Passa ai contenuti principali

Fiducia che ottiene

«Donna, grande è la tua fede» (cf. Mt 15,21-28). Il Vangelo di questa domenica ci mostra la dinamica della fiducia e il misterioso potere che abbiamo sul cuore di Dio. Sì, perché davanti a un incontro come quello di Gesù e la cananea non possiamo non sentire dentro di noi un grido di esultanza perché il nostro Dio è Padre ed esaudisce le nostre preghiere. Le esaudisce, perché è Padre. Troppo spesso sentiamo dire: “Prega però non chiedergli quello che vuoi tu, ma quello che vuole Lui”. Vero. Però… sì c’è un però. Quando il cuore è al colmo della sopportazione e si sente l’impotenza davanti a situazioni che si vorrebbero diverse e che non si possono cambiare, quando si avverte l’impossibilità di intervenire, quando si sperimenta il limite… allora questo fiume di misericordia che salva è come una ventata di aria fresca in una giornata torrida. Certo che Gesù sa quello che è meglio per noi, ma saremmo ipocriti se pregassimo senza dolore, se chiedessimo senza osare domandare una grazia e crederci davvero. Il nostro Dio non ci ha insegnato a pregare in modo asettico, senza coinvolgerci, come se fosse lo stesso essere ascoltati o meno. Ci ha detto di bussare, perché ci avrebbe aperto. Di chiedere, perché ci avrebbe dato. Di osare, perché avrebbe accontentato la nostra richiesta. Talvolta si vuole ridurre l’onnipotenza di Dio e interpretare le parole dell’angelo: “Nulla è impossibile a Dio”.  Ma l’angelo ha proprio detto questo!

La donna cananea di oggi ci ricorda tanto Maria alle nozze di Cana. Lì Maria aveva rispettato la scelta di Gesù, aveva sentito bene la sua obiezione, eppure fece un salto in avanti e con un tuffo di fiducia osò dire ai servitori: “Fate quello che vi dirà”. E Gesù, quasi messo alle strette, fece il suo primo miracolo. Maria è andata oltre tutto quello che percepiva e si è comportata come si comporterebbe un bimbo, gettandosi nelle braccia del suo Papà. Come a dire: “Capisco che non posso ottenere tutto quello che mi sembra giusto, ma io ho bisogno di chiederlo, ho bisogno di essere autentica”.
Non riusciremo mai a sondare le profondità del grande mistero della preghiera. La preghiera può tutto. Apre strade dove strade non sembrano esserci. Non importa se si osa invertire l’ordine e invece di attendere il proprio turno, ci si fa accanto al banchetto preparato per altri. Quello che conta è raggiungere Gesù, e credere in Lui. Se uno ci crede, sarà sfamato, sia che mangi un piatto di carni pregiate sia che mangi un tozzo di pane.


Lucia di Fatima, un giorno, disse con trasporto: “Non c’è nulla, neppure il problema più grande, che non possa essere risolto con la preghiera del Rosario”. La preghiera è il nostro rivolgerci a Lui: “Signore aiutami!”. Come quel giorno la cananea, sentiremo Gesù che ci dice: “Avvenga per te come desideri”. Noi che ci siamo affidati a Maria siamo spronati da lei alla preghiera costante, a chiedere senza stancarci, ad avere nel cuore sempre pronta un’Ave Maria perché solo in questo modo, solo con un’ostinata audacia potremo vedere Dio all’opera laddove pareva impossibile. “Gli anelli che voi vedete spenti, senza raggi, sono le grazie che non mi chiedete” disse Maria a santa Caterina Labouré, mentre le spiegava l’immagine della futura medaglia miracolosa. Cosa vuol dire questo se non che la preghiera è la cosa più necessaria? Sì, gli anelli della Vergine si riempiranno di luce e questa luce diventerà aiuto concreto per le persone per cui preghiamo se avremo un cuore di figli che si fidano di Dio e della sua infinita tenerezza verso ciascuno.

Commenti

Post popolari in questo blog

Nelle tue mani

«Padre, nelle tue mani consegno il mio spirito». Parole decisive con cui si chiude il Vangelo di questa domenica delle Palme e della Passione del Signore (cf. Lc 22,14-23). Parole che sono un testamento per noi, l’indicazione preziosissima che Gesù ci dà per aiutarci a entrare nella vita. Qual è questa chiave che apre la porta della nostra relazione con Lui? È la fiducia totale, che si fa non solo intenzione, ma consegna di tutto se stesso al Padre. È un accogliere la realtà non come luogo da cui difendersi perché le cose non vanno come vorremmo noi, ma come luogo da amare perché mentre le cose vanno come vanno Gesù è con noi, immerso nella nostra vita, per camminare con noi, ed esserci custode e Padre. Infatti guardando i suoi discepoli addormentati “per la tristezza” Gesù li sveglia e gli dice: “Alzatevi e pregate, per non entrare in tentazione”. 
Dice questo dopo avere combattuto la sua battaglia più grande, quella contro la tentazione di allontanarsi dalla sofferenza. Gesù, da vero…

Tenersi pronti

Iniziamo l’Avvento, tempo di attesa e di desiderio, con l’invito stesso di Gesù ad essere vigili, attenti, pronti. Ma attenti a che cosa? Il discorso del Signore si riferisce alla fine della storia, al momento cosmico della parusìa, del suo ritorno definitivo, quando il male sarà definitivamente e per sempre messo a tacere, e ci sarà soltanto la realtà del Paradiso, della gioia e della felicità eterna nell’abbraccio con Dio. Ma facciamo un passo indietro. Gesù paragona questo momento ai tempi di Noè, quando, davanti al disastro ormai vicino, le persone vivevano come se niente fosse, ignare di tutto, perse in mille affanni e occupazioni, senza accorgersi di alcuni segni che indicavano il momento forte che si stava avvicinando. Solo Noè ascolta la sua coscienza e intende la voce di Dio e si mette a costruire quell’arca che sarà la sua salvezza.  Una volta Gesù aveva detto: quando tornerò, troverò la fede sulla terra? Il Signore in questi 2000 anni e più, ha fatto tutto per l’umanità, ha …

Dio che scioglie i nodi

Protagonista di questa vangelo è Giuseppe, lo sposo di Maria, al quale viene fatto un annuncio, in una modalità differente da quello fatto a Maria. Sarà nel sogno che un angelo andrà da lui per rivelargli il progetto di Dio. Ma cos’è accaduto a Giuseppe di tanto decisivo per cui Dio interviene parlandogli in sogno? Giuseppe è venuto a conoscenza della maternità di Maria. Lo Spirito Santo l’ha resa incinta di un bambino che sarà il Figlio di Dio, destinato ad essere grande. Davanti a questa comunicazione di Maria, Giuseppe resta inchiodato. La realtà bruscamente viene a destabilizzarlo. La vita che pensava di vivere in un attimo crolla miseramente. Tutto l’immaginario attorno a cui si era costruito viene meno. Non sposerà più la donna che ama, non avrà più una famiglia, non sarà benedetto come ogni ebreo che, nella vita familiare ricca di amore e di figli, vedeva la realizzazione concreta della benedizione di Dio. Messo davanti a un intervento di Dio tanto grande, Giuseppe ha paura. No…