Passa ai contenuti principali

Tenersi pronti


Iniziamo l’Avvento, tempo di attesa e di desiderio, con l’invito stesso di Gesù ad essere vigili, attenti, pronti. Ma attenti a che cosa? Il discorso del Signore si riferisce alla fine della storia, al momento cosmico della parusìa, del suo ritorno definitivo, quando il male sarà definitivamente e per sempre messo a tacere, e ci sarà soltanto la realtà del Paradiso, della gioia e della felicità eterna nell’abbraccio con Dio. Ma facciamo un passo indietro. Gesù paragona questo momento ai tempi di Noè, quando, davanti al disastro ormai vicino, le persone vivevano come se niente fosse, ignare di tutto, perse in mille affanni e occupazioni, senza accorgersi di alcuni segni che indicavano il momento forte che si stava avvicinando. Solo Noè ascolta la sua coscienza e intende la voce di Dio e si mette a costruire quell’arca che sarà la sua salvezza. 
Una volta Gesù aveva detto: quando tornerò, troverò la fede sulla terra? Il Signore in questi 2000 anni e più, ha fatto tutto per l’umanità, ha donato se stesso, ci ha dato il suo Spirito, ci ha resi membri della sua Chiesa dove siamo nutriti e risanati nell’intimo dalla grazia, ci ha donato sua madre come madre spirituale, ha suscitato tanti santi – noti e non – che sono stati e sono, con la loro vita donata, il loro amore e la loro misericordia, un segno della presenza paterna del Signore. Eppure quanta noncuranza verso il Signore, quanta incapacità di fermarsi e di accorgersi che lo Spirito di Gesù è già in noi e attende solo il nostro sì per farsi sentire, toccare e sperimentare. Se di Dio non si fa esperienza, non c’è fede. C’è solo illusione, idea di Dio, ma non incontro reale con lui. Allora questo “tenersi pronti” di cui parla Gesù nel vangelo non riguarda solo il futuro, ma il qui ed ora. Gesù già viene, come potrebbe non essere così dal momento che abita in noi? Il paradosso però è che deve invitarci a stare attenti alla sua presenza, a riconoscerlo, ad accorgerci perché noi siamo con la testa e con il cuore altrove, forse quasi completamente identificati con il ruolo che abbiamo, col lavoro che svolgiamo, e con tante altre identità, spesso faticose da portare, mentre Dio ci attende per liberare la nostra vera identità, quella che non ci hanno attaccato addosso gli altri, ma è suo dono, ed è l’identità di figli amati. Il succo di tutto questo discorso di Gesù ha il sapore dolce del desiderio. 
Dio desidera stringere una relazione sempre più autentica e fiduciosa con noi, vuole vederci sereni nella relazione con lui, felici di potergli parlare a tu per tu, nella semplicità dei nostri giorni, per discernere e scegliere con lui le piccole o grandi cose della vita. Per affrontare con lui i momenti bui, quando è impossibile superare l’impotenza e il limite e c’è solo una via da percorrere, ed è l’affidamento totale a lui, il sentirsi come bambini nelle sue mani. Com’è semplice il messaggio di Gesù eppure quanta durezza di cuore e incapacità di ascoltare solo lui, lasciando l’attaccamento al nostro io, al nostro modo di percepire e vedere, per abbracciare la sua modalità di guardare alla vita. 
Questa è la fede pura di Maria, assoluta, immensa, capace di credere fermamente al Signore e alla sua Parola più a che all’evidenza della vita. A volte non ci lasciamo consolare da Dio e dalla sua Parola perché siamo troppo attaccati alla nostra tristezza sterile. Al nostro ripiegarci su noi stessi, al nostro intestardirci che le cose sono come sono e non possono essere altrimenti. Mentre Gesù ci dice che con la fede noi possiamo smuovere le montagne! L’affidamento a Maria ci aiuta a spostare il baricentro da noi al Dio e a scoprire che stando così sbilanciati non cadiamo affatto anzi entriamo nella vita nuova e libera dei figli di Dio, che tutto possono perché è Dio che gliene dà la forza. Se viviamo da figli, quando nostro Padre verrà, non saremo tristi, ma saremo capaci di corrergli incontro, sapendo che asciugherà ogni lacrima dai nostri occhi e ci farà vedere oltre, dove la vita ha l’ultima parola.
1 dicembre 2019
Mt 24,37-44
I domenica di Avvento
In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:«37Come furono i giorni di Noè, così sarà la venuta del Figlio dell'uomo. 38Infatti, come nei giorni che precedettero il diluvio mangiavano e bevevano, prendevano moglie e prendevano marito, fino al giorno in cui Noè entrò nell'arca, 39e non si accorsero di nulla finché venne il diluvio e travolse tutti: così sarà anche la venuta del Figlio dell'uomo. 40Allora due uomini saranno nel campo: uno verrà portato via e l'altro lasciato. 41Due donne macineranno alla mola: una verrà portata via e l'altra lasciata. 42Vegliate dunque, perché non sapete in quale giorno il Signore vostro verrà. 43Cercate di capire questo: se il padrone di casa sapesse a quale ora della notte viene il ladro, veglierebbe e non si lascerebbe scassinare la casa. 44Perciò anche voi tenetevi pronti perché, nell'ora che non immaginate, viene il Figlio dell'uomo.»

Commenti

Post popolari in questo blog

Nelle tue mani

«Padre, nelle tue mani consegno il mio spirito». Parole decisive con cui si chiude il Vangelo di questa domenica delle Palme e della Passione del Signore (cf. Lc 22,14-23). Parole che sono un testamento per noi, l’indicazione preziosissima che Gesù ci dà per aiutarci a entrare nella vita. Qual è questa chiave che apre la porta della nostra relazione con Lui? È la fiducia totale, che si fa non solo intenzione, ma consegna di tutto se stesso al Padre. È un accogliere la realtà non come luogo da cui difendersi perché le cose non vanno come vorremmo noi, ma come luogo da amare perché mentre le cose vanno come vanno Gesù è con noi, immerso nella nostra vita, per camminare con noi, ed esserci custode e Padre. Infatti guardando i suoi discepoli addormentati “per la tristezza” Gesù li sveglia e gli dice: “Alzatevi e pregate, per non entrare in tentazione”. 
Dice questo dopo avere combattuto la sua battaglia più grande, quella contro la tentazione di allontanarsi dalla sofferenza. Gesù, da vero…

Dio che scioglie i nodi

Protagonista di questa vangelo è Giuseppe, lo sposo di Maria, al quale viene fatto un annuncio, in una modalità differente da quello fatto a Maria. Sarà nel sogno che un angelo andrà da lui per rivelargli il progetto di Dio. Ma cos’è accaduto a Giuseppe di tanto decisivo per cui Dio interviene parlandogli in sogno? Giuseppe è venuto a conoscenza della maternità di Maria. Lo Spirito Santo l’ha resa incinta di un bambino che sarà il Figlio di Dio, destinato ad essere grande. Davanti a questa comunicazione di Maria, Giuseppe resta inchiodato. La realtà bruscamente viene a destabilizzarlo. La vita che pensava di vivere in un attimo crolla miseramente. Tutto l’immaginario attorno a cui si era costruito viene meno. Non sposerà più la donna che ama, non avrà più una famiglia, non sarà benedetto come ogni ebreo che, nella vita familiare ricca di amore e di figli, vedeva la realizzazione concreta della benedizione di Dio. Messo davanti a un intervento di Dio tanto grande, Giuseppe ha paura. No…