Passa ai contenuti principali

Nella crisi la vita


Nel capitolo 13 Gesù preannuncia la distruzione del Tempio quando non rimarrà alcuna pietra al suo posto e di tutto quello splendore non si avrà più che il nostalgico ricordo. Nei versetti di questa domenica ci proietta alla fine dei tempi, quando tornerà per dire basta alla storia e inaugurare finalmente la vita eterna. Ognuno riceverà secondo il bene e il male compiuto. L’allusione al cielo che si incupisce e agli astri che si oscurano - sole luna stelle - rimanda anche ad un altro preavviso, quello della Passione, quando in effetti, secondo il racconto evangelico, “si fece buio su tutta la terra fino alle tre del pomeriggio, perché il sole si era eclissato” ( Lc 23,44). Quello spettacolo atmosferico inspiegabile fu visto da tutti, compresi gli evangelisti che raccontano. La natura stessa cioè era diventata in qualche modo segno di quanto stava accadendo sul Calvario.

Una grande morte in vista di una nuova creazione. Guardando il messaggio di Gesù da questo punto di vista creativo, ci rendiamo conto che lo spavento apparente dei segni e del dolore, che restano una realtà innegabile, portano però dentro la forza della risurrezione, della vita, quella zoè, cioè la vita vera di qualità superiore che Cristo ci ha guadagnato. È il mistero e la realtà del suo amore che ci fa entrare in una dinamica di vita nuova. Quella che solo lo Spirito Santo può generare. E allora ci rendiamo conto che davvero tutto è vivibile da quando Gesù lo ha riscattato, salvato dall’interno. Ci rendiamo anche conto che la presenza di Maria accanto a noi ci permette di aprirci a questa novità, facendoci percorrere il cammino della conversione, che generalmente dura molti anni, o comunque un tempo lunghissimo.

Come madre ci forma e ci accompagna, opera attivamente e ci comunica la grazia. Segue il nostro percorso, sostiene i momenti di crisi, ci incoraggia a restarvi per scoprirne i germi di liberazione che ogni crisi custodisce. Lei per prima non si è staccata dalla croce e mentre ha sperimentato la fine di una maternità, è stata introdotta in una maternità inaudita, di portata infinita, che avrebbe raggiunto ogni uomo sulla terra, a ogni latitudine, in ogni tempo, con l’unico obiettivo di aiutarci a intraprendere il cammino antico e sempre nuovo del chicco di grano che se non muore non può portare frutti di vita. Questo Vangelo è perciò un inno alla speranza, e ci invita con forza a non avere paura di nulla, perché il vero dolore non è quello che può capitarci di sperimentare ma unicamente il viverlo da soli, lontani dal cuore di Dio.

 Vangelo secondo Marco (Mc 13, 24-32)

«In quei giorni, dopo quella tribolazione, il sole si oscurerà, la luna non darà più la sua luce, le stelle cadranno dal cielo e le potenze che sono nei cieli saranno sconvolte. Allora vedranno il Figlio dell'uomo venire sulle nubi con grande potenza e gloria. Egli manderà gli angeli e radunerà i suoi eletti dai quattro venti, dall'estremità della terra fino all'estremità del cielo. Dalla pianta di fico imparate la parabola: quando ormai il suo ramo diventa tenero e spuntano le foglie, sapete che l'estate è vicina. Così anche voi: quando vedrete accadere queste cose, sappiate che egli è vicino, è alle porte. In verità io vi dico: non passerà questa generazione prima che tutto questo avvenga. Il cielo e la terra passeranno, ma le mie parole non passeranno. Quanto però a quel giorno o a quell'ora, nessuno lo sa, né gli angeli nel cielo né il Figlio, eccetto il Padre».

Commenti

Post popolari in questo blog

Nelle tue mani

«Padre, nelle tue mani consegno il mio spirito». Parole decisive con cui si chiude il Vangelo di questa domenica delle Palme e della Passione del Signore (cf. Lc 22,14-23). Parole che sono un testamento per noi, l’indicazione preziosissima che Gesù ci dà per aiutarci a entrare nella vita. Qual è questa chiave che apre la porta della nostra relazione con Lui? È la fiducia totale, che si fa non solo intenzione, ma consegna di tutto se stesso al Padre. È un accogliere la realtà non come luogo da cui difendersi perché le cose non vanno come vorremmo noi, ma come luogo da amare perché mentre le cose vanno come vanno Gesù è con noi, immerso nella nostra vita, per camminare con noi, ed esserci custode e Padre. Infatti guardando i suoi discepoli addormentati “per la tristezza” Gesù li sveglia e gli dice: “Alzatevi e pregate, per non entrare in tentazione”. 
Dice questo dopo avere combattuto la sua battaglia più grande, quella contro la tentazione di allontanarsi dalla sofferenza. Gesù, da vero…

Tenersi pronti

Iniziamo l’Avvento, tempo di attesa e di desiderio, con l’invito stesso di Gesù ad essere vigili, attenti, pronti. Ma attenti a che cosa? Il discorso del Signore si riferisce alla fine della storia, al momento cosmico della parusìa, del suo ritorno definitivo, quando il male sarà definitivamente e per sempre messo a tacere, e ci sarà soltanto la realtà del Paradiso, della gioia e della felicità eterna nell’abbraccio con Dio. Ma facciamo un passo indietro. Gesù paragona questo momento ai tempi di Noè, quando, davanti al disastro ormai vicino, le persone vivevano come se niente fosse, ignare di tutto, perse in mille affanni e occupazioni, senza accorgersi di alcuni segni che indicavano il momento forte che si stava avvicinando. Solo Noè ascolta la sua coscienza e intende la voce di Dio e si mette a costruire quell’arca che sarà la sua salvezza.  Una volta Gesù aveva detto: quando tornerò, troverò la fede sulla terra? Il Signore in questi 2000 anni e più, ha fatto tutto per l’umanità, ha …

Dio che scioglie i nodi

Protagonista di questa vangelo è Giuseppe, lo sposo di Maria, al quale viene fatto un annuncio, in una modalità differente da quello fatto a Maria. Sarà nel sogno che un angelo andrà da lui per rivelargli il progetto di Dio. Ma cos’è accaduto a Giuseppe di tanto decisivo per cui Dio interviene parlandogli in sogno? Giuseppe è venuto a conoscenza della maternità di Maria. Lo Spirito Santo l’ha resa incinta di un bambino che sarà il Figlio di Dio, destinato ad essere grande. Davanti a questa comunicazione di Maria, Giuseppe resta inchiodato. La realtà bruscamente viene a destabilizzarlo. La vita che pensava di vivere in un attimo crolla miseramente. Tutto l’immaginario attorno a cui si era costruito viene meno. Non sposerà più la donna che ama, non avrà più una famiglia, non sarà benedetto come ogni ebreo che, nella vita familiare ricca di amore e di figli, vedeva la realizzazione concreta della benedizione di Dio. Messo davanti a un intervento di Dio tanto grande, Giuseppe ha paura. No…