Passa ai contenuti principali

Risplendi


Siete il sale della terra, siete la luce del mondo. A un primo ascolto di Gesù nel vangelo di questa domenica, ci viene da domandarci: chi noi? Siamo noi questo sale, questa luce? Cosa intendi Signore? In che modo questa tua parola ha a che fare con la mia vita quotidiana, concreta, ordinaria? 
Pensando ai due elementi su cui Gesù ci fa fissare l’attenzione, il sale e la luce, ci viene in mente il fatto che sia l’uno che l’altro esistono non per se stessi ma per gli altri. Il sale esiste per salare ciò che altrimenti sarebbe insipido e poco gustoso, la luce esiste per permettere alle cose di emergere, di ritrovarsi, di potersi scoprire nella loro bellezza e unicità. Non serve il sale se non dà sapore ai cibi. Non serve la luce se non illumina e dà gioia a chi è intorno. Per salare occorre perdersi negli alimenti. Non c’è altro modo, non si può restare nel barattolo e dare sapore al cibo. O si esce dal barattolo e si entra nelle cose, oppure si resta chiusi, e a lungo andare, ci si inacidisce. La luce non serve se non avvolge ogni situazione con il suo calore, dando speranza. In entrambi i casi il messaggio di Gesù è chiaro. Non ha senso dirsi cristiani se non si vive il suo amore in una maniera molto semplice e concreta, amando. 
Non sono le grandi imprese che cambiano le cose, è l’amore che ci si mette dentro a farle grandi. Nessuno di noi è attratto da persone, gruppi, famiglie in cui ognuno pensa a sé e non si vive la condivisione, la gioia di pensare e di fare le cose insieme, la gioia di volersi bene. Verrebbe da dire: ma che senso ha vivere in questo modo? Forse quello che manca è la fiducia nella possibilità di farcela. Forse tante volte ci abbiamo provato. Abbiamo amato, e ne abbiamo ricevuto delusioni, forse altre volte abbiamo sperato, e le cose non sono cambiate. E così pian piano abbiamo cominciato a credere che fosse inutile uscire dal barattolo e provare a salare il mondo delle nostre relazioni. Gesù non è una persona che si arrende davanti alle nostre sfiducie, è ostinato nel credere in noi, nel potenziale che abbiamo e che lui desidera che venga fuori. Vuole che proviamo il gusto bello di condividere la vita con gli altri in uno spirito costruttivo. 
Gesù arriva a tanto perché sa che la luce è lui e che solo lui che ci dà luce può chiederci di rifletterla a nostra volta. Il sale e la luce sono un dono, noi siamo un dono gli uni per gli altri. Il realismo sta nel riconoscere che abbiamo limiti derivanti dalla nostra storia e che alcuni messaggi negativi che abbiamo ingoiato continueranno ad attraversare la testa e il cuore. E che quindi qualunque persona ci riattivi queste ferite, tendiamo a vederla come un ulteriore nemico della nostra felicità. Ma la via di uscita c’è, ed è l’umiltà di riconoscersi creature fatte così, e quindi di non combattere se stesse, ma di fare un’operazione necessaria con queste parti di sé distruttive: accoglierle, saperci stare dentro e lasciarle, scegliendo di seguire altre parti, più adatte al nostro stato di persone adulte e libere. Perché nella realtà nessuno ha il potere di renderci infelici. Facendo così ci sintonizziamo col Signore, che ci è vicino nell’intimo del nostro essere per risanarci con la sua tenerezza e così darci la forza di vivere. In questa domenica, con la sua voce calda e rassicurante, Gesù ci chiede, quasi supplicandoci: “Risplenda la vostra luce davanti agli uomini, perché vedano le vostre opere buone e rendano gloria al Padre vostro che è nei cieli”. Non chiudetevi ma apritevi alla vita. 
Ecco allora che affidarci a  Maria e rinnovare la nostra fiducia in lei diventa un ulteriore motivo di speranza. La luce di Maria giunge fino a noi, dopo 2000 anni il suo cuore materno continua a riscaldarci e a farci sentire figli amati. Chiediamo al Signore di poterla sempre più scoprire madre, di poterci riposare accanto a lei, trovando in lei ascolto e accoglienza incondizionata. Concediamoci un tempo per stare alla sua presenza, chiedendole quello che vogliamo, con semplicità. Faremo esperienza di cosa significa essere sale e luce. Perché come in un vera famiglia, quando c’è una madre che ama, c’è vita, gioia, si respira un pezzettino di cielo. E questo cielo si ha la gran voglia di condividerlo con gli altri.

9 febbraio 2020
Mt 5,13-16
V Domenica del Tempo Ordinario
In quel tempo 1Vedendo le folle, Gesù salì sul monte: si pose a sedere e si avvicinarono a lui i suoi discepoli. 2Si mise a parlare e insegnava loro dicendo: "13Voi siete il sale della terra; ma se il sale perde il sapore, con che cosa lo si renderà salato? A null'altro serve che ad essere gettato via e calpestato dalla gente.
14Voi siete la luce del mondo; non può restare nascosta una città che sta sopra un monte, 15né si accende una lampada per metterla sotto il moggio, ma sul candelabro, e così fa luce a tutti quelli che sono nella casa. 16Così risplenda la vostra luce davanti agli uomini, perché vedano le vostre opere buone e rendano gloria al Padre vostro che è nei cieli".


Commenti

Post popolari in questo blog

Nelle tue mani

«Padre, nelle tue mani consegno il mio spirito». Parole decisive con cui si chiude il Vangelo di questa domenica delle Palme e della Passione del Signore (cf. Lc 22,14-23). Parole che sono un testamento per noi, l’indicazione preziosissima che Gesù ci dà per aiutarci a entrare nella vita. Qual è questa chiave che apre la porta della nostra relazione con Lui? È la fiducia totale, che si fa non solo intenzione, ma consegna di tutto se stesso al Padre. È un accogliere la realtà non come luogo da cui difendersi perché le cose non vanno come vorremmo noi, ma come luogo da amare perché mentre le cose vanno come vanno Gesù è con noi, immerso nella nostra vita, per camminare con noi, ed esserci custode e Padre. Infatti guardando i suoi discepoli addormentati “per la tristezza” Gesù li sveglia e gli dice: “Alzatevi e pregate, per non entrare in tentazione”. 
Dice questo dopo avere combattuto la sua battaglia più grande, quella contro la tentazione di allontanarsi dalla sofferenza. Gesù, da vero…

Tenersi pronti

Iniziamo l’Avvento, tempo di attesa e di desiderio, con l’invito stesso di Gesù ad essere vigili, attenti, pronti. Ma attenti a che cosa? Il discorso del Signore si riferisce alla fine della storia, al momento cosmico della parusìa, del suo ritorno definitivo, quando il male sarà definitivamente e per sempre messo a tacere, e ci sarà soltanto la realtà del Paradiso, della gioia e della felicità eterna nell’abbraccio con Dio. Ma facciamo un passo indietro. Gesù paragona questo momento ai tempi di Noè, quando, davanti al disastro ormai vicino, le persone vivevano come se niente fosse, ignare di tutto, perse in mille affanni e occupazioni, senza accorgersi di alcuni segni che indicavano il momento forte che si stava avvicinando. Solo Noè ascolta la sua coscienza e intende la voce di Dio e si mette a costruire quell’arca che sarà la sua salvezza.  Una volta Gesù aveva detto: quando tornerò, troverò la fede sulla terra? Il Signore in questi 2000 anni e più, ha fatto tutto per l’umanità, ha …

Dio che scioglie i nodi

Protagonista di questa vangelo è Giuseppe, lo sposo di Maria, al quale viene fatto un annuncio, in una modalità differente da quello fatto a Maria. Sarà nel sogno che un angelo andrà da lui per rivelargli il progetto di Dio. Ma cos’è accaduto a Giuseppe di tanto decisivo per cui Dio interviene parlandogli in sogno? Giuseppe è venuto a conoscenza della maternità di Maria. Lo Spirito Santo l’ha resa incinta di un bambino che sarà il Figlio di Dio, destinato ad essere grande. Davanti a questa comunicazione di Maria, Giuseppe resta inchiodato. La realtà bruscamente viene a destabilizzarlo. La vita che pensava di vivere in un attimo crolla miseramente. Tutto l’immaginario attorno a cui si era costruito viene meno. Non sposerà più la donna che ama, non avrà più una famiglia, non sarà benedetto come ogni ebreo che, nella vita familiare ricca di amore e di figli, vedeva la realizzazione concreta della benedizione di Dio. Messo davanti a un intervento di Dio tanto grande, Giuseppe ha paura. No…