Passa ai contenuti principali

Accordati dallo Spirito



«Se due di voi sulla terra si metteranno d'accordo per chiedere qualunque cosa, il Padre mio che è nei cieli gliela concederà. Perché dove sono due o tre riuniti nel mio nome, lì sono io in mezzo a loro».

Queste parole di Gesù hanno la forza di scaraventarci dalla parte opposta a quella in cui ci troviamo per la potenza che contengono. Parole che “rovesciano”, per usare una parola mariana cioè un verbo che Maria di Nazaret ha usato quando ha voluto sottolineare una delle azioni con cui il Signore agisce nei confronti dell’umanità. Se Dio scuote l’uomo è solo per aiutarlo a togliersi di dosso la polvere che lo appesantisce e per fargli ritrovare la gioia semplice di sentirsi figlio amato, a cui nulla manca per essere felice. Perché ha l’amore di suo Padre che è nei cieli.

Ma perché questa parola ci sconvolge così tanto? Perché ci dice che dove c’è sintonia di cuori, dove ci si vuol bene, dove si impara a perdonarsi e a camminare insieme, allora nel pregare insieme può accadere il miracolo della trasformazione dei cuori e delle situazioni. Gesù sembra dire che le cose tante volte non cambiano in meglio perché non c’è armonia e quindi neppure la forza, l’intensità di una preghiera comune e condivisa. Maria aveva fatto un’esperienza molto forte a Pentecoste: vivendo in sintonia con i discepoli e pregando sinceramente insieme, lo Spirito Santo si era effettivamente materializzato e aveva fatto sentire la sua potenza e presenza. Il Padre concederà ciò che gli chiediamo quando siamo tra noi in accordo.

Allora la nostra principale preoccupazione può essere quella di coltivare un cuore umile che chiede costantemente la grazia di farsi animatore delle situazioni in cui si trova. Maria con la sua presenza ha scaldato il cuore degli altri e così l’ambiente si è riempito di vita, di gioia. Non è vero che per essere felici abbiamo bisogno di gioie costruite, per esserlo abbiamo solo bisogno di vivere relazioni riconciliate, attraverso cui far passare la vita dello Spirito Santo. Occorre solo un ingrediente, molto ma molto difficile da digerire per la nostra natura ferita: l’umiltà, quell’atteggiamento profondo con cui guardiamo all’altro come fratello, perché ci siamo davvero fatti spogliare dalla vita, abbiamo cioè rinunciato a voler avere un qualche vantaggio e pieni dell’amore di Cristo siamo disposti a perdere.

6 settembre 2020

Mt 18,15-20
XXIII Domenica nell’anno
In quel tempo Gesù disse ai suoi discepoli:" 15Se il tuo fratello commetterà una colpa contro di te, va' e ammoniscilo fra te e lui solo; se ti ascolterà, avrai guadagnato il tuo fratello; 16se non ascolterà, prendi ancora con te una o due persone, perché ogni cosa sia risolta sulla parola di due o tre testimoni. 17Se poi non ascolterà costoro, dillo alla comunità; e se non ascolterà neanche la comunità, sia per te come il pagano e il pubblicano. 18In verità io vi dico: tutto quello che legherete sulla terra sarà legato in cielo, e tutto quello che scioglierete sulla terra sarà sciolto in cielo. 19In verità io vi dico ancora: se due di voi sulla terra si metteranno d'accordo per chiedere qualunque cosa, il Padre mio che è nei cieli gliela concederà. 20Perché dove sono due o tre riuniti nel mio nome, lì sono io in mezzo a loro».

 

Commenti

Post popolari in questo blog

Nelle tue mani

«Padre, nelle tue mani consegno il mio spirito». Parole decisive con cui si chiude il Vangelo di questa domenica delle Palme e della Passione del Signore (cf. Lc 22,14-23). Parole che sono un testamento per noi, l’indicazione preziosissima che Gesù ci dà per aiutarci a entrare nella vita. Qual è questa chiave che apre la porta della nostra relazione con Lui? È la fiducia totale, che si fa non solo intenzione, ma consegna di tutto se stesso al Padre. È un accogliere la realtà non come luogo da cui difendersi perché le cose non vanno come vorremmo noi, ma come luogo da amare perché mentre le cose vanno come vanno Gesù è con noi, immerso nella nostra vita, per camminare con noi, ed esserci custode e Padre. Infatti guardando i suoi discepoli addormentati “per la tristezza” Gesù li sveglia e gli dice: “Alzatevi e pregate, per non entrare in tentazione”. 
Dice questo dopo avere combattuto la sua battaglia più grande, quella contro la tentazione di allontanarsi dalla sofferenza. Gesù, da vero…

Tenersi pronti

Iniziamo l’Avvento, tempo di attesa e di desiderio, con l’invito stesso di Gesù ad essere vigili, attenti, pronti. Ma attenti a che cosa? Il discorso del Signore si riferisce alla fine della storia, al momento cosmico della parusìa, del suo ritorno definitivo, quando il male sarà definitivamente e per sempre messo a tacere, e ci sarà soltanto la realtà del Paradiso, della gioia e della felicità eterna nell’abbraccio con Dio. Ma facciamo un passo indietro. Gesù paragona questo momento ai tempi di Noè, quando, davanti al disastro ormai vicino, le persone vivevano come se niente fosse, ignare di tutto, perse in mille affanni e occupazioni, senza accorgersi di alcuni segni che indicavano il momento forte che si stava avvicinando. Solo Noè ascolta la sua coscienza e intende la voce di Dio e si mette a costruire quell’arca che sarà la sua salvezza.  Una volta Gesù aveva detto: quando tornerò, troverò la fede sulla terra? Il Signore in questi 2000 anni e più, ha fatto tutto per l’umanità, ha …

Dio che scioglie i nodi

Protagonista di questa vangelo è Giuseppe, lo sposo di Maria, al quale viene fatto un annuncio, in una modalità differente da quello fatto a Maria. Sarà nel sogno che un angelo andrà da lui per rivelargli il progetto di Dio. Ma cos’è accaduto a Giuseppe di tanto decisivo per cui Dio interviene parlandogli in sogno? Giuseppe è venuto a conoscenza della maternità di Maria. Lo Spirito Santo l’ha resa incinta di un bambino che sarà il Figlio di Dio, destinato ad essere grande. Davanti a questa comunicazione di Maria, Giuseppe resta inchiodato. La realtà bruscamente viene a destabilizzarlo. La vita che pensava di vivere in un attimo crolla miseramente. Tutto l’immaginario attorno a cui si era costruito viene meno. Non sposerà più la donna che ama, non avrà più una famiglia, non sarà benedetto come ogni ebreo che, nella vita familiare ricca di amore e di figli, vedeva la realizzazione concreta della benedizione di Dio. Messo davanti a un intervento di Dio tanto grande, Giuseppe ha paura. No…