Quale grandezza!

L’affidamento a Maria come strumento per riuscire a esprimere tutte le nostre potenzialità: questo è un aspetto che ha affascinato Massimiliano Kolbe e lo ha motivato a non allentare il suo cammino di donazione. «Per mezzo dell'obbedienza noi ci innalziamo al di sopra della nostra pochezza e operiamo conformemente a una sapienza infinita (senza esagerazione), alla sapienza divina... Dio ci offre la propria infinita sapienza e prudenza, perché guidino le nostre azioni: quale grandezza!» (SK 25). Lo stupore di un Dio che lavora invisibilmente nella trama delle nostre ore, dei nostri giorni e che - se seguito e assecondato - ci fa partecipi delle sue idee, dei suoi progetti più belli, anche se non possiamo pretendere di comprenderli appieno e conoscere le vie attraverso le quali ci condurrà.

Ma il non poter controllare il cammino non impedisce di appassionarsi alla sua proposta e di potersi dedicare ad essa con tutte le forze, con tutto il cuore, con tutta la propria vitalità. Quando si è donata la vita, quando la si sa al sicuro nelle mani di una madre come Maria, non si perde più il proprio tempo a pensare a se stessi. E si è portati a uscire dalle strettoie della mente per collaborare con Dio.


D’altronde l’aspetto più grazioso di Maria, ossia il più ricco di bellezza soprannaturale è la sua scelta di lasciarsi forgiare dallo Spirito, adattandosi alla sua azione con fiducia e tenacia. La persona ha la libertà di sentirsi passiva o di prendere in mano la sua vita, stringendo un patto di alleanza con il Signore: Maria ha scelto questa seconda via. Ed è questo atteggiamento interiore che lei suscita in chi si affida totalmente a lei. Si tratta di una relazione speciale con lo Spirito Santo che è uno dei doni più belli dell’affidamento a lei. Ne conosce la bellezza chi ne ha fatto esperienza concreta e diretta.

Commenti