Passa ai contenuti principali

Mi manifesterò a chi mi ama


“Se mi amate, osserverete i miei comandamenti”.
Amare voce del verbo osservare. Osservare nel senso di accogliere, fare spazio alla parola che Gesù ci rivolge, crederci, amarla come la verità su cui basare tutta la propria esistenza. Perché Gesù lega l’amore per lui all’ascolto della sua voce? La radice di ogni male sta nel non ascolto della Parola di Dio, nel non osservare il suo comandamento. Ma qual è il comandamento di Gesù? Amatevi come io vi ho amati. È come se Gesù dicesse: se ami me, ami te e ami tutti e tutto. O meglio ancora, se ti lasci amare da me, puoi amare a tua volta.

Io pregherò il Padre ed egli vi darà un altro Paràclito perché rimanga con voi per sempre, lo Spirito della verità”.
Gesù ci viene in soccorso e ci assicura che da dov’è ossia nella pienezza della vita trinitaria, prega per noi, intercede per noi, garantendoci la sua vicinanza attraverso lo Spirito Santo. Che Gesù chiama lo Spirito di verità. Una grande consolazione per noi, perché ci mette in pace, ci ricorda che noi abbiamo delle opinioni, solo lo Spirito possiede la verità e solo a lui possiamo chiederla. E tuttavia quando la nostra opinione si adegua a quello che lo Spirito suscita in noi, allora anche i nostri pensieri sono veri, secondo Dio.

“Egli rimane presso di voi e sarà in voi”. 
La più bella realtà di fede è sapersi immersi nello Spirito d’amore. Lui, che è Dio, rimane non solo accanto a noi, presso di noi ma anche in noi. Nel cuore del cuore, nella parte libera e più intima del nostro spirito, lì lo Spirito è, e da lì ci attrae a sé e ci manda le sue buone ispirazioni, affinché le seguiamo.

“Non vi lascerò orfani”.
Gesù sottolinea il fatto che sarà sempre con noi e in noi. Non siamo soli, mai. Anche se il mondo intero dei nostri affetti più cari si dimostrasse molto lacunoso, non abbiamo nulla da temere, nulla da soffrire, perché Gesù è il principio d’amore che dall’interno di noi stessi sostiene la nostra vita e ci dà l’aiuto necessario per continuare ad amare quando amare è faticoso, quando non conviene, quando è tutto in perdita. È lo Spirito a darci pace, a darci una misteriosa gioia interiore, che traspare dai nostri volti, che si esprime in gesti di amicizia, in scelte di vicinanza. Sperimentiamo allora che l’amore di Dio in noi, accolto, è oltre noi.

“Chi ama me sarà amato dal Padre mio e anch'io lo amerò e mi manifesterò a lui”.
Amo molto questo versetto che è la dichiarazione universale di realtà dell’amore di Dio per ciascuno di noi. A dispetto di tutte le mancanze di fiducia da parte di chi continua a ritenere di non poter vedere Dio, Gesù dichiara che si manifesterà a chi lo ama. Possiamo dare a questa Parola di Dio il valore opposto di non Parola di Dio? No, non possiamo. Gesù ha promesso! E la sua promessa è verità che si proietta nel futuro, quando a un dato momento si compirà davanti ai nostri occhi stupiti. Ogni umile attesa del suo volto andrà a buon fine. Sì, Gesù non si tiene lontano, il suo desiderio è proprio quello di manifestarsi all’anima. L’incontro con Dio non  è negato a nessuno.

Maria a cui ci affidiamo, ci insegna l’arte di riconoscere Dio nella vita. “L’anima mia magnifica il Signore “, dice “e il mio spirito esulta in Dio mio salvatore”. Lei che viveva della Parola di Dio, una volta ascoltata, la confrontava con la vita e cerava di capire come Dio la stesse guidando. E riconosceva i passaggi di Dio, la sua provvidenza e vicinanza. Oggi Maria ci avvolge sotto il suo manto materno e vuole darci il conforto che viene dal saperci amati, dal sapere che basta solo un po’ di attenzione allo Spirito presente in noi per sentire la pace e trovare nella certezza di appartenere a lui, la forza di sorridere alla vita e di continuare a impegnarci per una cultura della pace e del perdono.  

17 maggio 2020

VI Domenica di Pasqua
Dal Vangelo secondo Giovanni 14,15-21

1 In quel tempo, Gesù disse: «15Se mi amate, osserverete i miei comandamenti; 16e io pregherò il Padre ed egli vi darà un altro Paràclito perché rimanga con voi per sempre, 17lo Spirito della verità, che il mondo non può ricevere perché non lo vede e non lo conosce. Voi lo conoscete perché egli rimane presso di voi e sarà in voi. 18Non vi lascerò orfani: verrò da voi. 19Ancora un poco e il mondo non mi vedrà più; voi invece mi vedrete, perché io vivo e voi vivrete. 20In quel giorno voi saprete che io sono nel Padre mio e voi in me e io in voi. 21Chi accoglie i miei comandamenti e li osserva, questi è colui che mi ama. Chi ama me sarà amato dal Padre mio e anch'io lo amerò e mi manifesterò a lui»



Commenti

Post popolari in questo blog

Nelle tue mani

«Padre, nelle tue mani consegno il mio spirito». Parole decisive con cui si chiude il Vangelo di questa domenica delle Palme e della Passione del Signore (cf. Lc 22,14-23). Parole che sono un testamento per noi, l’indicazione preziosissima che Gesù ci dà per aiutarci a entrare nella vita. Qual è questa chiave che apre la porta della nostra relazione con Lui? È la fiducia totale, che si fa non solo intenzione, ma consegna di tutto se stesso al Padre. È un accogliere la realtà non come luogo da cui difendersi perché le cose non vanno come vorremmo noi, ma come luogo da amare perché mentre le cose vanno come vanno Gesù è con noi, immerso nella nostra vita, per camminare con noi, ed esserci custode e Padre. Infatti guardando i suoi discepoli addormentati “per la tristezza” Gesù li sveglia e gli dice: “Alzatevi e pregate, per non entrare in tentazione”. 
Dice questo dopo avere combattuto la sua battaglia più grande, quella contro la tentazione di allontanarsi dalla sofferenza. Gesù, da vero…

Tenersi pronti

Iniziamo l’Avvento, tempo di attesa e di desiderio, con l’invito stesso di Gesù ad essere vigili, attenti, pronti. Ma attenti a che cosa? Il discorso del Signore si riferisce alla fine della storia, al momento cosmico della parusìa, del suo ritorno definitivo, quando il male sarà definitivamente e per sempre messo a tacere, e ci sarà soltanto la realtà del Paradiso, della gioia e della felicità eterna nell’abbraccio con Dio. Ma facciamo un passo indietro. Gesù paragona questo momento ai tempi di Noè, quando, davanti al disastro ormai vicino, le persone vivevano come se niente fosse, ignare di tutto, perse in mille affanni e occupazioni, senza accorgersi di alcuni segni che indicavano il momento forte che si stava avvicinando. Solo Noè ascolta la sua coscienza e intende la voce di Dio e si mette a costruire quell’arca che sarà la sua salvezza.  Una volta Gesù aveva detto: quando tornerò, troverò la fede sulla terra? Il Signore in questi 2000 anni e più, ha fatto tutto per l’umanità, ha …

Dio che scioglie i nodi

Protagonista di questa vangelo è Giuseppe, lo sposo di Maria, al quale viene fatto un annuncio, in una modalità differente da quello fatto a Maria. Sarà nel sogno che un angelo andrà da lui per rivelargli il progetto di Dio. Ma cos’è accaduto a Giuseppe di tanto decisivo per cui Dio interviene parlandogli in sogno? Giuseppe è venuto a conoscenza della maternità di Maria. Lo Spirito Santo l’ha resa incinta di un bambino che sarà il Figlio di Dio, destinato ad essere grande. Davanti a questa comunicazione di Maria, Giuseppe resta inchiodato. La realtà bruscamente viene a destabilizzarlo. La vita che pensava di vivere in un attimo crolla miseramente. Tutto l’immaginario attorno a cui si era costruito viene meno. Non sposerà più la donna che ama, non avrà più una famiglia, non sarà benedetto come ogni ebreo che, nella vita familiare ricca di amore e di figli, vedeva la realizzazione concreta della benedizione di Dio. Messo davanti a un intervento di Dio tanto grande, Giuseppe ha paura. No…