Passa ai contenuti principali

Nutrire la fame del cuore

«Datevi da fare per il cibo che dura per la vita eterna…»: parole dirette questa domenica ci rivolge Gesù per scuoterci e aiutarci a fare verità. Su che cosa? Su cosa stiamo cercando, in chi stiamo riponendo la nostra fiducia. Maria è stata lodata da Elisabetta e in fondo da tutta la Chiesa per la sua genuina fiducia nella Parola. Chi più di lei può aiutarci a capire questo invito del Signore? Se guardiamo al brano di Giovanni (6,24-35) ci rendiamo conto che c’è quasi un conflitto tra quello che dice Gesù e quello che dicono gli uomini, quella folla che lo stava seguendo con insistenza dopo che aveva fatto esperienza della moltiplicazione dei pani e dei pesci. C’è una tensione palpabile: la folla chiede di toccare, quantificare, soddisfare i sensi, Gesù chiede di credere, di affidarsi, di nutrire un'altra fame, quella del cuore. 

Tutto il dialogo-confronto è fatto dall’opposizione tra il fare e l’essere, il compiere e il credere. Le persone sono preoccupate di fare, avere qualcosa tra le mani, da stringere, Gesù è assolutamente libero da questi desideri di possesso e parla della bellezza di credere. In questo senso si tratta questa domenica di una Parola molto mariana. Maria ha lasciato perdere tutte le esigenze e i bisogni indotti e ha preferito vivere della Parola. Ha riconosciuto la sua sete autentica e ha capito che la risposta ce l’aveva Dio, a cui si è affidata. Maria ha compreso che se diamo spazio ai bisogni, perdiamo gradualmente la libertà. Non siamo più noi a decidere dove dirigere i nostri interessi, ma sono loro a tirarci. La soddisfazione per un bisogno appagato dura poco e dà l’impressione di portarsi via la nostra gioia. In realtà la delusione deriva dall’aver sperimentato che non era quello il bisogno più vero ed urgente. Era moneta falsa!


Maria ha scelto il ritmo lento della fiducia, fatto di valorizzazione del piccolo e del poco. Meglio avere di meno e godere di più, che avere tanto e vivere l’ansia del cuore, essere perennemente in ricerca. Maria ha goduto della dolcezza che la fiducia dona al cuore. Della stabilità, della sicurezza di sapersi accompagnata da Dio, il quale conduce a buon fine qualsiasi situazione, se la affidiamo a Lui. Ci insegna che è cosa buona riconoscere la nostra sete di amore, e che questo è il bisogno più vero e fondamentale per il quale dobbiamo darci da fare. In questa ricerca dobbiamo spenderci totalmente, fino alla fine. 

«Io sono il pane della vita; chi viene a me non avrà fame e chi crede in me non avrà sete, mai!». Davanti ai tanti messaggi che vogliono farci credere che oggetti e viaggi e chissà cos’altro possa renderci sazi e felici, ci viene da sorridere per tanta ingenuità e nello stesso tempo ci rendiamo conto che bisogna impegnarsi al massimo per aiutare gli altri a non farsi ingannare, e a non continuare a credere che la sete del cuore possa avere come suo appagamento qualcosa che non sia Dio e il suo amore. 

Commenti

Post popolari in questo blog

Nelle tue mani

«Padre, nelle tue mani consegno il mio spirito». Parole decisive con cui si chiude il Vangelo di questa domenica delle Palme e della Passione del Signore (cf. Lc 22,14-23). Parole che sono un testamento per noi, l’indicazione preziosissima che Gesù ci dà per aiutarci a entrare nella vita. Qual è questa chiave che apre la porta della nostra relazione con Lui? È la fiducia totale, che si fa non solo intenzione, ma consegna di tutto se stesso al Padre. È un accogliere la realtà non come luogo da cui difendersi perché le cose non vanno come vorremmo noi, ma come luogo da amare perché mentre le cose vanno come vanno Gesù è con noi, immerso nella nostra vita, per camminare con noi, ed esserci custode e Padre. Infatti guardando i suoi discepoli addormentati “per la tristezza” Gesù li sveglia e gli dice: “Alzatevi e pregate, per non entrare in tentazione”. 
Dice questo dopo avere combattuto la sua battaglia più grande, quella contro la tentazione di allontanarsi dalla sofferenza. Gesù, da vero…

Tenersi pronti

Iniziamo l’Avvento, tempo di attesa e di desiderio, con l’invito stesso di Gesù ad essere vigili, attenti, pronti. Ma attenti a che cosa? Il discorso del Signore si riferisce alla fine della storia, al momento cosmico della parusìa, del suo ritorno definitivo, quando il male sarà definitivamente e per sempre messo a tacere, e ci sarà soltanto la realtà del Paradiso, della gioia e della felicità eterna nell’abbraccio con Dio. Ma facciamo un passo indietro. Gesù paragona questo momento ai tempi di Noè, quando, davanti al disastro ormai vicino, le persone vivevano come se niente fosse, ignare di tutto, perse in mille affanni e occupazioni, senza accorgersi di alcuni segni che indicavano il momento forte che si stava avvicinando. Solo Noè ascolta la sua coscienza e intende la voce di Dio e si mette a costruire quell’arca che sarà la sua salvezza.  Una volta Gesù aveva detto: quando tornerò, troverò la fede sulla terra? Il Signore in questi 2000 anni e più, ha fatto tutto per l’umanità, ha …

Dio che scioglie i nodi

Protagonista di questa vangelo è Giuseppe, lo sposo di Maria, al quale viene fatto un annuncio, in una modalità differente da quello fatto a Maria. Sarà nel sogno che un angelo andrà da lui per rivelargli il progetto di Dio. Ma cos’è accaduto a Giuseppe di tanto decisivo per cui Dio interviene parlandogli in sogno? Giuseppe è venuto a conoscenza della maternità di Maria. Lo Spirito Santo l’ha resa incinta di un bambino che sarà il Figlio di Dio, destinato ad essere grande. Davanti a questa comunicazione di Maria, Giuseppe resta inchiodato. La realtà bruscamente viene a destabilizzarlo. La vita che pensava di vivere in un attimo crolla miseramente. Tutto l’immaginario attorno a cui si era costruito viene meno. Non sposerà più la donna che ama, non avrà più una famiglia, non sarà benedetto come ogni ebreo che, nella vita familiare ricca di amore e di figli, vedeva la realizzazione concreta della benedizione di Dio. Messo davanti a un intervento di Dio tanto grande, Giuseppe ha paura. No…