Passa ai contenuti principali

Il sì del cuore

Si pentì e vi andò. In questo movimento esistenziale di ritorno a se stessi sta il messaggio centrale del Vangelo di questa domenica (cf. Mt 21,28-32). Gesù racconta un’importante parabola che ha per protagonisti un padre e due figli. C’è un campo di lavoro – la vigna – e c’è la richiesta del padre perché vadano a lavorarla. Il primo figlio a cui si rivolge non ne vuole sapere, risponde come pensa e se ne lava le mani. Il secondo invece ha la risposta pronta, sembra non aspettare altro e fa una gran bella figura davanti al padre. Peccato però che le parole – per entrambi – si riveleranno diverse dalle azioni. C’è una incongruenza notevole tanto che quello che ha detto no, alla fine va, mentre l’altro che ha detto di sì, alla fine non va. Una parabola intrecciata che richiede un po’ di tempo per essere assimilata. Perché la prima impressione è che non si sa chi si ha davanti. Chi è il figlio coerente e chi no lo è. 

Entrando nel testo, però, ci rendiamo conto di capire bene il discorso di Gesù. Finché non c’è un vero cambiamento del cuore e della persona tutta intera, non c’è capacità di vivere come figli, di essere cioè familiari di Dio, di essere persone credenti. Gesù e il Vangelo devono penetrare nelle ossa, nelle viscere, devono entrare dappertutto e dare nuova forma al nostro spirito, a partire dal cambio di mentalità. Il primo figlio ci ricorda tanti ragazzi che vediamo nelle nostre famiglie ma anche tanti adulti. Di Gesù e di Chiesa non ne vogliono sapere, fanno muro, s difendono dai discorsi religiosi, tagliano corto quando qualcuno vuole fargli una proposta di fede. L’apparenza sembra dire che sono lontani, ma in verità dovunque si trovano saranno sempre e comunque in Dio, che lo sappiano o meno, che ne siano coscienti o no. Paolo Ricca ha detto che Dio è Dio dell’uomo prima ancora di essere Dio del cristiano. In effetti al di là di quello che possiamo suscitare noi con la nostra mediazione, lo Spirito del Signore che è appunto Signore di ogni cuore sarà sempre più informato di noi circa lo stato interiore delle persone. La partita si gioca tra il cuore umano e Dio, è quella la tensione viva che ogni giorno anima dal di dentro la vita di ogni persona. 

Allora ciò che conta è che nel cammino della vita a un certo punto accada la presa di coscienza: si pentì e andò. Penso che sia questa dinamica uno dei frutti più belli dell’affidamento a Maria, perché quando mettiamo con fiducia la nostra vita nelle sue mani, lei, in quanto vera Madre della grazia, ci aiuta a farci modellare dallo Spirito e favorisce la sua azione in noi. La sua opera materna è dispositiva, ci prepara cioè a ricevere il dono, lo Spirito Santo che Gesù ha promesso di dare “sempre” e in modo “certo” a chiunque glielo domanda nella preghiera. Maria ci aiuta a pentirci, convertirci e andare, là dove il Signore ci precede per nuove chiamate e nuovi approdi.

Commenti

Post popolari in questo blog

Nelle tue mani

«Padre, nelle tue mani consegno il mio spirito». Parole decisive con cui si chiude il Vangelo di questa domenica delle Palme e della Passione del Signore (cf. Lc 22,14-23). Parole che sono un testamento per noi, l’indicazione preziosissima che Gesù ci dà per aiutarci a entrare nella vita. Qual è questa chiave che apre la porta della nostra relazione con Lui? È la fiducia totale, che si fa non solo intenzione, ma consegna di tutto se stesso al Padre. È un accogliere la realtà non come luogo da cui difendersi perché le cose non vanno come vorremmo noi, ma come luogo da amare perché mentre le cose vanno come vanno Gesù è con noi, immerso nella nostra vita, per camminare con noi, ed esserci custode e Padre. Infatti guardando i suoi discepoli addormentati “per la tristezza” Gesù li sveglia e gli dice: “Alzatevi e pregate, per non entrare in tentazione”. 
Dice questo dopo avere combattuto la sua battaglia più grande, quella contro la tentazione di allontanarsi dalla sofferenza. Gesù, da vero…

Tenersi pronti

Iniziamo l’Avvento, tempo di attesa e di desiderio, con l’invito stesso di Gesù ad essere vigili, attenti, pronti. Ma attenti a che cosa? Il discorso del Signore si riferisce alla fine della storia, al momento cosmico della parusìa, del suo ritorno definitivo, quando il male sarà definitivamente e per sempre messo a tacere, e ci sarà soltanto la realtà del Paradiso, della gioia e della felicità eterna nell’abbraccio con Dio. Ma facciamo un passo indietro. Gesù paragona questo momento ai tempi di Noè, quando, davanti al disastro ormai vicino, le persone vivevano come se niente fosse, ignare di tutto, perse in mille affanni e occupazioni, senza accorgersi di alcuni segni che indicavano il momento forte che si stava avvicinando. Solo Noè ascolta la sua coscienza e intende la voce di Dio e si mette a costruire quell’arca che sarà la sua salvezza.  Una volta Gesù aveva detto: quando tornerò, troverò la fede sulla terra? Il Signore in questi 2000 anni e più, ha fatto tutto per l’umanità, ha …

Dio che scioglie i nodi

Protagonista di questa vangelo è Giuseppe, lo sposo di Maria, al quale viene fatto un annuncio, in una modalità differente da quello fatto a Maria. Sarà nel sogno che un angelo andrà da lui per rivelargli il progetto di Dio. Ma cos’è accaduto a Giuseppe di tanto decisivo per cui Dio interviene parlandogli in sogno? Giuseppe è venuto a conoscenza della maternità di Maria. Lo Spirito Santo l’ha resa incinta di un bambino che sarà il Figlio di Dio, destinato ad essere grande. Davanti a questa comunicazione di Maria, Giuseppe resta inchiodato. La realtà bruscamente viene a destabilizzarlo. La vita che pensava di vivere in un attimo crolla miseramente. Tutto l’immaginario attorno a cui si era costruito viene meno. Non sposerà più la donna che ama, non avrà più una famiglia, non sarà benedetto come ogni ebreo che, nella vita familiare ricca di amore e di figli, vedeva la realizzazione concreta della benedizione di Dio. Messo davanti a un intervento di Dio tanto grande, Giuseppe ha paura. No…