Passa ai contenuti principali

Alzati e non temere


Alzatevi e non temete. Nel Vangelo di questa seconda domenica di Quaresima siamo condotti sul monte della Trasfigurazione. In questo tempo di dura prova che stiamo vivendo mai come prima queste parole così cariche di fiducia e speranza giungono come balsamo sul nostro cuore preoccupato. Il Signore si avvicina a ciascuno di noi, come a Pietro, Giacomo e Giovanni lì sul monte, ci tocca dolcemente e ci parla, con la voce rassicurante e determinata che soltanto Dio può avere in quanto è Padre e ha cura di noi, povere creature soggette a qualunque pericolo.
Gesù ci incoraggia, ci conduce accanto a sé sul monte sul quale si trasfigura, il suo volto pieno di luce divina e il suo corpo sfolgorante di bellezza ci danno l’assicurazione che presto vedremo la luce, che non c’è prova che non possa essere superata mediante un affidamento totale a lui. Cosa ci è chiesto dunque in questo momento? La risposta ce la dà nostro Padre che è nei cieli. Sul monte i tre apostoli udirono la sua voce che diceva: “Gesù è mio Figlio, l’amato, ascoltatelo!”. Ascoltarlo dunque, questo è il nostro compito principale ora. Metterci come figli nelle sue mani, chiedendo la sua protezione e la sua liberazione.
Ci colpisce in questo vangelo come Pietro, vedendo tanta bellezza divina, cerchi di immaginare un percorso facile, senza prove. Vuole costruire tre tende e rimanere lì, nella beatitudine che sta sperimentando. Il Padre  invece ci chiede di camminare dietro a  Gesù, di ascoltarlo, di imparare ad affidarci, di non temere la prova se vissuta con lui. Infatti alla fine della visione, quando Gesù torna ad essere esteriormente solo uomo, senza più la visibilità divina, i tre accettano di scendere dal monte, per continuare il cammino con Gesù. Un messaggio oggi che Gesù con la sua Parola viva ci manda, per darci forza  e coraggio, fiducia illimitata nella sua paternità verso di noi. Dalla prova si esce con una fiducia smisurata in lui, creatore e salvatore. Come sempre nella storia della salvezza, i tempi di prova sono stati i tempi in cui il popolo ha potuto vedere e sperimentare l’azione del Dio vicino che salva. Dio scese a liberare Israele dall’Egitto, perché aveva visto e udito le sue sofferenze. Questa è la nostra forza e speranza certa, essere figli di un tale Padre.


8 marzo 2020
Mt 17,1-9
II domenica di Quaresima

In quel tempo 1Gesù prese con sé Pietro, Giacomo e Giovanni suo fratello e li condusse in disparte, su un alto monte. 2E fu trasfigurato davanti a loro: il suo volto brillò come il sole e le sue vesti divennero candide come la luce. 3Ed ecco, apparvero loro Mosè ed Elia, che conversavano con lui. 4Prendendo la parola, Pietro disse a Gesù: «Signore, è bello per noi essere qui! Se vuoi, farò qui tre capanne, una per te, una per Mosè e una per Elia». 5Egli stava ancora parlando, quando una nube luminosa li coprì con la sua ombra. Ed ecco una voce dalla nube che diceva: «Questi è il Figlio mio, l'amato: in lui ho posto il mio compiacimento. Ascoltatelo». 6All'udire ciò, i discepoli caddero con la faccia a terra e furono presi da grande timore. 7Ma Gesù si avvicinò, li toccò e disse: «Alzatevi e non temete». 8Alzando gli occhi non videro nessuno, se non Gesù solo.
9Mentre scendevano dal monte, Gesù ordinò loro: «Non parlate a nessuno di questa visione, prima che il Figlio dell'uomo non sia risorto dai morti».


Commenti

Post popolari in questo blog

Nelle tue mani

«Padre, nelle tue mani consegno il mio spirito». Parole decisive con cui si chiude il Vangelo di questa domenica delle Palme e della Passione del Signore (cf. Lc 22,14-23). Parole che sono un testamento per noi, l’indicazione preziosissima che Gesù ci dà per aiutarci a entrare nella vita. Qual è questa chiave che apre la porta della nostra relazione con Lui? È la fiducia totale, che si fa non solo intenzione, ma consegna di tutto se stesso al Padre. È un accogliere la realtà non come luogo da cui difendersi perché le cose non vanno come vorremmo noi, ma come luogo da amare perché mentre le cose vanno come vanno Gesù è con noi, immerso nella nostra vita, per camminare con noi, ed esserci custode e Padre. Infatti guardando i suoi discepoli addormentati “per la tristezza” Gesù li sveglia e gli dice: “Alzatevi e pregate, per non entrare in tentazione”. 
Dice questo dopo avere combattuto la sua battaglia più grande, quella contro la tentazione di allontanarsi dalla sofferenza. Gesù, da vero…

Tenersi pronti

Iniziamo l’Avvento, tempo di attesa e di desiderio, con l’invito stesso di Gesù ad essere vigili, attenti, pronti. Ma attenti a che cosa? Il discorso del Signore si riferisce alla fine della storia, al momento cosmico della parusìa, del suo ritorno definitivo, quando il male sarà definitivamente e per sempre messo a tacere, e ci sarà soltanto la realtà del Paradiso, della gioia e della felicità eterna nell’abbraccio con Dio. Ma facciamo un passo indietro. Gesù paragona questo momento ai tempi di Noè, quando, davanti al disastro ormai vicino, le persone vivevano come se niente fosse, ignare di tutto, perse in mille affanni e occupazioni, senza accorgersi di alcuni segni che indicavano il momento forte che si stava avvicinando. Solo Noè ascolta la sua coscienza e intende la voce di Dio e si mette a costruire quell’arca che sarà la sua salvezza.  Una volta Gesù aveva detto: quando tornerò, troverò la fede sulla terra? Il Signore in questi 2000 anni e più, ha fatto tutto per l’umanità, ha …

Dio che scioglie i nodi

Protagonista di questa vangelo è Giuseppe, lo sposo di Maria, al quale viene fatto un annuncio, in una modalità differente da quello fatto a Maria. Sarà nel sogno che un angelo andrà da lui per rivelargli il progetto di Dio. Ma cos’è accaduto a Giuseppe di tanto decisivo per cui Dio interviene parlandogli in sogno? Giuseppe è venuto a conoscenza della maternità di Maria. Lo Spirito Santo l’ha resa incinta di un bambino che sarà il Figlio di Dio, destinato ad essere grande. Davanti a questa comunicazione di Maria, Giuseppe resta inchiodato. La realtà bruscamente viene a destabilizzarlo. La vita che pensava di vivere in un attimo crolla miseramente. Tutto l’immaginario attorno a cui si era costruito viene meno. Non sposerà più la donna che ama, non avrà più una famiglia, non sarà benedetto come ogni ebreo che, nella vita familiare ricca di amore e di figli, vedeva la realizzazione concreta della benedizione di Dio. Messo davanti a un intervento di Dio tanto grande, Giuseppe ha paura. No…