Passa ai contenuti principali

Bel pastore che ha a cuore


Domenica del buon Pastore, questa IV del tempo pasquale, in cui Gesù è colto dall’occhio attento di Giovanni mentre cammina nel tempio, incontrando vari personaggi che gli fanno domande e gli portano obiezioni. Nei versetti immediatamente precedenti alcuni giudei incalzano Gesù e gli chiedono di dire apertamente se è lui il Cristo. Gesù con la sua solita mitezza gli fa presente che glielo sta appunto dicendo che è lui, e che le opere che lui sta compiendo – guarigioni, liberazioni, perdono – lo dimostrano. Allora dove sta l’inghippo? Dove sta il nodo che impedisce a questi bravi ebrei di accogliere Gesù? 

È Gesù stesso a dircelo, paragonandosi al pastore che ha delle pecore amate per le quali dà la vita. Queste pecore, poiché sono sue, lo ascoltano, e lo seguono. Gesù parla di un’appartenenza così totale e coinvolgente che nessuno può più strapparle dalla sua mano. Sappiamo che l’aggettivo greco non è buono ma bello (kalos): io sono il bel pastore. A cosa servirebbe infatti la nostra fede se non fosse bella? È la bellezza che attira il nostro sguardo, e scalda il nostro cuore. Mai nessun innamorato si è deciso a dichiarare il suo amore per la sua donna dicendole che ciò che lo ha colpito è la sua bontà: dirà piuttosto che è stata la sua bellezza! Ora però di che bellezza si stratta? Perché anche questa è una domanda da farsi. Fondamentale per la nostra felicità. Perché, come dice Rupnik, una Chiesa buona non attira nessuno, una Chiesa bella sì! La bellezza è quell’atteggiamento che scopriamo in Gesù, nella sua vita, nei suoi gesti e silenzi, un atteggiamento di cura verso l’altro, di attenzione, di rispetto, quell’I care (mi sta a cuore) che cambia le cose, perché fa fiorire ciò che senza amore è destinato ad essere sterile. E non possiamo non pensare a Maria, sua madre, che lo tirato su così bene, gli ha trasmesso questa stessa cura e attenzione che poi lui da grande ha saputo a sua volta offrire a quelli che incontrava. 

Quale il segreto di Maria e di Gesù? Per entrambi è l’ascolto, ascolto del Padre, della vita, degli altri. Gesù tante volte dirà che lui fa solo ciò che piace al Padre, e Maria stessa, pellegrina nella fede, ha rinnovato ogni giorno quell’avvenga per me con cui ha permesso che iniziasse la storia della salvezza. È proprio vero, come dice il Papa, che la radice del peccato è il non ascolto della Parola. Quando vogliamo fare da soli, ci chiudiamo nella tristezza e spegniamo la vita dello Spirito che vuole agire attraverso di noi. Come fare per essere anche noi pecorelle felici dietro il bel pastore? Il primo passo, sempre valido e necessario, è ascoltare la sua voce, sentirla familiare, sentirsi figli amati, lasciarsi condurre. Massimiliano Kolbe ci aiuta in questo cammino di apertura, perché con la sua vita ci ricorda che l’essenziale è ascoltare la voce di Dio e assecondarne le ispirazioni. Lasciamoci anche noi condurre come, dove, quando, Lui e lei (Maria) vorranno.


12 maggio 2019
Dal Vangelo secondo Giovanni 10, 27-30


In quel tempo, Gesù disse: «Le mie pecore ascoltano la mia voce 
e io le conosco ed esse mi seguono.
Io do loro la vita eterna e non andranno perdute in eterno 
e nessuno le strapperà dalla mia mano.
Il Padre mio, che me le ha date, è più grande di tutti e nessuno può strapparle dalla mano del Padre. Io e il Padre siamo una cosa sola»


Commenti

Post popolari in questo blog

Nelle tue mani

«Padre, nelle tue mani consegno il mio spirito». Parole decisive con cui si chiude il Vangelo di questa domenica delle Palme e della Passione del Signore (cf. Lc 22,14-23). Parole che sono un testamento per noi, l’indicazione preziosissima che Gesù ci dà per aiutarci a entrare nella vita. Qual è questa chiave che apre la porta della nostra relazione con Lui? È la fiducia totale, che si fa non solo intenzione, ma consegna di tutto se stesso al Padre. È un accogliere la realtà non come luogo da cui difendersi perché le cose non vanno come vorremmo noi, ma come luogo da amare perché mentre le cose vanno come vanno Gesù è con noi, immerso nella nostra vita, per camminare con noi, ed esserci custode e Padre. Infatti guardando i suoi discepoli addormentati “per la tristezza” Gesù li sveglia e gli dice: “Alzatevi e pregate, per non entrare in tentazione”. 
Dice questo dopo avere combattuto la sua battaglia più grande, quella contro la tentazione di allontanarsi dalla sofferenza. Gesù, da vero…

Tenersi pronti

Iniziamo l’Avvento, tempo di attesa e di desiderio, con l’invito stesso di Gesù ad essere vigili, attenti, pronti. Ma attenti a che cosa? Il discorso del Signore si riferisce alla fine della storia, al momento cosmico della parusìa, del suo ritorno definitivo, quando il male sarà definitivamente e per sempre messo a tacere, e ci sarà soltanto la realtà del Paradiso, della gioia e della felicità eterna nell’abbraccio con Dio. Ma facciamo un passo indietro. Gesù paragona questo momento ai tempi di Noè, quando, davanti al disastro ormai vicino, le persone vivevano come se niente fosse, ignare di tutto, perse in mille affanni e occupazioni, senza accorgersi di alcuni segni che indicavano il momento forte che si stava avvicinando. Solo Noè ascolta la sua coscienza e intende la voce di Dio e si mette a costruire quell’arca che sarà la sua salvezza.  Una volta Gesù aveva detto: quando tornerò, troverò la fede sulla terra? Il Signore in questi 2000 anni e più, ha fatto tutto per l’umanità, ha …

Dio che scioglie i nodi

Protagonista di questa vangelo è Giuseppe, lo sposo di Maria, al quale viene fatto un annuncio, in una modalità differente da quello fatto a Maria. Sarà nel sogno che un angelo andrà da lui per rivelargli il progetto di Dio. Ma cos’è accaduto a Giuseppe di tanto decisivo per cui Dio interviene parlandogli in sogno? Giuseppe è venuto a conoscenza della maternità di Maria. Lo Spirito Santo l’ha resa incinta di un bambino che sarà il Figlio di Dio, destinato ad essere grande. Davanti a questa comunicazione di Maria, Giuseppe resta inchiodato. La realtà bruscamente viene a destabilizzarlo. La vita che pensava di vivere in un attimo crolla miseramente. Tutto l’immaginario attorno a cui si era costruito viene meno. Non sposerà più la donna che ama, non avrà più una famiglia, non sarà benedetto come ogni ebreo che, nella vita familiare ricca di amore e di figli, vedeva la realizzazione concreta della benedizione di Dio. Messo davanti a un intervento di Dio tanto grande, Giuseppe ha paura. No…