Passa ai contenuti principali

Tutto di te


Ha dato tutto quello che ha. Non il superfluo, non lo scarto del cuore, tutto di sé. Gesù nel Vangelo di questa domenica dà uno dei suoi più importanti insegnamenti dopo avere osservato attentamente come la gente gettava monete nel tesoro del tempio, fino alla povera vedova che attrasse la sua attenzione per il gesto ardito e pieno di abbandono. Quello cioè di mettere come offerta tutto quanto aveva per vivere, un misero soldo. Gesù parte dall’osservazione della realtà, traendo spunto da quello che vede, tocca, incontra per aiutare a trovare delle chiavi di lettura che possano indicare la via da seguire per essere veri. E allora lo ritroviamo in un giorno mentre coi suoi se ne sta seduto tranquillo davanti al tesoro del tempio, quel tesoro dove i fedeli ebrei lasciavano le loro offerte. Offerte in denaro ovvero un segno per dire che mi sta a cuore la casa di Dio, che mi stanno a cuore le opere di bene che si possono fare, un po’ come facciamo noi quando devolviamo qualcosa del nostro stipendio per sostenere qualche progetto a favore di chi è in necessità. Nulla da dire dunque per queste forme di elemosine, ma Gesù punta all’intenzione. Lui che guarda il cuore, legge nell’intimo, scruta le profondità dello spirito, sa quello che ci passa per la testa, sa anche se lo facciamo per farci notare, per darci un contentino gratificatorio oppure se davvero sentiamo dentro l’importanza di condividere quanto abbiamo. 

Questo sguardo penetrante di Gesù che va in profondità ci fa pensare all’unica domanda da farsi nella vita in qualunque occasione e qualunque ruolo abbiamo: “Agli occhi di chi?”. Agli occhi di chi faccio ciò che faccio, agli occhi di chi agisco, mio muovo, prendo l’iniziativa, cerco e sperimento. C’è una via segreta, fatta di silenzio e di intimità, quella che il cuore condivide col suo Dio. Questa via è pacificante, porta una gioia inaudita, perché fa vivere col desiderio di piacere a Lui, di essere in comunione con lui. L’esibizionismo che va a caccia di consenso appartiene a chi non pensa con la sua testa e si lascia guidare dagli stereotipi culturali basati sul successo fine a sé stesso. Chi sta con Gesù, invece, chi l’ha incontrato davvero, o desidera incontrarlo, sente e intuisce che la strada da percorrere è fatta di misteriosi silenzi e di lunghe attese, bagnate di tanta speranza e anche di dolce nostalgia. 

Chi ci accompagna su questa via di autenticità che va alla radice delle cose è Maria, col suo esempio di discepola e con la sua potenza di madre. Chiunque voglia capirla si rende conto che nei Vangeli si parla assai poco di lei, eppure ogni sillaba ha un peso specifico di prim’ordine. È la caratteristica delle personalità autentiche: non hanno bisogno di affascinare, attraggono da sé. Così questa figlia del Padre e sorella dell’umanità ci mostra la stessa via della vedova del Vangelo di questa domenica, la via dell’umiltà, dell’abbassamento, delle ricerche dal basso. Esploratrice di sentieri divini, invisibili agli occhi ma non al cuore. Maria ci forma col cuore di questa vedova, anche lei discepola ed esempio di una fede vera, che si dà senza essere vista, perché si nutre di autenticità. Maria ci aiuta a scegliere le vie di Dio, quelle che percorre solo chi vuole essere bello agli occhi del suo Dio, della bellezza che viene dall’amore, dalla misericordia, dal perdono. La bellezza cioè che rivela il volto di un Altro. L’unico buono, l’unico vero e bello.


Vangelo

Mc 12, 38-44

In quel tempo, Gesù [nel tempio] diceva alla folla nel suo insegnamento: «Guardatevi dagli scribi, che amano passeggiare in lunghe vesti, ricevere saluti nelle piazze, avere i primi seggi nelle sinagoghe e i primi posti nei banchetti. Divorano le case delle vedove e pregano a lungo per farsi vedere. Essi riceveranno una condanna più severa».
Seduto di fronte al tesoro, osservava come la folla vi gettava monete. Tanti ricchi ne gettavano molte. Ma, venuta una vedova povera, vi gettò due monetine, che fanno un soldo. Allora, chiamati a sé i suoi discepoli, disse loro:
 «In verità io vi dico: questa vedova, così povera, ha gettato nel tesoro più di tutti gli altri. Tutti infatti hanno gettato parte del loro superfluo. Lei invece, nella sua miseria, vi ha gettato tutto quello che aveva, tutto quanto aveva per vivere».


Commenti

Post popolari in questo blog

Nelle tue mani

«Padre, nelle tue mani consegno il mio spirito». Parole decisive con cui si chiude il Vangelo di questa domenica delle Palme e della Passione del Signore (cf. Lc 22,14-23). Parole che sono un testamento per noi, l’indicazione preziosissima che Gesù ci dà per aiutarci a entrare nella vita. Qual è questa chiave che apre la porta della nostra relazione con Lui? È la fiducia totale, che si fa non solo intenzione, ma consegna di tutto se stesso al Padre. È un accogliere la realtà non come luogo da cui difendersi perché le cose non vanno come vorremmo noi, ma come luogo da amare perché mentre le cose vanno come vanno Gesù è con noi, immerso nella nostra vita, per camminare con noi, ed esserci custode e Padre. Infatti guardando i suoi discepoli addormentati “per la tristezza” Gesù li sveglia e gli dice: “Alzatevi e pregate, per non entrare in tentazione”. 
Dice questo dopo avere combattuto la sua battaglia più grande, quella contro la tentazione di allontanarsi dalla sofferenza. Gesù, da vero…

Tenersi pronti

Iniziamo l’Avvento, tempo di attesa e di desiderio, con l’invito stesso di Gesù ad essere vigili, attenti, pronti. Ma attenti a che cosa? Il discorso del Signore si riferisce alla fine della storia, al momento cosmico della parusìa, del suo ritorno definitivo, quando il male sarà definitivamente e per sempre messo a tacere, e ci sarà soltanto la realtà del Paradiso, della gioia e della felicità eterna nell’abbraccio con Dio. Ma facciamo un passo indietro. Gesù paragona questo momento ai tempi di Noè, quando, davanti al disastro ormai vicino, le persone vivevano come se niente fosse, ignare di tutto, perse in mille affanni e occupazioni, senza accorgersi di alcuni segni che indicavano il momento forte che si stava avvicinando. Solo Noè ascolta la sua coscienza e intende la voce di Dio e si mette a costruire quell’arca che sarà la sua salvezza.  Una volta Gesù aveva detto: quando tornerò, troverò la fede sulla terra? Il Signore in questi 2000 anni e più, ha fatto tutto per l’umanità, ha …

Dio che scioglie i nodi

Protagonista di questa vangelo è Giuseppe, lo sposo di Maria, al quale viene fatto un annuncio, in una modalità differente da quello fatto a Maria. Sarà nel sogno che un angelo andrà da lui per rivelargli il progetto di Dio. Ma cos’è accaduto a Giuseppe di tanto decisivo per cui Dio interviene parlandogli in sogno? Giuseppe è venuto a conoscenza della maternità di Maria. Lo Spirito Santo l’ha resa incinta di un bambino che sarà il Figlio di Dio, destinato ad essere grande. Davanti a questa comunicazione di Maria, Giuseppe resta inchiodato. La realtà bruscamente viene a destabilizzarlo. La vita che pensava di vivere in un attimo crolla miseramente. Tutto l’immaginario attorno a cui si era costruito viene meno. Non sposerà più la donna che ama, non avrà più una famiglia, non sarà benedetto come ogni ebreo che, nella vita familiare ricca di amore e di figli, vedeva la realizzazione concreta della benedizione di Dio. Messo davanti a un intervento di Dio tanto grande, Giuseppe ha paura. No…