Passa ai contenuti principali

Perdonati perdoniamo

 

Cuore di questo vangelo è la compassione, l’abbraccio di Dio, capace di condonare un debito grandissimo, impossibile da pagare. Attraverso il racconto di un re e dei suoi servi, Gesù vuole farci entrare nel mistero della sua vita donata per noi. È lui che ha pagato il debito che pesava sulle nostre spalle e che mai avremmo potuto estinguere. Lo ha pagato restando sulla croce, senza usare il suo potere per liberarsene. E così, con l’amore, ci ha salvati.

Con le sole nostre deboli forze non riusciamo a risolvere la vita, non usciamo dalla rete dei nostri ragionamenti, delle nostre impotenze e dei nostri rancori. Il servo del racconto è presentato mentre “prostrato a terra, supplicava il re” dicendogli: “Abbi pazienza con me e restituirò ogni cosa”.  E il re, mosso a compassione, lo libera. Immaginiamo lo stupore di quell’uomo che si vede liberato all’improvviso di un peso immenso! Chi fa quest’esperienza rinasce e la sua gioia è incontenibile… ma poiché siamo liberi, possiamo anche sciupare il dono e non farne tesoro. Quel servo infatti, invece di liberare a sua volta gli altri, si accanisce contro un suo debitore. Non ha compassione, e lo fa gettare in prigione. Forte la domanda del re: “Non dovevi avere anche tu pietà come io ne ho avuta per te?”.

Com’è possibile che liberati da Cristo possiamo ricadere in schiavitù e decidere di non perdonare chi commette qualche errore verso di noi? “Cristo ci ha liberati per la libertà”, dice san Paolo. Ma nulla è automatico in noi. Perfino la memoria del nostro incontro incandescente con il Signore può vacillare davanti ai colpi della vita. Quale rimedio? Noi che ci siamo affidati a Maria troviamo in lei la possibile risposta. Maria non ha dato per scontato il dono di Dio, quando l’angelo se n’è andato, ha tirato su le maniche e ha cominciato a lottare affinché quella luce mai tramontasse, e la lotta è diventata sempre più dura fino alla prova massima, la morte del figlio. In quell’abbandono di Maria troviamo la risposta: nel suo sì, nella sua sconfinata fiducia nella misericordia del Padre troviamo le ragioni per continuare a lottare anche noi. Sì, perché amare è lottare, come perdonare, lottare affinché nonostante tutto dica il contrario, la speranza della liberazione del cuore nostro e altrui assume i contorni della certezza di fede. E si tratta allora di perseverare nella fede, sperando contro ogni speranza.

13 settembre 2020

Mt 18,21-35
XXIV domenica nell’anno

In quel tempo 21Pietro si avvicinò a Gesù e gli disse: «Signore, se il mio fratello commette colpe contro di me, quante volte dovrò perdonargli? Fino a sette volte?». 22E Gesù gli rispose: «Non ti dico fino a sette volte, ma fino a settanta volte sette.
23Per questo, il regno dei cieli è simile a un re che volle regolare i conti con i suoi servi. 24Aveva cominciato a regolare i conti, quando gli fu presentato un tale che gli doveva diecimila talenti. 25Poiché costui non era in grado di restituire, il padrone ordinò che fosse venduto lui con la moglie, i figli e quanto possedeva, e così saldasse il debito. 26Allora il servo, prostrato a terra, lo supplicava dicendo: «Abbi pazienza con me e ti restituirò ogni cosa». 27Il padrone ebbe compassione di quel servo, lo lasciò andare e gli condonò il debito.
28Appena uscito, quel servo trovò uno dei suoi compagni, che gli doveva cento denari. Lo prese per il collo e lo soffocava, dicendo: «Restituisci quello che devi!». 29Il suo compagno, prostrato a terra, lo pregava dicendo: «Abbi pazienza con me e ti restituirò». 30Ma egli non volle, andò e lo fece gettare in prigione, fino a che non avesse pagato il debito.
31Visto quello che accadeva, i suoi compagni furono molto dispiaciuti e andarono a riferire al loro padrone tutto l'accaduto. 32Allora il padrone fece chiamare quell'uomo e gli disse: «Servo malvagio, io ti ho condonato tutto quel debito perché tu mi hai pregato. 33Non dovevi anche tu aver pietà del tuo compagno, così come io ho avuto pietà di te?». 34Sdegnato, il padrone lo diede in mano agli aguzzini, finché non avesse restituito tutto il dovuto. 35Così anche il Padre mio celeste farà con voi se non perdonerete di cuore, ciascuno al proprio fratello».

 


Commenti

Post popolari in questo blog

Nelle tue mani

«Padre, nelle tue mani consegno il mio spirito». Parole decisive con cui si chiude il Vangelo di questa domenica delle Palme e della Passione del Signore (cf. Lc 22,14-23). Parole che sono un testamento per noi, l’indicazione preziosissima che Gesù ci dà per aiutarci a entrare nella vita. Qual è questa chiave che apre la porta della nostra relazione con Lui? È la fiducia totale, che si fa non solo intenzione, ma consegna di tutto se stesso al Padre. È un accogliere la realtà non come luogo da cui difendersi perché le cose non vanno come vorremmo noi, ma come luogo da amare perché mentre le cose vanno come vanno Gesù è con noi, immerso nella nostra vita, per camminare con noi, ed esserci custode e Padre. Infatti guardando i suoi discepoli addormentati “per la tristezza” Gesù li sveglia e gli dice: “Alzatevi e pregate, per non entrare in tentazione”. 
Dice questo dopo avere combattuto la sua battaglia più grande, quella contro la tentazione di allontanarsi dalla sofferenza. Gesù, da vero…

Tenersi pronti

Iniziamo l’Avvento, tempo di attesa e di desiderio, con l’invito stesso di Gesù ad essere vigili, attenti, pronti. Ma attenti a che cosa? Il discorso del Signore si riferisce alla fine della storia, al momento cosmico della parusìa, del suo ritorno definitivo, quando il male sarà definitivamente e per sempre messo a tacere, e ci sarà soltanto la realtà del Paradiso, della gioia e della felicità eterna nell’abbraccio con Dio. Ma facciamo un passo indietro. Gesù paragona questo momento ai tempi di Noè, quando, davanti al disastro ormai vicino, le persone vivevano come se niente fosse, ignare di tutto, perse in mille affanni e occupazioni, senza accorgersi di alcuni segni che indicavano il momento forte che si stava avvicinando. Solo Noè ascolta la sua coscienza e intende la voce di Dio e si mette a costruire quell’arca che sarà la sua salvezza.  Una volta Gesù aveva detto: quando tornerò, troverò la fede sulla terra? Il Signore in questi 2000 anni e più, ha fatto tutto per l’umanità, ha …

Dio che scioglie i nodi

Protagonista di questa vangelo è Giuseppe, lo sposo di Maria, al quale viene fatto un annuncio, in una modalità differente da quello fatto a Maria. Sarà nel sogno che un angelo andrà da lui per rivelargli il progetto di Dio. Ma cos’è accaduto a Giuseppe di tanto decisivo per cui Dio interviene parlandogli in sogno? Giuseppe è venuto a conoscenza della maternità di Maria. Lo Spirito Santo l’ha resa incinta di un bambino che sarà il Figlio di Dio, destinato ad essere grande. Davanti a questa comunicazione di Maria, Giuseppe resta inchiodato. La realtà bruscamente viene a destabilizzarlo. La vita che pensava di vivere in un attimo crolla miseramente. Tutto l’immaginario attorno a cui si era costruito viene meno. Non sposerà più la donna che ama, non avrà più una famiglia, non sarà benedetto come ogni ebreo che, nella vita familiare ricca di amore e di figli, vedeva la realizzazione concreta della benedizione di Dio. Messo davanti a un intervento di Dio tanto grande, Giuseppe ha paura. No…