Passa ai contenuti principali

Usa bene l’amore che ti do


Questa domenica Gesù ci raggiunge con una parabola, un racconto molto interessante: c’è un proprietario terriero e c’è un amministratore. Un giorno questo amministratore viene richiamato dal proprietario perché sta facendo male il suo lavoro e dopo il colloquio l’amministratore, immaginando di essere licenziato, decide di chiamare i debitori del suo datore di lavoro e di fargli tutta una serie di sconti sul prezzo dovuto. In questo modo si fa tanti amici che potranno aiutarlo al  momento del bisogno. Quando il proprietario viene a sapere il fatto, invece di rimproverarlo come ci aspetteremmo, si congratula e ne riconosce l’abilità. 
Cosa vuole dirci questa parola? Con essa Gesù ci mette davanti a una domanda: “Come utilizzi la ricchezza che io ti do?”. E subito ci viene da chiedere: quale ricchezza Signore? La ricchezza di cui parla non ha a che fare coi soldi, perché Gesù non è venuto a portarci dei soldi. Ma ha a che fare con qualcosa di molto più fondamentale, come lo è l’aria per poter respirare. Questa realtà vitale senza la quale non sappiamo come vivere né cosa siamo e dove andiamo è il suo amore. È il suo donarsi a noi, il suo esserci, il suo provvedere a ciascuno di noi. È la vita che Lui ci comunica attraverso il suo Spirito. Allora capiamo meglio la domanda su come usiamo la ricchezza che ci dà! E capiamo anche perché l’amministratore fa bene a ridurre i debiti. Qual è questo debito cancellato se non il nostro amore verso gli altri che colma e raddrizza le tante cose storte  che facciamo e che subiamo? In effetti l’esperienza ce lo dice: tutte le volte in cui non ci siamo lasciati sopraffare da sentimenti e pensieri negativi, di risentimento, o di tristezza e scoraggiamento, e abbiamo scelto di guardare persone  e situazioni con occhi velati di amabilità e di comprensione, allora abbiamo sentito di essere uniti a Dio. San Paolo nella lettera ai Romani dice altrettanto: “Non siate debitori di nulla a nessuno, se non dell'amore vicendevole”. In effetti esiste una misteriosa legge spirituale: "La grazia si attiva e cresce nella misura in cui usciamo a donarla" (papa Francesco). Dunque la ricchezza che Dio ci mette nel cuore, se la mettiamo in circolazione, miracolosamente diventa attiva e cresce, come se prima fosse sì esistente ma come addormentata. 
L’affidamento a Maria, nella sua essenza, è un consegnarsi alla Madre perché ci aiuti a tenere sempre lo sguardo fisso su Gesù, e il cuore aperto al suo amore. Non è un piccolo dono avere un tale aiuto da Maria! Perché a ogni passo una parte di noi rema contro la fiducia, essendo noi fatti di terra e cielo, segnati da una costante ambivalenza. E allora sentirci costantemente sorretti da questa Madre ci rafforza nel positivo, ci stimola a continuare sulla strada intrapresa quando arrivano degli ostacoli che fanno pensare a uno stop. "Usa bene i doni che il Signore ti dà", ci dice Maria, "apriti alla sua azione, ascolta la sua voce inconfondibile! Lasciati amare e consolare". Confida in Lui e attendi con pazienza e umiltà che si compia la sua opera nella tua vita. Lasciati condurre da Lui, da me… direbbe san Massimiliano Kolbe “Lasciati condurre nella pace; non sei tu, ma è la grazia di Dio con te che deve fare tutto. Le grazie le ottengono quelli che hanno fiducia”.
22 settembre 2019
Lc 16,1-13
XXV DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO

In quel tempo,1 Gesù diceva ai discepoli: «Un uomo ricco aveva un amministratore, e questi fu accusato dinanzi a lui di sperperare i suoi averi. 2Lo chiamò e gli disse: «Che cosa sento dire di te? Rendi conto della tua amministrazione, perché non potrai più amministrare». 3L'amministratore disse tra sé: «Che cosa farò, ora che il mio padrone mi toglie l'amministrazione? Zappare, non ne ho la forza; mendicare, mi vergogno. 4So io che cosa farò perché, quando sarò stato allontanato dall'amministrazione, ci sia qualcuno che mi accolga in casa sua». 5Chiamò uno per uno i debitori del suo padrone e disse al primo: «Tu quanto devi al mio padrone?». 6Quello rispose: «Cento barili d'olio». Gli disse: «Prendi la tua ricevuta, siediti subito e scrivi cinquanta». 7Poi disse a un altro: «Tu quanto devi?». Rispose: «Cento misure di grano». Gli disse: «Prendi la tua ricevuta e scrivi ottanta». 8Il padrone lodò quell'amministratore disonesto, perché aveva agito con scaltrezza. I figli di questo mondo, infatti, verso i loro pari sono più scaltri dei figli della luce. Ebbene, io vi dico: fatevi degli amici con la ricchezza disonesta, perché, quando questa verrà a mancare, essi vi accolgano nelle dimore eterne.10Chi è fedele in cose di poco conto, è fedele anche in cose importanti; e chi è disonesto in cose di poco conto, è disonesto anche in cose importanti. 11Se dunque non siete stati fedeli nella ricchezza disonesta, chi vi affiderà quella vera? 12E se non siete stati fedeli nella ricchezza altrui, chi vi darà la vostra? 13Nessun servitore può servire due padroni, perché o odierà l'uno e amerà l'altro, oppure si affezionerà all'uno e disprezzerà l'altro. Non potete servire Dio e la ricchezza».


Commenti

Post popolari in questo blog

Nelle tue mani

«Padre, nelle tue mani consegno il mio spirito». Parole decisive con cui si chiude il Vangelo di questa domenica delle Palme e della Passione del Signore (cf. Lc 22,14-23). Parole che sono un testamento per noi, l’indicazione preziosissima che Gesù ci dà per aiutarci a entrare nella vita. Qual è questa chiave che apre la porta della nostra relazione con Lui? È la fiducia totale, che si fa non solo intenzione, ma consegna di tutto se stesso al Padre. È un accogliere la realtà non come luogo da cui difendersi perché le cose non vanno come vorremmo noi, ma come luogo da amare perché mentre le cose vanno come vanno Gesù è con noi, immerso nella nostra vita, per camminare con noi, ed esserci custode e Padre. Infatti guardando i suoi discepoli addormentati “per la tristezza” Gesù li sveglia e gli dice: “Alzatevi e pregate, per non entrare in tentazione”. 
Dice questo dopo avere combattuto la sua battaglia più grande, quella contro la tentazione di allontanarsi dalla sofferenza. Gesù, da vero…

Tenersi pronti

Iniziamo l’Avvento, tempo di attesa e di desiderio, con l’invito stesso di Gesù ad essere vigili, attenti, pronti. Ma attenti a che cosa? Il discorso del Signore si riferisce alla fine della storia, al momento cosmico della parusìa, del suo ritorno definitivo, quando il male sarà definitivamente e per sempre messo a tacere, e ci sarà soltanto la realtà del Paradiso, della gioia e della felicità eterna nell’abbraccio con Dio. Ma facciamo un passo indietro. Gesù paragona questo momento ai tempi di Noè, quando, davanti al disastro ormai vicino, le persone vivevano come se niente fosse, ignare di tutto, perse in mille affanni e occupazioni, senza accorgersi di alcuni segni che indicavano il momento forte che si stava avvicinando. Solo Noè ascolta la sua coscienza e intende la voce di Dio e si mette a costruire quell’arca che sarà la sua salvezza.  Una volta Gesù aveva detto: quando tornerò, troverò la fede sulla terra? Il Signore in questi 2000 anni e più, ha fatto tutto per l’umanità, ha …

Dio che scioglie i nodi

Protagonista di questa vangelo è Giuseppe, lo sposo di Maria, al quale viene fatto un annuncio, in una modalità differente da quello fatto a Maria. Sarà nel sogno che un angelo andrà da lui per rivelargli il progetto di Dio. Ma cos’è accaduto a Giuseppe di tanto decisivo per cui Dio interviene parlandogli in sogno? Giuseppe è venuto a conoscenza della maternità di Maria. Lo Spirito Santo l’ha resa incinta di un bambino che sarà il Figlio di Dio, destinato ad essere grande. Davanti a questa comunicazione di Maria, Giuseppe resta inchiodato. La realtà bruscamente viene a destabilizzarlo. La vita che pensava di vivere in un attimo crolla miseramente. Tutto l’immaginario attorno a cui si era costruito viene meno. Non sposerà più la donna che ama, non avrà più una famiglia, non sarà benedetto come ogni ebreo che, nella vita familiare ricca di amore e di figli, vedeva la realizzazione concreta della benedizione di Dio. Messo davanti a un intervento di Dio tanto grande, Giuseppe ha paura. No…