Passa ai contenuti principali

Maria, eccedente per grazia


Nella nostra preghiera di affidamento a Maria ogni giorno ripetiamo il nostro desiderio dicendo “perché risplenda in me la bellezza di Cristo”. Cosa significa nel concreto? Cosa deve trasparire? Cosa dobbiamo donare? Maria in questo Vangelo della IV domenica di Avvento ci fa nascere dei sani interrogativi e ci ispira nuove chiavi di lettura. La vediamo mentre, ormai incinta, prende su il suo zainetto e si mette in viaggio per raggiungere la lontana Giudea distante ben 150 Km. Ha un obiettivo: raggiungere al più presto la cugina Elisabetta per verificare quel segno che Dio le ha preannunciato. In questa corsa divina Maria risplende per umiltà. A volte sentiamo dire: non bisogna chiedere segni, non bisogna attaccarsi a queste cose, bisogna solo credere… chi lo ha detto? La Parola di Dio ci indica un’altra via, molto concreta, dove la Parola si incarna non nei nostri sogni soltanto, ma nella realtà, direbbe san Giovanni della Croce “al fondo del reale”. Dove insomma nessuno scommetterebbe di trovarla, questa vita divina, ossia nella vita. Nella nostra stessa carne. E come potremmo noi capire in che direzione andare se fossimo lasciati a noi stessi e alle nostre buone intenzioni? La Parola ci raggiunge con oggettività e ci dà serenità nel camminarle dietro e qualche volta la Parola chiede di attendere e sperare, altre di andare a vedere le sorprese di Dio.

Quanto ci piace e quanto amiamo questa nostra sorella, Maria di Nazaret, mentre parte col cuore pieno di attesa e di meraviglia e non ha altro desiderio che quello di poter contagiare il mondo intero dell’amore di cui è stata ricolmata! Come ci sbagliamo quando invece ne facciamo una ragazza timida e introversa che sa solo obbedire e fare riverenze. Maria ha rotto gli argini della sua naturale creaturalità per farsi trasportare in un disegno divino che la porta ad andare sempre oltre, contando sulla forza dello Spirito Santo. È eccedente per grazia. Tutto in lei è grazia  e risposta alla grazia. Infatti Maria non ha chiesto lei quel segno, lo ha accolto con gratitudine dalla bocca dell’angelo. In ebraico non esiste la forma verbale “io ho” ma solo “è a me”. L’ebreo sa - nel fondo del suo essere - che la vita gli viene da Dio. E Maria questo lo vive davvero, con convinzione, con tenacia. L’esplosione di gioia che si scatena nell’incontro con sua cugina Elisabetta non è euforia e baccano ma gioia divina che si nutre di stupore e di silenzio, parole e gesti. 

Ci sono tanti modi per vivere, Maria ha scelto l’autenticità: un suo solo saluto genera vita, perché trasmette la gioia di un incontro. Un incontro con Dio che diventa incontro con una sorella, con un fratello. In Maria è stata attivata quella sorgente che zampilla per la vita eterna di cui Gesù parlerà un giorno rovente alla donna samaritana che andava ad attingere acqua dal pozzo. Se si alza e va, se la sua vita diventa dono e fonte di vita per gli altri è perché questa sorgente ha preso a scorrere e la sua corsa non terminerà neppure ai piedi della croce, dove invece sarà incanalata in una missione nuova, inedita e inaspettata. Diventare madre dell’umanità. È questa la bellezza che siamo chiamati a far vivere in noi: quella di permettere a Cristo di attivare le nostre sorgenti interiori e imparare a vivere a partire da esse.

 Dal Vangelo secondo Luca (1,39-45)

In quei giorni Maria si alzò e andò in fretta verso la regione montuosa, in una città di Giuda.
Entrata nella casa di Zaccarìa, salutò Elisabetta. Appena Elisabetta ebbe udito il saluto di Maria, il bambino sussultò nel suo grembo. Elisabetta fu colmata di Spirito Santo ed esclamò a gran voce: «Benedetta tu fra le donne e benedetto il frutto del tuo grembo! A che cosa devo che la madre del mio Signore venga da me? Ecco, appena il tuo saluto è giunto ai miei orecchi, il bambino ha sussultato di gioia nel mio grembo. E beata colei che ha creduto nell’adempimento di ciò che il Signore le ha detto».




Commenti

Post popolari in questo blog

Nelle tue mani

«Padre, nelle tue mani consegno il mio spirito». Parole decisive con cui si chiude il Vangelo di questa domenica delle Palme e della Passione del Signore (cf. Lc 22,14-23). Parole che sono un testamento per noi, l’indicazione preziosissima che Gesù ci dà per aiutarci a entrare nella vita. Qual è questa chiave che apre la porta della nostra relazione con Lui? È la fiducia totale, che si fa non solo intenzione, ma consegna di tutto se stesso al Padre. È un accogliere la realtà non come luogo da cui difendersi perché le cose non vanno come vorremmo noi, ma come luogo da amare perché mentre le cose vanno come vanno Gesù è con noi, immerso nella nostra vita, per camminare con noi, ed esserci custode e Padre. Infatti guardando i suoi discepoli addormentati “per la tristezza” Gesù li sveglia e gli dice: “Alzatevi e pregate, per non entrare in tentazione”. 
Dice questo dopo avere combattuto la sua battaglia più grande, quella contro la tentazione di allontanarsi dalla sofferenza. Gesù, da vero…

Tenersi pronti

Iniziamo l’Avvento, tempo di attesa e di desiderio, con l’invito stesso di Gesù ad essere vigili, attenti, pronti. Ma attenti a che cosa? Il discorso del Signore si riferisce alla fine della storia, al momento cosmico della parusìa, del suo ritorno definitivo, quando il male sarà definitivamente e per sempre messo a tacere, e ci sarà soltanto la realtà del Paradiso, della gioia e della felicità eterna nell’abbraccio con Dio. Ma facciamo un passo indietro. Gesù paragona questo momento ai tempi di Noè, quando, davanti al disastro ormai vicino, le persone vivevano come se niente fosse, ignare di tutto, perse in mille affanni e occupazioni, senza accorgersi di alcuni segni che indicavano il momento forte che si stava avvicinando. Solo Noè ascolta la sua coscienza e intende la voce di Dio e si mette a costruire quell’arca che sarà la sua salvezza.  Una volta Gesù aveva detto: quando tornerò, troverò la fede sulla terra? Il Signore in questi 2000 anni e più, ha fatto tutto per l’umanità, ha …

Dio che scioglie i nodi

Protagonista di questa vangelo è Giuseppe, lo sposo di Maria, al quale viene fatto un annuncio, in una modalità differente da quello fatto a Maria. Sarà nel sogno che un angelo andrà da lui per rivelargli il progetto di Dio. Ma cos’è accaduto a Giuseppe di tanto decisivo per cui Dio interviene parlandogli in sogno? Giuseppe è venuto a conoscenza della maternità di Maria. Lo Spirito Santo l’ha resa incinta di un bambino che sarà il Figlio di Dio, destinato ad essere grande. Davanti a questa comunicazione di Maria, Giuseppe resta inchiodato. La realtà bruscamente viene a destabilizzarlo. La vita che pensava di vivere in un attimo crolla miseramente. Tutto l’immaginario attorno a cui si era costruito viene meno. Non sposerà più la donna che ama, non avrà più una famiglia, non sarà benedetto come ogni ebreo che, nella vita familiare ricca di amore e di figli, vedeva la realizzazione concreta della benedizione di Dio. Messo davanti a un intervento di Dio tanto grande, Giuseppe ha paura. No…