Passa ai contenuti principali

Con la testa e con il cuore


Questa domenica la Parola di Gesù stimola la nostra intelligenza a un ragionamento (cf. Gv 6,60-69). Gesù offre se stesso nel dono dell’eucaristia. Non dice che la sua proposta è la cosa più facile del mondo da capire. Porge la verità nella sua semplicità e nudità. 
E lascia che ognuno interroghi personalmente il suo cuore sulla risposta da dare. La parola viene definita “dura” dai discepoli. Cioè difficile da capire. Ma questo non è peccato. Anche Maria all’annunciazione non ha compreso. Il peccato sta nella durezza di cuore. Gesù perciò sottolinea: «Questo vi scandalizza?». Davanti al dono della fede, si presentano vari scandali, vari ostacoli. La verità tocca la mente e afferra il cuore, e chiede una risposta adeguata. Di fede. Solo il cuore può superare la pietra di inciampo che l’intelligenza a un certo punto pone davanti. Solo il cuore fa entrare la ragione in una Ragione più grande. Gesù infatti subito aggiunge che è lo Spirito che dà la vita.

Maria ha visto l’ostacolo ma non vi è inciampata. Ha chiesto aiuto a Dio e Dio le ha risposto. Lo Spirito farà tutto perché nulla gli è impossibile. Così Maria comprende che la vita di fede è una questione di proporzione. I doni spirituali non si accolgono solo con un bel ragionamento ma specialmente con l’apertura del cuore, con la fiducia. Per ogni peso la sua misura. La fiducia poi risana l’intelligenza, la rettifica, raddrizza i suoi giudizi sbagliati e la fa lavorare bene, come un meccanismo che dopo essersi arrugginito torna a funzionare. Credo per capire, capisco per credere, diceva Agostino. Finché vuoi pescare un tonno con un amo di due centimetri ti troverai sempre sconfitto e catapultato nelle acque. Con il rischio di arrivare a credere che il tonno non esiste perché non abbocca al tuo amo. Senza fiducia in Dio l’intelligenza si ammala. I discepoli infatti non potendosi spiegare questi strani discorsi di Gesù, preferiscono voltargli le spalle. Meglio lasciarlo perdere.


Fortuna che Pietro, come prima di lui Maria, salta su con la sua stupenda affermazione: «Non ti lasceremo, perché tu solo, mio Signore hai parole di vita eterna!». Affidarci a Maria oggi significa vivere le nostre cose con il cuore e con la testa. Prima e fondamentalmente con il cuore e anche con la testa. Il cuore ci fa balzare oltre la tastiera del computer dove stiamo lavorando, oltre le pratiche sulla scrivania che chiedono di essere studiate, oltre il limite di tante situazioni e relazioni che ci sembrano strette e difettose. Aprirsi e abbandonarsi a questa Madre che ci ama ha la forza di farci sorridere, di farci prendere le giuste distanze dalle cose: la vera vita infatti è un’altra, e la portiamo dentro. Quello che Maria ci chiede è: «Vuoi provare a guardare la tua vita da questo punto di vista? vuoi appoggiarti a Dio che è in te?». Chi non ci crede o non riesce faccia la prova, come diceva Massimiliano Kolbe, e sperimenterà in prima persona chi è l’Immacolata, chi è questa nostra Madre.  

Commenti

Post popolari in questo blog

Nelle tue mani

«Padre, nelle tue mani consegno il mio spirito». Parole decisive con cui si chiude il Vangelo di questa domenica delle Palme e della Passione del Signore (cf. Lc 22,14-23). Parole che sono un testamento per noi, l’indicazione preziosissima che Gesù ci dà per aiutarci a entrare nella vita. Qual è questa chiave che apre la porta della nostra relazione con Lui? È la fiducia totale, che si fa non solo intenzione, ma consegna di tutto se stesso al Padre. È un accogliere la realtà non come luogo da cui difendersi perché le cose non vanno come vorremmo noi, ma come luogo da amare perché mentre le cose vanno come vanno Gesù è con noi, immerso nella nostra vita, per camminare con noi, ed esserci custode e Padre. Infatti guardando i suoi discepoli addormentati “per la tristezza” Gesù li sveglia e gli dice: “Alzatevi e pregate, per non entrare in tentazione”. 
Dice questo dopo avere combattuto la sua battaglia più grande, quella contro la tentazione di allontanarsi dalla sofferenza. Gesù, da vero…

Tenersi pronti

Iniziamo l’Avvento, tempo di attesa e di desiderio, con l’invito stesso di Gesù ad essere vigili, attenti, pronti. Ma attenti a che cosa? Il discorso del Signore si riferisce alla fine della storia, al momento cosmico della parusìa, del suo ritorno definitivo, quando il male sarà definitivamente e per sempre messo a tacere, e ci sarà soltanto la realtà del Paradiso, della gioia e della felicità eterna nell’abbraccio con Dio. Ma facciamo un passo indietro. Gesù paragona questo momento ai tempi di Noè, quando, davanti al disastro ormai vicino, le persone vivevano come se niente fosse, ignare di tutto, perse in mille affanni e occupazioni, senza accorgersi di alcuni segni che indicavano il momento forte che si stava avvicinando. Solo Noè ascolta la sua coscienza e intende la voce di Dio e si mette a costruire quell’arca che sarà la sua salvezza.  Una volta Gesù aveva detto: quando tornerò, troverò la fede sulla terra? Il Signore in questi 2000 anni e più, ha fatto tutto per l’umanità, ha …

Dio che scioglie i nodi

Protagonista di questa vangelo è Giuseppe, lo sposo di Maria, al quale viene fatto un annuncio, in una modalità differente da quello fatto a Maria. Sarà nel sogno che un angelo andrà da lui per rivelargli il progetto di Dio. Ma cos’è accaduto a Giuseppe di tanto decisivo per cui Dio interviene parlandogli in sogno? Giuseppe è venuto a conoscenza della maternità di Maria. Lo Spirito Santo l’ha resa incinta di un bambino che sarà il Figlio di Dio, destinato ad essere grande. Davanti a questa comunicazione di Maria, Giuseppe resta inchiodato. La realtà bruscamente viene a destabilizzarlo. La vita che pensava di vivere in un attimo crolla miseramente. Tutto l’immaginario attorno a cui si era costruito viene meno. Non sposerà più la donna che ama, non avrà più una famiglia, non sarà benedetto come ogni ebreo che, nella vita familiare ricca di amore e di figli, vedeva la realizzazione concreta della benedizione di Dio. Messo davanti a un intervento di Dio tanto grande, Giuseppe ha paura. No…