Passa ai contenuti principali

Vicino al nostro cuore


Non ci ardeva forse il cuore mentre Gesù ci parlava? È questa la frase piena di stupore e di gioia che i due discepoli di Emmaus dicono nel vangelo di questa domenica.  All'inizio li troviamo in un momento critico della loro vita: delusi e addolorati dalla morte di Gesù, stanno fuggendo via da Gerusalemme. Sono diretti a Emmaus, un villaggio distante 11 chilometri. Hanno il volto basso, gli occhi tristi e stanchi, e discutono tra loro, quasi gettandosi addosso le parole. D'improvviso gli si fa vicino Gesù risorto,  ma loro non lo riconoscono. Pensano sia un viaggiatore come loro. 

E qui ci fermiamo un istante: pensiamo alle tante volte in cui, sopraffatti da sofferenze e preoccupazioni di ogni genere, o anche semplicemente dalla stanchezza della vita, ci rannicchiamo su noi stessi, chiudendoci nei nostri corti orizzonti. E scambiando la percezione che abbiamo delle cose con la realtà che è invece molto più grande. Vorremmo risolvere le cose pensando e ripensando ad esse. Ma questa strategia non è affatto vincente. Ci ritroviamo sempre più persi e senza forze. Stiamo facendo l'errore più grande che è quello di voler trovare da soli la soluzione, senza affidarci al Signore. Saremmo persi davvero se Gesù non fosse Gesù, ma poiché il Signore ci ama, si avvicina con discrezione e sapienza a ognuno di noi e ci fa la stessa domanda che fece ai due discepoli.  "Di che cosa state parlando?". 

Il Signore, prima di indicarci la via, ci ascolta profondamente. È Padre e perciò sa che abbiamo bisogno di qualcuno che ci ami incondizionatamente e amandoci, ci ascolti. Che crei nel suo intimo uno spazio per noi, in cui tutto quello che ci agita l'anima possa essere riversato come in un luogo sacro, che lo accoglie con amore senza giudizi.  

E allora i due iniziano a raccontargli delle loro illusioni frantumante e dei loro progetti falliti, perché avevano sperato che Gesù fosse il salvatore e invece era morto come tutti gli altri.  Una scena incredibile! Che ci dice che il Signore respira accanto a noi proprio mentre magari gli stiamo dicendo che lo sentiamo lontano. Una lezione immensa! Che ci fa chiedere: ma io, lascio che il Signore possa consolarmi? Gli faccio spazio oppure sono completamente identificato con me stesso e magari coi miei problemi?

Gesù gli spiega allora come nella Scrittura si parlasse di lui e bisognava che soffrisse e poi risorgesse. Gesù in poche parole gli offre un commento della Parola di Dio, proprio come stiamo facendo noi ora, riflettendo e pregando sul  vangelo. Gesù gli fa capire che la Parola di Dio ci permette di vivere, di dare un senso a tutto ciò che viviamo, e ci permette di imparare a vivere bene, modificando le nostre scelte. I due discepoli allora iniziano  a capire, ed è questo ascolto di fede che gli accende il cuore, infatti dopo che Gesù sparisce dalla loro vista, affermano stupiti: Non ci ardeva forse il cuore mentre Gesù ci parlava? 

Oggi vogliamo fermarci qui. Su questa parola. Possiamo chiederci: io mi agito pensando di cercare da qualche parte una forma di risposta al mio bisogno profondo di Dio? Oppure vado da lui? Lo ascolto e mi affido sul serio?

Come persone affidate a Maria sappiamo che la Madonna non ha altra parola per noi che questa: “fai quello che Gesù giorno per giorno ti dirà”, quello che lo Spirito ti ispira, tu fallo, senza paura. Ti ispira di pensare con fiducia quando sei tentato di scoraggiamento? Segui lo Spirito. Fidati. La tua natura tende a scendere verso la sfiducia, lo Spirito invece ti fa alzare la testa. Abbandonati con serenità e umiltà nelle sue mani. Lascia che la sua voce e la sua Parola entrino nel tuo cuore. Lo nutriranno e ti daranno quella luce necessaria che ti fa dire: “Resta con noi, Signore, perché si fa sera”.  Senza di te, è notte, buio nell’anima. Con te l’anima respira felice e sostiene tutta la persona.

26 aprile 2020


III Domenica di Pasqua
Lc 24,13-35
13In quello stesso giorno, il primo della settimana, due dei discepoli erano in cammino per un villaggio di nome Èmmaus, distante circa undici chilometri da Gerusalemme, 14e conversavano tra loro di tutto quello che era accaduto. 15Mentre conversavano e discutevano insieme, Gesù in persona si avvicinò e camminava con loro. 16Ma i loro occhi erano impediti a riconoscerlo. 17Ed egli disse loro: «Che cosa sono questi discorsi che state facendo tra voi lungo il cammino?». Si fermarono, col volto triste; 18uno di loro, di nome Clèopa, gli rispose: «Solo tu sei forestiero a Gerusalemme! Non sai ciò che vi è accaduto in questi giorni?». 19Domandò loro: «Che cosa?». Gli risposero: «Ciò che riguarda Gesù, il Nazareno, che fu profeta potente in opere e in parole, davanti a Dio e a tutto il popolo; 20come i capi dei sacerdoti e le nostre autorità lo hanno consegnato per farlo condannare a morte e lo hanno crocifisso. 21Noi speravamo che egli fosse colui che avrebbe liberato Israele; con tutto ciò, sono passati tre giorni da quando queste cose sono accadute. 22Ma alcune donne, delle nostre, ci hanno sconvolti; si sono recate al mattino alla tomba 23e, non avendo trovato il suo corpo, sono venute a dirci di aver avuto anche una visione di angeli, i quali affermano che egli è vivo. 24Alcuni dei nostri sono andati alla tomba e hanno trovato come avevano detto le donne, ma lui non l'hanno visto». 25Disse loro: «Stolti e lenti di cuore a credere in tutto ciò che hanno detto i profeti! 26Non bisognava che il Cristo patisse queste sofferenze per entrare nella sua gloria?». 27E, cominciando da Mosè e da tutti i profeti, spiegò loro in tutte le Scritture ciò che si riferiva a lui.  28Quando furono vicini al villaggio dove erano diretti, egli fece come se dovesse andare più lontano. 29Ma essi insistettero: «Resta con noi, perché si fa sera e il giorno è ormai al tramonto». Egli entrò per rimanere con loro. 30Quando fu a tavola con loro, prese il pane, recitò la benedizione, lo spezzò e lo diede loro. 31Allora si aprirono loro gli occhi e lo riconobbero. Ma egli sparì dalla loro vista. 32Ed essi dissero l'un l'altro: «Non ardeva forse in noi il nostro cuore mentre egli conversava con noi lungo la via, quando ci spiegava le Scritture?». 33Partirono senza indugio e fecero ritorno a Gerusalemme, dove trovarono riuniti gli Undici e gli altri che erano con loro, 34i quali dicevano: «Davvero il Signore è risorto ed è apparso a Simone!». 35Ed essi narravano ciò che era accaduto lungo la via e come l'avevano riconosciuto nello spezzare il pane.

Commenti

Post popolari in questo blog

Nelle tue mani

«Padre, nelle tue mani consegno il mio spirito». Parole decisive con cui si chiude il Vangelo di questa domenica delle Palme e della Passione del Signore (cf. Lc 22,14-23). Parole che sono un testamento per noi, l’indicazione preziosissima che Gesù ci dà per aiutarci a entrare nella vita. Qual è questa chiave che apre la porta della nostra relazione con Lui? È la fiducia totale, che si fa non solo intenzione, ma consegna di tutto se stesso al Padre. È un accogliere la realtà non come luogo da cui difendersi perché le cose non vanno come vorremmo noi, ma come luogo da amare perché mentre le cose vanno come vanno Gesù è con noi, immerso nella nostra vita, per camminare con noi, ed esserci custode e Padre. Infatti guardando i suoi discepoli addormentati “per la tristezza” Gesù li sveglia e gli dice: “Alzatevi e pregate, per non entrare in tentazione”. 
Dice questo dopo avere combattuto la sua battaglia più grande, quella contro la tentazione di allontanarsi dalla sofferenza. Gesù, da vero…

Tenersi pronti

Iniziamo l’Avvento, tempo di attesa e di desiderio, con l’invito stesso di Gesù ad essere vigili, attenti, pronti. Ma attenti a che cosa? Il discorso del Signore si riferisce alla fine della storia, al momento cosmico della parusìa, del suo ritorno definitivo, quando il male sarà definitivamente e per sempre messo a tacere, e ci sarà soltanto la realtà del Paradiso, della gioia e della felicità eterna nell’abbraccio con Dio. Ma facciamo un passo indietro. Gesù paragona questo momento ai tempi di Noè, quando, davanti al disastro ormai vicino, le persone vivevano come se niente fosse, ignare di tutto, perse in mille affanni e occupazioni, senza accorgersi di alcuni segni che indicavano il momento forte che si stava avvicinando. Solo Noè ascolta la sua coscienza e intende la voce di Dio e si mette a costruire quell’arca che sarà la sua salvezza.  Una volta Gesù aveva detto: quando tornerò, troverò la fede sulla terra? Il Signore in questi 2000 anni e più, ha fatto tutto per l’umanità, ha …

Dio che scioglie i nodi

Protagonista di questa vangelo è Giuseppe, lo sposo di Maria, al quale viene fatto un annuncio, in una modalità differente da quello fatto a Maria. Sarà nel sogno che un angelo andrà da lui per rivelargli il progetto di Dio. Ma cos’è accaduto a Giuseppe di tanto decisivo per cui Dio interviene parlandogli in sogno? Giuseppe è venuto a conoscenza della maternità di Maria. Lo Spirito Santo l’ha resa incinta di un bambino che sarà il Figlio di Dio, destinato ad essere grande. Davanti a questa comunicazione di Maria, Giuseppe resta inchiodato. La realtà bruscamente viene a destabilizzarlo. La vita che pensava di vivere in un attimo crolla miseramente. Tutto l’immaginario attorno a cui si era costruito viene meno. Non sposerà più la donna che ama, non avrà più una famiglia, non sarà benedetto come ogni ebreo che, nella vita familiare ricca di amore e di figli, vedeva la realizzazione concreta della benedizione di Dio. Messo davanti a un intervento di Dio tanto grande, Giuseppe ha paura. No…