «Avranno rispetto per mio figlio!». 38Ma i contadini, visto il figlio, dissero tra loro: «Costui è l'erede. Su, uccidiamolo e avremo noi la sua eredità!». 39Lo presero, lo cacciarono fuori dalla vigna e lo uccisero. 40Quando verrà dunque il padrone della vigna, che cosa farà a quei contadini?». 41Gli risposero: «Quei malvagi, li farà morire miseramente e darà in affitto la vigna ad altri contadini, che gli consegneranno i frutti a suo tempo».

42E Gesù disse loro: «Non avete mai letto nelle Scritture:

La pietra che i costruttori hanno scartato
è diventata la pietra d'angolo;
questo è stato fatto dal Signore
ed è una meraviglia ai nostri occhi
?

43Perciò io vi dico: a voi sarà tolto il regno di Dio e sarà dato a un popolo che ne produca i frutti.

 

Commenti

Post popolari in questo blog

Nelle tue mani

«Padre, nelle tue mani consegno il mio spirito». Parole decisive con cui si chiude il Vangelo di questa domenica delle Palme e della Passione del Signore (cf. Lc 22,14-23). Parole che sono un testamento per noi, l’indicazione preziosissima che Gesù ci dà per aiutarci a entrare nella vita. Qual è questa chiave che apre la porta della nostra relazione con Lui? È la fiducia totale, che si fa non solo intenzione, ma consegna di tutto se stesso al Padre. È un accogliere la realtà non come luogo da cui difendersi perché le cose non vanno come vorremmo noi, ma come luogo da amare perché mentre le cose vanno come vanno Gesù è con noi, immerso nella nostra vita, per camminare con noi, ed esserci custode e Padre. Infatti guardando i suoi discepoli addormentati “per la tristezza” Gesù li sveglia e gli dice: “Alzatevi e pregate, per non entrare in tentazione”. 
Dice questo dopo avere combattuto la sua battaglia più grande, quella contro la tentazione di allontanarsi dalla sofferenza. Gesù, da vero…

Tenersi pronti

Iniziamo l’Avvento, tempo di attesa e di desiderio, con l’invito stesso di Gesù ad essere vigili, attenti, pronti. Ma attenti a che cosa? Il discorso del Signore si riferisce alla fine della storia, al momento cosmico della parusìa, del suo ritorno definitivo, quando il male sarà definitivamente e per sempre messo a tacere, e ci sarà soltanto la realtà del Paradiso, della gioia e della felicità eterna nell’abbraccio con Dio. Ma facciamo un passo indietro. Gesù paragona questo momento ai tempi di Noè, quando, davanti al disastro ormai vicino, le persone vivevano come se niente fosse, ignare di tutto, perse in mille affanni e occupazioni, senza accorgersi di alcuni segni che indicavano il momento forte che si stava avvicinando. Solo Noè ascolta la sua coscienza e intende la voce di Dio e si mette a costruire quell’arca che sarà la sua salvezza.  Una volta Gesù aveva detto: quando tornerò, troverò la fede sulla terra? Il Signore in questi 2000 anni e più, ha fatto tutto per l’umanità, ha …

Dio che scioglie i nodi

Protagonista di questa vangelo è Giuseppe, lo sposo di Maria, al quale viene fatto un annuncio, in una modalità differente da quello fatto a Maria. Sarà nel sogno che un angelo andrà da lui per rivelargli il progetto di Dio. Ma cos’è accaduto a Giuseppe di tanto decisivo per cui Dio interviene parlandogli in sogno? Giuseppe è venuto a conoscenza della maternità di Maria. Lo Spirito Santo l’ha resa incinta di un bambino che sarà il Figlio di Dio, destinato ad essere grande. Davanti a questa comunicazione di Maria, Giuseppe resta inchiodato. La realtà bruscamente viene a destabilizzarlo. La vita che pensava di vivere in un attimo crolla miseramente. Tutto l’immaginario attorno a cui si era costruito viene meno. Non sposerà più la donna che ama, non avrà più una famiglia, non sarà benedetto come ogni ebreo che, nella vita familiare ricca di amore e di figli, vedeva la realizzazione concreta della benedizione di Dio. Messo davanti a un intervento di Dio tanto grande, Giuseppe ha paura. No…