Passa ai contenuti principali

Sciogli i nodi

 

In quel tempo Gesù, giunto nella regione di Cesarèa di Filippo, domandò ai suoi discepoli: «La gente, chi dice che sia il Figlio dell'uomo?». Risposero: «Alcuni dicono Giovanni il Battista, altri Elia, altri Geremia o qualcuno dei profeti».

Nel nord-est della Galilea, nei pressi dei Cesarea di Filippo, dunque in un luogo molto distante dalla città santa, Gerusalemme, in questa terra pagana avviene un dialogo cruciale tra Gesù e i suoi discepoli. Gesù vuole sapere cosa pensa la gente della sua identità. Per la gente Gesù è un profeta, un uomo marcato a fuoco dallo Spirito di Dio e perciò capace di riflettere bagliori della sua luce.

 Disse loro: «Ma voi, chi dite che io sia?». Rispose Simon Pietro: «Tu sei il Cristo, il Figlio del Dio vivente». E Gesù gli disse: «Beato sei tu, Simone, figlio di Giona, perché né carne né sangue te lo hanno rivelato, ma il Padre mio che è nei cieli.

 Gesù interroga Pietro e i suoi, Gesù bussa anche alla nostra porta, se non siamo sordi o ciechi ci accorgiamo della sua presenza e di come ci stimola in profondità affinché ci volgiamo a lui e possiamo riconoscerlo sempre più vivo e presente in noi. A volte ci sembra di non capire in che modo Dio ci stia guidando, ciò che conta è far agire lo Spirito in noi, accogliere la beatitudine di lasciarci fare da lui. E sarà lui a rivelarsi attraverso di noi. Occorre docilità e fiducia.

 E io a te dico: tu sei Pietro e su questa pietra edificherò la mia Chiesa e le potenze degli inferi non prevarranno su di essa. A te darò le chiavi del regno dei cieli: tutto ciò che legherai sulla terra sarà legato nei cieli, e tutto ciò che scioglierai sulla terra sarà sciolto nei cieli». 

Pietro diventa roccia su cui Gesù costruisce la sua comunità di figli, la chiesa. A lui Gesù dona i suoi poteri, la facoltà di insegnare, di battezzare, di confessare. Ma Pietro non è solo il sacerdote che attraverso i sacramenti che amministra si fa tramite della grazia, Pietro siamo ciascuno di noi battezzati che nella misura in cui restiamo uniti a Gesù abbiamo in mano le chiavi della nostra vita e della nostra felicità. Dio si dona a noi, ma se noi non lo facciamo vivere in noi, se non scegliamo di convertirci veramente al vangelo, credendo alla sua Parola più che alla nostra, affidandoci davvero, allora Dio avrà le mani legate. Possiamo sciogliere tantissimi nodi se solo lo vogliamo, se solo smettiamo di restare radicati nei nostri schemi mentali e nelle nostre convinzioni e lasciamo che Dio agisca, che ci guidi, che prenda il timone della nostra povera barca. Con la fede grande come un granellino di senape possiamo fare miracoli, dice il Signore.

 Maria a cui ci siamo affidati, è colei che sciogli i nodi, come madre accoglie la nostra preghiera di affidamento e lavora affinché le situazioni ingarbugliate e dolorose della nostra vita possano essere trasformate nell’armonia che solo Dio può creare, lui che è armonia e bellezza. Il cielo ce lo prepariamo qui sulla terra. Legando o sciogliendo con l’uso che facciamo della nostra libertà.

 

23 agosto 2020

Mt 16,13-20


In quel tempo 13Gesù, giunto nella regione di Cesarèa di Filippo, domandò ai suoi discepoli: «La gente, chi dice che sia il Figlio dell'uomo?». 14Risposero: «Alcuni dicono Giovanni il Battista, altri Elia, altri Geremia o qualcuno dei profeti». 15Disse loro: «Ma voi, chi dite che io sia?». 16Rispose Simon Pietro: «Tu sei il Cristo, il Figlio del Dio vivente». 17E Gesù gli disse: «Beato sei tu, Simone, figlio di Giona, perché né carne né sangue te lo hanno rivelato, ma il Padre mio che è nei cieli. 18E io a te dico: tu sei Pietro e su questa pietra edificherò la mia Chiesa e le potenze degli inferi non prevarranno su di essa. 19A te darò le chiavi del regno dei cieli: tutto ciò che legherai sulla terra sarà legato nei cieli, e tutto ciò che scioglierai sulla terra sarà sciolto nei cieli». 20Allora ordinò ai discepoli di non dire ad alcuno che egli era il Cristo.

 

Commenti

Post popolari in questo blog

Nelle tue mani

«Padre, nelle tue mani consegno il mio spirito». Parole decisive con cui si chiude il Vangelo di questa domenica delle Palme e della Passione del Signore (cf. Lc 22,14-23). Parole che sono un testamento per noi, l’indicazione preziosissima che Gesù ci dà per aiutarci a entrare nella vita. Qual è questa chiave che apre la porta della nostra relazione con Lui? È la fiducia totale, che si fa non solo intenzione, ma consegna di tutto se stesso al Padre. È un accogliere la realtà non come luogo da cui difendersi perché le cose non vanno come vorremmo noi, ma come luogo da amare perché mentre le cose vanno come vanno Gesù è con noi, immerso nella nostra vita, per camminare con noi, ed esserci custode e Padre. Infatti guardando i suoi discepoli addormentati “per la tristezza” Gesù li sveglia e gli dice: “Alzatevi e pregate, per non entrare in tentazione”. 
Dice questo dopo avere combattuto la sua battaglia più grande, quella contro la tentazione di allontanarsi dalla sofferenza. Gesù, da vero…

Tenersi pronti

Iniziamo l’Avvento, tempo di attesa e di desiderio, con l’invito stesso di Gesù ad essere vigili, attenti, pronti. Ma attenti a che cosa? Il discorso del Signore si riferisce alla fine della storia, al momento cosmico della parusìa, del suo ritorno definitivo, quando il male sarà definitivamente e per sempre messo a tacere, e ci sarà soltanto la realtà del Paradiso, della gioia e della felicità eterna nell’abbraccio con Dio. Ma facciamo un passo indietro. Gesù paragona questo momento ai tempi di Noè, quando, davanti al disastro ormai vicino, le persone vivevano come se niente fosse, ignare di tutto, perse in mille affanni e occupazioni, senza accorgersi di alcuni segni che indicavano il momento forte che si stava avvicinando. Solo Noè ascolta la sua coscienza e intende la voce di Dio e si mette a costruire quell’arca che sarà la sua salvezza.  Una volta Gesù aveva detto: quando tornerò, troverò la fede sulla terra? Il Signore in questi 2000 anni e più, ha fatto tutto per l’umanità, ha …

Dio che scioglie i nodi

Protagonista di questa vangelo è Giuseppe, lo sposo di Maria, al quale viene fatto un annuncio, in una modalità differente da quello fatto a Maria. Sarà nel sogno che un angelo andrà da lui per rivelargli il progetto di Dio. Ma cos’è accaduto a Giuseppe di tanto decisivo per cui Dio interviene parlandogli in sogno? Giuseppe è venuto a conoscenza della maternità di Maria. Lo Spirito Santo l’ha resa incinta di un bambino che sarà il Figlio di Dio, destinato ad essere grande. Davanti a questa comunicazione di Maria, Giuseppe resta inchiodato. La realtà bruscamente viene a destabilizzarlo. La vita che pensava di vivere in un attimo crolla miseramente. Tutto l’immaginario attorno a cui si era costruito viene meno. Non sposerà più la donna che ama, non avrà più una famiglia, non sarà benedetto come ogni ebreo che, nella vita familiare ricca di amore e di figli, vedeva la realizzazione concreta della benedizione di Dio. Messo davanti a un intervento di Dio tanto grande, Giuseppe ha paura. No…