Passa ai contenuti principali

La mia voce ti guiderà


In questo vangelo Gesù ci parla di elementi semplici della vita del suo tempo: usa immagini di quel mondo rurale in cui erano tanti ad allevare bestiame per vivere. Si paragona perciò a un pastore, che ogni giorno si dedica alle sue pecore, che deve nutrire e di cui deve prendersi cura. Tradotto in termini più vicini a noi, Gesù sta parlando della relazione che c’è tra lui e noi. Quando siamo disposti a fargli spazio, tra noi e lui si stabilisce una comunicazione autentica, viva e vera. Lui ci chiama per nome, ci conosce meglio di quanto noi conosciamo noi stessi. E noi siamo capaci di sintonizzarci con lui e di intuire e capire - seppur gradualmente - come vuole guidarci. Ciò su cui infatti è portata l’attenzione è il fatto che le pecore ascoltano e riconoscono solo la voce del loro pastore, per cui seguono solo lui e non altri, non si fanno ingannare da altre voci. Si fidano e si affidano, e poiché lo conoscono e sanno che le ama, lo seguono ogni volta che arriva alle loro orecchie il timbro della sua voce. 
Ogni giorno la nostra mente è attraversata da molteplici flussi di pensieri. Fin dai primi tempi del cristianesimo grande importanza è stata data alla capacità di distinguere i pensieri. Non tutti i pensieri vanno recepiti, non è utile lasciarsi inondare dal primo pensiero che arriva, senza fermarsi un attimo a considerare alcune cose. Ci sono pensieri “positivi” e pensieri “negativi”. I primi vengono dallo Spirito Santo e sono delle ispirazioni che ci aiutano a crescere nella vita, a camminare dritti, a testa alta, come persone sane e adulte. E ci sono anche pensieri che sono suggestioni che vengono dal male, ma anche dalla nostra debolezza personale, che va riconosciuta e risanata. Accogliere i pensieri positivi ci permette di ricevere “la vita in abbondanza” che Gesù è venuto a portarci e che ci promette oggi.
Si tratta di un semplice esercizio quotidiano: quando sentiamo affacciarsi alla nostra mente un pensiero, chiediamoci da dove viene e dove ci porta. Se ci porta verso l’amarezza, la tristezza, la sfiducia, il sospetto, stiamo in guardia e teniamolo lontano. Se invece sentiamo che quel pensiero ci consola, ci aiuta nello sforzo verso il bene, allora accogliamolo, perché ogni pensiero che porta ad amare Dio e gli altri, oltre che se stessi, non può che venire dal Signore e non può che farci bene.
Guardando a Maria, che noi affidati a lei vogliamo seguire e imitare, ci rendiamo conto che lei è stata come una docile pecorella che ha saputo con intelligenza e sapienza riconoscere la voce del Signore in mezzo a tutte le altre voci che pure cercarono di distoglierla dalla sua missione. Lei infatti nel vangelo di Giovanni dice la parola che più la caratterizza: “Qualsiasi cosa Gesù vi dica, fatela”. E oggi ripete a noi: qualsiasi cosa lo Spirito Santo vi ispira, impegnatevi a farla. Solo mettendoci nella sua scia la nostra vita avrà la giusta direzione. E seguire chi ci ama perché è l’Amore stesso è davvero la cosa più intelligente che possiamo fare, ben sapendo che se il Signore ci dà di capire questo col cuore, allora noi stiamo ascoltando la sua voce, si sta realizzando il miracolo più necessario: quello di chi finalmente si accorge che Dio lo ha nel cuore e che può davvero ascoltarlo, e vivere in base a ciò che ascolta.
3 maggio 2020
IV Domenica di Pasqua
Gv 10,1-10
1 In quel tempo, Gesù disse: «In verità, in verità io vi dico: chi non entra nel recinto delle pecore dalla porta, ma vi sale da un'altra parte, è un ladro e un brigante. 2Chi invece entra dalla porta, è pastore delle pecore. 3Il guardiano gli apre e le pecore ascoltano la sua voce: egli chiama le sue pecore, ciascuna per nome, e le conduce fuori. 4E quando ha spinto fuori tutte le sue pecore, cammina davanti a esse, e le pecore lo seguono perché conoscono la sua voce. 5Un estraneo invece non lo seguiranno, ma fuggiranno via da lui, perché non conoscono la voce degli estranei». 6Gesù disse loro questa similitudine, ma essi non capirono di che cosa parlava loro.
7Allora Gesù disse loro di nuovo: «In verità, in verità io vi dico: io sono la porta delle pecore. 8Tutti coloro che sono venuti prima di me, sono ladri e briganti; ma le pecore non li hanno ascoltati. 9Io sono la porta: se uno entra attraverso di me, sarà salvato; entrerà e uscirà e troverà pascolo. 10Il ladro non viene se non per rubare, uccidere e distruggere; io sono venuto perché abbiano la vita e l'abbiano in abbondanza.


Commenti

Post popolari in questo blog

Nelle tue mani

«Padre, nelle tue mani consegno il mio spirito». Parole decisive con cui si chiude il Vangelo di questa domenica delle Palme e della Passione del Signore (cf. Lc 22,14-23). Parole che sono un testamento per noi, l’indicazione preziosissima che Gesù ci dà per aiutarci a entrare nella vita. Qual è questa chiave che apre la porta della nostra relazione con Lui? È la fiducia totale, che si fa non solo intenzione, ma consegna di tutto se stesso al Padre. È un accogliere la realtà non come luogo da cui difendersi perché le cose non vanno come vorremmo noi, ma come luogo da amare perché mentre le cose vanno come vanno Gesù è con noi, immerso nella nostra vita, per camminare con noi, ed esserci custode e Padre. Infatti guardando i suoi discepoli addormentati “per la tristezza” Gesù li sveglia e gli dice: “Alzatevi e pregate, per non entrare in tentazione”. 
Dice questo dopo avere combattuto la sua battaglia più grande, quella contro la tentazione di allontanarsi dalla sofferenza. Gesù, da vero…

Tenersi pronti

Iniziamo l’Avvento, tempo di attesa e di desiderio, con l’invito stesso di Gesù ad essere vigili, attenti, pronti. Ma attenti a che cosa? Il discorso del Signore si riferisce alla fine della storia, al momento cosmico della parusìa, del suo ritorno definitivo, quando il male sarà definitivamente e per sempre messo a tacere, e ci sarà soltanto la realtà del Paradiso, della gioia e della felicità eterna nell’abbraccio con Dio. Ma facciamo un passo indietro. Gesù paragona questo momento ai tempi di Noè, quando, davanti al disastro ormai vicino, le persone vivevano come se niente fosse, ignare di tutto, perse in mille affanni e occupazioni, senza accorgersi di alcuni segni che indicavano il momento forte che si stava avvicinando. Solo Noè ascolta la sua coscienza e intende la voce di Dio e si mette a costruire quell’arca che sarà la sua salvezza.  Una volta Gesù aveva detto: quando tornerò, troverò la fede sulla terra? Il Signore in questi 2000 anni e più, ha fatto tutto per l’umanità, ha …

Dio che scioglie i nodi

Protagonista di questa vangelo è Giuseppe, lo sposo di Maria, al quale viene fatto un annuncio, in una modalità differente da quello fatto a Maria. Sarà nel sogno che un angelo andrà da lui per rivelargli il progetto di Dio. Ma cos’è accaduto a Giuseppe di tanto decisivo per cui Dio interviene parlandogli in sogno? Giuseppe è venuto a conoscenza della maternità di Maria. Lo Spirito Santo l’ha resa incinta di un bambino che sarà il Figlio di Dio, destinato ad essere grande. Davanti a questa comunicazione di Maria, Giuseppe resta inchiodato. La realtà bruscamente viene a destabilizzarlo. La vita che pensava di vivere in un attimo crolla miseramente. Tutto l’immaginario attorno a cui si era costruito viene meno. Non sposerà più la donna che ama, non avrà più una famiglia, non sarà benedetto come ogni ebreo che, nella vita familiare ricca di amore e di figli, vedeva la realizzazione concreta della benedizione di Dio. Messo davanti a un intervento di Dio tanto grande, Giuseppe ha paura. No…