Passa ai contenuti principali

Dono dall'alto

Chi sono io per te? Una domanda, questa di Gesù nel Vangelo della domenica (cf. Mt 16,30-20), che ci legge dentro, mettendoci di fronte a noi stessi, a quello che stiamo pensando, sentendo, sperimentando. Tendiamo ad allontanarci dal dialogo intimo e costante con Lui, non per scelta, ma perché le preoccupazioni della vita ci attirano e ci fanno entrare in contatto con altri sentimenti, che non di rado spingono verso la sfiducia. Siamo strutturati in questo modo: come equilibristi sul filo della vita. Se allentiamo il contatto con lo Spirito Santo, che vive in noi, non è che lo Spirito sparisca, perché noi viviamo in Lui, ma siamo noi che facciamo contatto con altre realtà, e quindi ne subiamo l’influenza.

Quando vediamo un bel tramonto e restiamo in silenzio, quasi spiazzati davanti all’evidenza di una potenza superiore, creatrice di tanta bellezza, noi vibriamo con la nostra parte più vera. Se invece siamo immersi in situazioni negative e apparentemente senza sbocco, pian piano ne siamo avvelenati e saturati. È per questo che Gesù ci stimola e ci raggiunge con la sua voce, con le sue domande. Chi sono per te? Sussurra al nostro cuore. Quasi a riprenderci quando forse siamo un po’ troppo influenzati da altro. E la nostra attenzione si volge nuovamente a Lui, e di nuovo la fiducia ci viene incontro e ci ricorda che soltanto di essa c’è bisogno per vivere. Fiducia in Gesù Signore della storia, che ha in mano ogni cosa, e con tenerezza la conduce, nonostante tutte le apparenze.

Lui garantisce: la Chiesa è mia, voi siete miei, tu mi appartieni. Se resti unito a me, sciolgo tutte le situazioni anche più aggrovigliate, se ti fidi e ti affidi. Nessuna potenza negativa potrà vincerti. È questa appartenenza concreta che Maria desidera per noi quando ci affidiamo a lei. Non per tranquillizzarci, per staccarci dalle difficoltà, ma per farci vivere ogni situazione della vita fondati sull’amore di suo Figlio Gesù. Ci doniamo a lei per essere suoi e così essere di Dio. Per guardarci e percepirci come figli. Quando Gesù dichiara beato Pietro, sta sottolineando una cosa davvero grande, alla quale non ci abitueremo e non dobbiamo abituarci mai: che la fede è un dono dall’alto ed è per fede che noi possiamo riconoscere Gesù e appartenere a Lui. Non viene dalla terra questo nostro sì, ma dal cielo. Questo significa che l’unica cosa necessaria, più necessaria dell’aria che respiriamo è la fiducia, fiducia rinnovata a ogni istante, contattata a ogni passo, cercata con ogni respiro dell’anima. Con la fiducia il cuore si apre e sente, capisce, crede, si affida. Con la fiducia il debole strumento che è la Chiesa diventa luogo di grazie straordinarie, in cui le vite cambiano, le persone si convertono, le situazioni più intricate si sciolgono.

Con la fede si spostano le montagne, l'impossibile diventa possibile, il piccolo si fa grande, chi è perduto viene ritrovato, chi è malato guarisce, chi è prigioniero è liberato, chi traballa torna a camminare in modo regolare. Questa potenza di Dio ci viene comunicata e a noi spetta darle credito, farla crescere, offrirle la parte maggiore di quello che siamo e che abbiamo, fino a lasciarle campo libero e così vivere in comunione, mai soli, sempre in dialogo con Dio, Padre che è nei cieli e che sempre rivela se stesso per chi lo vuole accogliere. 



Commenti

Post popolari in questo blog

Nelle tue mani

«Padre, nelle tue mani consegno il mio spirito». Parole decisive con cui si chiude il Vangelo di questa domenica delle Palme e della Passione del Signore (cf. Lc 22,14-23). Parole che sono un testamento per noi, l’indicazione preziosissima che Gesù ci dà per aiutarci a entrare nella vita. Qual è questa chiave che apre la porta della nostra relazione con Lui? È la fiducia totale, che si fa non solo intenzione, ma consegna di tutto se stesso al Padre. È un accogliere la realtà non come luogo da cui difendersi perché le cose non vanno come vorremmo noi, ma come luogo da amare perché mentre le cose vanno come vanno Gesù è con noi, immerso nella nostra vita, per camminare con noi, ed esserci custode e Padre. Infatti guardando i suoi discepoli addormentati “per la tristezza” Gesù li sveglia e gli dice: “Alzatevi e pregate, per non entrare in tentazione”. 
Dice questo dopo avere combattuto la sua battaglia più grande, quella contro la tentazione di allontanarsi dalla sofferenza. Gesù, da vero…

Tenersi pronti

Iniziamo l’Avvento, tempo di attesa e di desiderio, con l’invito stesso di Gesù ad essere vigili, attenti, pronti. Ma attenti a che cosa? Il discorso del Signore si riferisce alla fine della storia, al momento cosmico della parusìa, del suo ritorno definitivo, quando il male sarà definitivamente e per sempre messo a tacere, e ci sarà soltanto la realtà del Paradiso, della gioia e della felicità eterna nell’abbraccio con Dio. Ma facciamo un passo indietro. Gesù paragona questo momento ai tempi di Noè, quando, davanti al disastro ormai vicino, le persone vivevano come se niente fosse, ignare di tutto, perse in mille affanni e occupazioni, senza accorgersi di alcuni segni che indicavano il momento forte che si stava avvicinando. Solo Noè ascolta la sua coscienza e intende la voce di Dio e si mette a costruire quell’arca che sarà la sua salvezza.  Una volta Gesù aveva detto: quando tornerò, troverò la fede sulla terra? Il Signore in questi 2000 anni e più, ha fatto tutto per l’umanità, ha …

Dio che scioglie i nodi

Protagonista di questa vangelo è Giuseppe, lo sposo di Maria, al quale viene fatto un annuncio, in una modalità differente da quello fatto a Maria. Sarà nel sogno che un angelo andrà da lui per rivelargli il progetto di Dio. Ma cos’è accaduto a Giuseppe di tanto decisivo per cui Dio interviene parlandogli in sogno? Giuseppe è venuto a conoscenza della maternità di Maria. Lo Spirito Santo l’ha resa incinta di un bambino che sarà il Figlio di Dio, destinato ad essere grande. Davanti a questa comunicazione di Maria, Giuseppe resta inchiodato. La realtà bruscamente viene a destabilizzarlo. La vita che pensava di vivere in un attimo crolla miseramente. Tutto l’immaginario attorno a cui si era costruito viene meno. Non sposerà più la donna che ama, non avrà più una famiglia, non sarà benedetto come ogni ebreo che, nella vita familiare ricca di amore e di figli, vedeva la realizzazione concreta della benedizione di Dio. Messo davanti a un intervento di Dio tanto grande, Giuseppe ha paura. No…