Passa ai contenuti principali

Onesti davanti alla vita

 

Questa domenica attraverso il vangelo siamo portati all’interno di un conflitto che avviene tra un gruppo di farisei e Gesù, o meglio tra un gruppo di discepoli dei farisei e Gesù. Infatti i farisei non hanno il coraggio di andare di persona da Gesù ma mandano altri con lo scopo di cogliere in errore Gesù. Capita anche nelle nostre relazioni che si vada incontro a qualcuno con un pregiudizio. Già sappiamo l’altro come reagirà, cosa farà, e puntiamo il nostro sguardo sui suoi difetti, per cui cerchiamo anche inconsciamente di metterlo in una condizione in cui farà qualcosa di sbagliato. È il caso in cui noi non siamo specchio limpido per l’altro ma deformante: etichettiamo l’altro e con la nostra non-accoglienza lo induciamo a tirare fuori il peggio di sé!

E possiamo fare questo anche con la vita, con le situazioni, con la Parola di Dio che ascoltiamo. Non ci poniamo con onestà davanti alla realtà ma cerchiamo quello che vogliamo vedere noi. Anche se è sbagliato e ci farà male.

Gesù oggi ci invita a non fare più così. A prendere coscienza che mettiamo dei filtri tra noi e lui, tra noi e la sua parola, tra noi e gli altri, tra noi e la vita. Il problema è che Dio ci parla nella vita e se noi mettiamo questi filtri protettivi poi come fa il Signore ad arrivare fino a noi? Non dimentichiamo mai che siamo liberi. Dio bussa e non si impone. Quando Gesù alla fine di questo vangelo dice: “Date a Cesare quello che è di Cesare e a Dio quello che è di Dio”, ci sta dicendo che dobbiamo essere onesti con noi stessi e con la vita. Ci sono obbedienze alla vita necessarie, legate alla nostra condizione come alzarsi presto al mattino per andare al lavoro, attendere il proprio turno quando siamo in fila, accettare il tempo che passa e gli acciacchi che ci limitano, avere pazienza e sapere attendere i tempi e i momenti giusti. E c’è l’obbedienza a Dio, dove obbedire significa ob-audire ossia accogliere con fede ciò che abbiamo ascoltato da lui, ciò che lui ci ha detto. E Dio ci parla nella vita: mentre viviamo le obbedienze necessarie, lui ci ispira e ci assiste con il suo Spirito, ci aiuta a scegliere secondo il suo pensiero. Perciò se siamo uniti al Signore, sapremo stare nella vita con un certo stile, in un certo modo, con la serena certezza che stiamo costruendo insieme con Dio, dunque cerchiamo la sua volontà nelle cose che ci capitano e che viviamo. E siamo perciò sereni nel dare a Cesare ciò che è di Cesare ossia nell’accettare tutto ciò che la vita comporta.

In altri passi del vangelo Gesù raccomanda di non preoccuparsi e di lasciare che sia lo Spirito Santo a insegnarci come e cosa dire, specialmente quando siamo in difficoltà, quando viviamo certe situazioni in cui ci sentiamo sotto accusa. Maria, a cui sempre guardiamo, è stata capace di non frapporre filtri tra sé e la realtà, mai ha cercato di chiudere gli occhi di fronte alle sfide che la vita che le ha portato. Se pensiamo a come ha affrontato la morte ingiusta del figlio, capiamo al volo come sia rimasta nell’esperienza del dolore conservando intatto il suo affidamento al Padre. A quel Padre del cielo che ha appunto promesso lo Spirito Santo come Consolatore nel momento della prova. Maria non ha mai pensato che Dio potesse avere qualcosa di sbagliato nel permettere certi eventi, ha saputo custodire il dono più prezioso: la fede in lui e nella sua bontà, la fiducia in un nuovo futuro possibile.  

 

18 ottobre 2020

Mt 22,15-21
29° Domenica nell’anno

In quel tempo15i farisei tennero consiglio per vedere come cogliere in fallo Gesù nei suoi discorsi. 16Mandarono dunque da lui i propri discepoli, con gli erodiani, a dirgli: «Maestro, sappiamo che sei veritiero e insegni la via di Dio secondo verità. Tu non hai soggezione di alcuno, perché non guardi in faccia a nessuno. 17Dunque, di' a noi il tuo parere: è lecito, o no, pagare il tributo a Cesare?». 18Ma Gesù, conoscendo la loro malizia, rispose: «Ipocriti, perché volete mettermi alla prova? 19Mostratemi la moneta del tributo». Ed essi gli presentarono un denaro. 20Egli domandò loro: «Questa immagine e l'iscrizione, di chi sono?». 21Gli risposero: «Di Cesare». Allora disse loro: «Rendete dunque a Cesare quello che è di Cesare e a Dio quello che è di Dio».

 

Commenti

Post popolari in questo blog

Nelle tue mani

«Padre, nelle tue mani consegno il mio spirito». Parole decisive con cui si chiude il Vangelo di questa domenica delle Palme e della Passione del Signore (cf. Lc 22,14-23). Parole che sono un testamento per noi, l’indicazione preziosissima che Gesù ci dà per aiutarci a entrare nella vita. Qual è questa chiave che apre la porta della nostra relazione con Lui? È la fiducia totale, che si fa non solo intenzione, ma consegna di tutto se stesso al Padre. È un accogliere la realtà non come luogo da cui difendersi perché le cose non vanno come vorremmo noi, ma come luogo da amare perché mentre le cose vanno come vanno Gesù è con noi, immerso nella nostra vita, per camminare con noi, ed esserci custode e Padre. Infatti guardando i suoi discepoli addormentati “per la tristezza” Gesù li sveglia e gli dice: “Alzatevi e pregate, per non entrare in tentazione”. 
Dice questo dopo avere combattuto la sua battaglia più grande, quella contro la tentazione di allontanarsi dalla sofferenza. Gesù, da vero…

Tenersi pronti

Iniziamo l’Avvento, tempo di attesa e di desiderio, con l’invito stesso di Gesù ad essere vigili, attenti, pronti. Ma attenti a che cosa? Il discorso del Signore si riferisce alla fine della storia, al momento cosmico della parusìa, del suo ritorno definitivo, quando il male sarà definitivamente e per sempre messo a tacere, e ci sarà soltanto la realtà del Paradiso, della gioia e della felicità eterna nell’abbraccio con Dio. Ma facciamo un passo indietro. Gesù paragona questo momento ai tempi di Noè, quando, davanti al disastro ormai vicino, le persone vivevano come se niente fosse, ignare di tutto, perse in mille affanni e occupazioni, senza accorgersi di alcuni segni che indicavano il momento forte che si stava avvicinando. Solo Noè ascolta la sua coscienza e intende la voce di Dio e si mette a costruire quell’arca che sarà la sua salvezza.  Una volta Gesù aveva detto: quando tornerò, troverò la fede sulla terra? Il Signore in questi 2000 anni e più, ha fatto tutto per l’umanità, ha …

Dio che scioglie i nodi

Protagonista di questa vangelo è Giuseppe, lo sposo di Maria, al quale viene fatto un annuncio, in una modalità differente da quello fatto a Maria. Sarà nel sogno che un angelo andrà da lui per rivelargli il progetto di Dio. Ma cos’è accaduto a Giuseppe di tanto decisivo per cui Dio interviene parlandogli in sogno? Giuseppe è venuto a conoscenza della maternità di Maria. Lo Spirito Santo l’ha resa incinta di un bambino che sarà il Figlio di Dio, destinato ad essere grande. Davanti a questa comunicazione di Maria, Giuseppe resta inchiodato. La realtà bruscamente viene a destabilizzarlo. La vita che pensava di vivere in un attimo crolla miseramente. Tutto l’immaginario attorno a cui si era costruito viene meno. Non sposerà più la donna che ama, non avrà più una famiglia, non sarà benedetto come ogni ebreo che, nella vita familiare ricca di amore e di figli, vedeva la realizzazione concreta della benedizione di Dio. Messo davanti a un intervento di Dio tanto grande, Giuseppe ha paura. No…