Passa ai contenuti principali

Il domicilio del mio cuore

«Dal di dentro dell’uomo escono i propositi di male» (Mc 7,21). Gesù, in questa domenica, sgombra il campo da ogni tentativo di sviare sulle situazioni e sulle cause esterne la ragione dei nostri comportamenti sbagliati e delle nostre insoddisfazioni. Il vero motivo è un cuore lontano dalla verità, lontano da Lui. È questione di dove siamo collocati. Se abitiamo le regioni più distanti del nostro essere, le parti più esterne, periferiche, oppure se siamo in contatto con la nostra parte più autentica, il nostro vero sé. Questione dunque di distanze e di “domicilio”.

Da questo punto di vista la Vergine Maria ha molto da insegnarci. Lei che non ha mai peccato, cioè non ha mai volontariamente e per scelta distolto lo sguardo dalla verità. Il suo principale impegno è stato quello di risiedere sempre al centro del suo cuore, dove Dio abita con la sua verità. Così ravvicinata a Lui, è riuscita a distinguere con facilità la via del bene. Certo anche lei ha dovuto accogliere il mistero di una sapienza troppo grande da poter comprendere e abbracciare del tutto, però nella vita ordinaria ha facilmente aderito alle buone ispirazioni, proprio perché il suo cuore non era lontano dalla verità.

Quando sentiamo la fatica di prendere decisioni, di capire dove stiamo andando e anche di giudicare il bene delle nostre azioni, della nostra condotta di vita, fermiamoci e chiediamoci se come Maria abitiamo il nostro cuore oppure se siamo esiliati in chissà quale regione esterna a noi. Ovvio che la voce di Dio, se si abita lontano da sé, non si coglie né si capisce. Ovvio che tutto è vago e incerto, che non si hanno sicurezze, che ci si sente soli. Chi ha mai sentito la sua voce? Eppure la sua voce si sente, eccome! Anche chi abita lontano da sé spesso fa l’esperienza di sentirsi affascinato, attratto da una parola, da una persona, da qualche segno che rimanda al Signore, alla verità. E allora qualcosa dentro si muove, una scintilla di amore si accende, un raggio caldo attraversa il buio fitto e fa intravedere possibili cammini.


Gesù nel Vangelo di oggi sottolinea che quegli ebrei lo onorano con le labbra ma il loro cuore è lontano. Maria lo ha onorato con le labbra ma soprattutto con tutto il suo cuore. E ha trovato la via diritta. Quella stessa che ci invita a percorrere. Lei che è Madre e che ha ricevuto da Gesù il compito e il potere di accompagnarci e di darci tutti gli aiuti utili per risalire la china e fare l’esperienza della rinascita spirituale. Tu, da che parte stai? Dove risiedi? Cosa ti suggerisce lo Spirito Santo? Quali indicazioni ti dà? Che grado di risposta dai? Pronta e accogliente oppure pigra e diffidente? Fare chiarezza su questo punto è fondamentale: in base alla risposta sapremo a che punto siamo e a quale passo di rinnovamento ci sta chiamando con amore e tenacia il nostro Dio, con l’aiuto sempre premuroso di Maria. 

Commenti

Post popolari in questo blog

Nelle tue mani

«Padre, nelle tue mani consegno il mio spirito». Parole decisive con cui si chiude il Vangelo di questa domenica delle Palme e della Passione del Signore (cf. Lc 22,14-23). Parole che sono un testamento per noi, l’indicazione preziosissima che Gesù ci dà per aiutarci a entrare nella vita. Qual è questa chiave che apre la porta della nostra relazione con Lui? È la fiducia totale, che si fa non solo intenzione, ma consegna di tutto se stesso al Padre. È un accogliere la realtà non come luogo da cui difendersi perché le cose non vanno come vorremmo noi, ma come luogo da amare perché mentre le cose vanno come vanno Gesù è con noi, immerso nella nostra vita, per camminare con noi, ed esserci custode e Padre. Infatti guardando i suoi discepoli addormentati “per la tristezza” Gesù li sveglia e gli dice: “Alzatevi e pregate, per non entrare in tentazione”. 
Dice questo dopo avere combattuto la sua battaglia più grande, quella contro la tentazione di allontanarsi dalla sofferenza. Gesù, da vero…

Tenersi pronti

Iniziamo l’Avvento, tempo di attesa e di desiderio, con l’invito stesso di Gesù ad essere vigili, attenti, pronti. Ma attenti a che cosa? Il discorso del Signore si riferisce alla fine della storia, al momento cosmico della parusìa, del suo ritorno definitivo, quando il male sarà definitivamente e per sempre messo a tacere, e ci sarà soltanto la realtà del Paradiso, della gioia e della felicità eterna nell’abbraccio con Dio. Ma facciamo un passo indietro. Gesù paragona questo momento ai tempi di Noè, quando, davanti al disastro ormai vicino, le persone vivevano come se niente fosse, ignare di tutto, perse in mille affanni e occupazioni, senza accorgersi di alcuni segni che indicavano il momento forte che si stava avvicinando. Solo Noè ascolta la sua coscienza e intende la voce di Dio e si mette a costruire quell’arca che sarà la sua salvezza.  Una volta Gesù aveva detto: quando tornerò, troverò la fede sulla terra? Il Signore in questi 2000 anni e più, ha fatto tutto per l’umanità, ha …

Dio che scioglie i nodi

Protagonista di questa vangelo è Giuseppe, lo sposo di Maria, al quale viene fatto un annuncio, in una modalità differente da quello fatto a Maria. Sarà nel sogno che un angelo andrà da lui per rivelargli il progetto di Dio. Ma cos’è accaduto a Giuseppe di tanto decisivo per cui Dio interviene parlandogli in sogno? Giuseppe è venuto a conoscenza della maternità di Maria. Lo Spirito Santo l’ha resa incinta di un bambino che sarà il Figlio di Dio, destinato ad essere grande. Davanti a questa comunicazione di Maria, Giuseppe resta inchiodato. La realtà bruscamente viene a destabilizzarlo. La vita che pensava di vivere in un attimo crolla miseramente. Tutto l’immaginario attorno a cui si era costruito viene meno. Non sposerà più la donna che ama, non avrà più una famiglia, non sarà benedetto come ogni ebreo che, nella vita familiare ricca di amore e di figli, vedeva la realizzazione concreta della benedizione di Dio. Messo davanti a un intervento di Dio tanto grande, Giuseppe ha paura. No…