Con la testa e con il cuore


Questa domenica la Parola di Gesù stimola la nostra intelligenza a un ragionamento (cf. Gv 6,60-69). Gesù offre se stesso nel dono dell’eucaristia. Non dice che la sua proposta è la cosa più facile del mondo da capire. Porge la verità nella sua semplicità e nudità. 
E lascia che ognuno interroghi personalmente il suo cuore sulla risposta da dare. La parola viene definita “dura” dai discepoli. Cioè difficile da capire. Ma questo non è peccato. Anche Maria all’annunciazione non ha compreso. Il peccato sta nella durezza di cuore. Gesù perciò sottolinea: «Questo vi scandalizza?». Davanti al dono della fede, si presentano vari scandali, vari ostacoli. La verità tocca la mente e afferra il cuore, e chiede una risposta adeguata. Di fede. Solo il cuore può superare la pietra di inciampo che l’intelligenza a un certo punto pone davanti. Solo il cuore fa entrare la ragione in una Ragione più grande. Gesù infatti subito aggiunge che è lo Spirito che dà la vita.

Maria ha visto l’ostacolo ma non vi è inciampata. Ha chiesto aiuto a Dio e Dio le ha risposto. Lo Spirito farà tutto perché nulla gli è impossibile. Così Maria comprende che la vita di fede è una questione di proporzione. I doni spirituali non si accolgono solo con un bel ragionamento ma specialmente con l’apertura del cuore, con la fiducia. Per ogni peso la sua misura. La fiducia poi risana l’intelligenza, la rettifica, raddrizza i suoi giudizi sbagliati e la fa lavorare bene, come un meccanismo che dopo essersi arrugginito torna a funzionare. Credo per capire, capisco per credere, diceva Agostino. Finché vuoi pescare un tonno con un amo di due centimetri ti troverai sempre sconfitto e catapultato nelle acque. Con il rischio di arrivare a credere che il tonno non esiste perché non abbocca al tuo amo. Senza fiducia in Dio l’intelligenza si ammala. I discepoli infatti non potendosi spiegare questi strani discorsi di Gesù, preferiscono voltargli le spalle. Meglio lasciarlo perdere.


Fortuna che Pietro, come prima di lui Maria, salta su con la sua stupenda affermazione: «Non ti lasceremo, perché tu solo, mio Signore hai parole di vita eterna!». Affidarci a Maria oggi significa vivere le nostre cose con il cuore e con la testa. Prima e fondamentalmente con il cuore e anche con la testa. Il cuore ci fa balzare oltre la tastiera del computer dove stiamo lavorando, oltre le pratiche sulla scrivania che chiedono di essere studiate, oltre il limite di tante situazioni e relazioni che ci sembrano strette e difettose. Aprirsi e abbandonarsi a questa Madre che ci ama ha la forza di farci sorridere, di farci prendere le giuste distanze dalle cose: la vera vita infatti è un’altra, e la portiamo dentro. Quello che Maria ci chiede è: «Vuoi provare a guardare la tua vita da questo punto di vista? vuoi appoggiarti a Dio che è in te?». Chi non ci crede o non riesce faccia la prova, come diceva Massimiliano Kolbe, e sperimenterà in prima persona chi è l’Immacolata, chi è questa nostra Madre.  

Commenti