Passa ai contenuti principali

Tra i nostri frutti e la pazienza di Dio


Pazienza di Dio e appello a lasciarsi interrogare dalla realtà sono le due chiavi di lettura del brano di questa terza domenica di Quaresima. Gesù viene interrogato sull’eccidio che Pilato aveva compiuto contro alcuni Galilei per questioni di potere e di controllo. Nel rispondere fa capire che non esiste responsabilità diretta, non è per una loro colpa che sono stati uccisi. Gesù li invita piuttosto a convertire cuore  e mente, perché altrimenti anche loro rischiano di finire allo stesso modo. Quello su cui punta Gesù è un messaggio molto chiaro: non possiamo spiegare la realtà, che è complessa, è fatta di un intreccio inedito di grazia e libertà, c’è tanto grano insieme a tanta zizzania, c’è lotta tra bene e male e c’è il mistero della vita e della libertà. Insomma Gesù invita a non colpevolizzare niente e nessuno ma ad assumersi le proprie responsabilità.
Non c’è bisogno di analizzare le cose alla ricerca di colpevoli, c’è bisogno di assumersi la vita in prima persona. Fa’ il bene, dice un salmo, e abiterai la tua casa. Tu pensa a fare il bene, lasciati interpellare dalle cose, lasciati cambiare dentro dal dolore del mondo, chiediti cosa puoi fare tu per questo mondo piuttosto che fare la lista delle cose che non vanno bene. È un grande e saggio invito all’accettazione della realtà con tutta la gamma di complessità di cui è portatrice. Inutile combattere contro i mulini a vento! Se la tua vita è un dono da far fruttare, come l’albero di fichi, pensa a dare frutti. Lasciati coltivare dal divino agricoltore, lasciati cambiare dalla sua Parola, lasciati trasformare il cuore. Mettiti in cammino, entra nel suo dinamismo e impara a condividere il cammino altrui, impara dalla sua pazienza, dalla sua misericordia, che sa aspettare fino alla fine che il ramo secco della tua vita finalmente si schiuda mettendo una gemma. La vita è una scienza pratica, richiede che lavoriamo il terreno della nostra esistenza quotidiana coinvolgendoci con quello che accade, con le sofferenze di chi abbiamo accanto.
Maria, che al Verbo Divino ha dato un corpo, ci apre il cammino, ci dà l’esempio. Ha sentito la grandezza del compito, ha provato il brivido davanti a una simile prospettiva, ha anche provato un sano timore, ma ciò che conta è che ha dato accoglienza al dono. Si è resa disponibile, non con le buone intenzioni, con la sua vita, con il suo corpo. E quando accompagnare Gesù ha significato per lei imparare a stare nel dolore innocente, lo ha accolto nel suo corpo, col suo esserci lì sul Calvario, fino alla fine. Ossia condividendo tutto il possibile e tutto quello che le era concesso nella più totale apertura interiore. Nella sua vita Maria si è lasciata coltivare come tenera pianticella di fico, ha accettato la fioritura come la potatura, si è piegata sotto la sferza dei venti gelidi ed è sbocciata quando il sole l’accarezzava. Con pazienza e perseveranza ha sperato contro ogni speranza che il seme segreto della risurrezione spuntasse, e la sua fede l’ha salvata. Anche noi ci salviamo quando ogni giorno ci lasciamo interpellare dal Signore che nella vita ci si mostra e nella vita desidera che mostriamo il suo volto attraverso la nostra fragile persona. 

24 marzo 2019
III domenica di Quaresima
Lc 13,1-9
In quel tempo1 si presentarono alcuni a riferire a Gesù il fatto di quei Galilei, il cui sangue Pilato aveva fatto scorrere insieme a quello dei loro sacrifici. 2Prendendo la parola, Gesù disse loro: «Credete che quei Galilei fossero più peccatori di tutti i Galilei, per aver subìto tale sorte? 3No, io vi dico, ma se non vi convertite, perirete tutti allo stesso modo. 4O quelle diciotto persone, sulle quali crollò la torre di Sìloe e le uccise, credete che fossero più colpevoli di tutti gli abitanti di Gerusalemme? 5No, io vi dico, ma se non vi convertite, perirete tutti allo stesso modo».6Diceva anche questa parabola: «Un tale aveva piantato un albero di fichi nella sua vigna e venne a cercarvi frutti, ma non ne trovò. 7Allora disse al vignaiolo: «Ecco, sono tre anni che vengo a cercare frutti su quest'albero, ma non ne trovo. Taglialo dunque! Perché deve sfruttare il terreno?». 8Ma quello gli rispose: «Padrone, lascialo ancora quest'anno, finché gli avrò zappato attorno e avrò messo il concime. 9Vedremo se porterà frutti per l'avvenire; se no, lo taglierai»».


Commenti

Post popolari in questo blog

Nelle tue mani

«Padre, nelle tue mani consegno il mio spirito». Parole decisive con cui si chiude il Vangelo di questa domenica delle Palme e della Passione del Signore (cf. Lc 22,14-23). Parole che sono un testamento per noi, l’indicazione preziosissima che Gesù ci dà per aiutarci a entrare nella vita. Qual è questa chiave che apre la porta della nostra relazione con Lui? È la fiducia totale, che si fa non solo intenzione, ma consegna di tutto se stesso al Padre. È un accogliere la realtà non come luogo da cui difendersi perché le cose non vanno come vorremmo noi, ma come luogo da amare perché mentre le cose vanno come vanno Gesù è con noi, immerso nella nostra vita, per camminare con noi, ed esserci custode e Padre. Infatti guardando i suoi discepoli addormentati “per la tristezza” Gesù li sveglia e gli dice: “Alzatevi e pregate, per non entrare in tentazione”. 
Dice questo dopo avere combattuto la sua battaglia più grande, quella contro la tentazione di allontanarsi dalla sofferenza. Gesù, da vero…

Tenersi pronti

Iniziamo l’Avvento, tempo di attesa e di desiderio, con l’invito stesso di Gesù ad essere vigili, attenti, pronti. Ma attenti a che cosa? Il discorso del Signore si riferisce alla fine della storia, al momento cosmico della parusìa, del suo ritorno definitivo, quando il male sarà definitivamente e per sempre messo a tacere, e ci sarà soltanto la realtà del Paradiso, della gioia e della felicità eterna nell’abbraccio con Dio. Ma facciamo un passo indietro. Gesù paragona questo momento ai tempi di Noè, quando, davanti al disastro ormai vicino, le persone vivevano come se niente fosse, ignare di tutto, perse in mille affanni e occupazioni, senza accorgersi di alcuni segni che indicavano il momento forte che si stava avvicinando. Solo Noè ascolta la sua coscienza e intende la voce di Dio e si mette a costruire quell’arca che sarà la sua salvezza.  Una volta Gesù aveva detto: quando tornerò, troverò la fede sulla terra? Il Signore in questi 2000 anni e più, ha fatto tutto per l’umanità, ha …

Dio che scioglie i nodi

Protagonista di questa vangelo è Giuseppe, lo sposo di Maria, al quale viene fatto un annuncio, in una modalità differente da quello fatto a Maria. Sarà nel sogno che un angelo andrà da lui per rivelargli il progetto di Dio. Ma cos’è accaduto a Giuseppe di tanto decisivo per cui Dio interviene parlandogli in sogno? Giuseppe è venuto a conoscenza della maternità di Maria. Lo Spirito Santo l’ha resa incinta di un bambino che sarà il Figlio di Dio, destinato ad essere grande. Davanti a questa comunicazione di Maria, Giuseppe resta inchiodato. La realtà bruscamente viene a destabilizzarlo. La vita che pensava di vivere in un attimo crolla miseramente. Tutto l’immaginario attorno a cui si era costruito viene meno. Non sposerà più la donna che ama, non avrà più una famiglia, non sarà benedetto come ogni ebreo che, nella vita familiare ricca di amore e di figli, vedeva la realizzazione concreta della benedizione di Dio. Messo davanti a un intervento di Dio tanto grande, Giuseppe ha paura. No…