Passa ai contenuti principali

Accoglienza a 360º


In questo maggio mariano, in cui stiamo pregando il Rosario con un’intenzione in più, quella di metterci più amore nella vita, più cuore nelle nostre relazioni sull’esempio di Maria, possiamo ritagliarci uno spazio di riflessione per valutare come stiamo vivendo l’accoglienza. Bellissima parola, sacra per molte culture, specie più povere, ma forse un po’ incompresa da noi occidentali a cui piace l’idea di accoglierci ma che alla fine restringiamo molto il termine a ciò che piace a  noi.

Ci riferiamo a quella strana forma di accoglienza che è totale e vera solo per alcune persone, mentre diventa striminzita nei confronti di altri. A volte neppure ce ne rendiamo conto ma si mettono in atto dei comportamenti che dicono: «Ci sono solo io e quelle persone che riesco a inglobare nella mia visuale». A volte sono piccole cose, ma che parlano chiaro: «a tavola, ad esempio - raccontava un’amica - i miei colleghi parlano sempre tra loro di lavoro e di faccende che li riguardano, come se io non ci fossi. A me non resta che mangiare da sola oppure trovare qualcuno con cui condividere il momento. Impossibile infatti entrare in un discorso chiuso, riservato a pochi».

Può sembrare insignificante, ma quanto invece è importante vigilare sul proprio modo di accogliere. Maria aveva sempre la porta del cuore spalancata verso l’altro, era felice di poter fare qualcosa perché l’altro si sentisse voluto bene, preso in considerazione e soprattutto che non provasse disagio. Maria rinunciava anche al suo spazio legittimo di condivisione pur di far sentire l’altro importante, pur di valorizzarlo e comunicargli il suo affetto sincero.

Non esiste un’accoglienza per pochi, e chi la pratica dovrebbe forse farsi qualche domanda: sto con chi mi dice sempre di sì e perciò mi conferma nelle mie idee oppure sono disponibile ad aprirmi al confronto con tutti? Cerco appoggi negli altri oppure cammino con loro alla pari?

Accoglienza vera è solo quella a 360º, quella che Maria ci insegna. Come diceva padre Kolbe, non preoccupiamoci se l’impresa è difficile, ma affidiamoci a Maria, lei ci insegnerà come fare. 

Commenti

Post popolari in questo blog

Nelle tue mani

«Padre, nelle tue mani consegno il mio spirito». Parole decisive con cui si chiude il Vangelo di questa domenica delle Palme e della Passione del Signore (cf. Lc 22,14-23). Parole che sono un testamento per noi, l’indicazione preziosissima che Gesù ci dà per aiutarci a entrare nella vita. Qual è questa chiave che apre la porta della nostra relazione con Lui? È la fiducia totale, che si fa non solo intenzione, ma consegna di tutto se stesso al Padre. È un accogliere la realtà non come luogo da cui difendersi perché le cose non vanno come vorremmo noi, ma come luogo da amare perché mentre le cose vanno come vanno Gesù è con noi, immerso nella nostra vita, per camminare con noi, ed esserci custode e Padre. Infatti guardando i suoi discepoli addormentati “per la tristezza” Gesù li sveglia e gli dice: “Alzatevi e pregate, per non entrare in tentazione”. 
Dice questo dopo avere combattuto la sua battaglia più grande, quella contro la tentazione di allontanarsi dalla sofferenza. Gesù, da vero…

Tenersi pronti

Iniziamo l’Avvento, tempo di attesa e di desiderio, con l’invito stesso di Gesù ad essere vigili, attenti, pronti. Ma attenti a che cosa? Il discorso del Signore si riferisce alla fine della storia, al momento cosmico della parusìa, del suo ritorno definitivo, quando il male sarà definitivamente e per sempre messo a tacere, e ci sarà soltanto la realtà del Paradiso, della gioia e della felicità eterna nell’abbraccio con Dio. Ma facciamo un passo indietro. Gesù paragona questo momento ai tempi di Noè, quando, davanti al disastro ormai vicino, le persone vivevano come se niente fosse, ignare di tutto, perse in mille affanni e occupazioni, senza accorgersi di alcuni segni che indicavano il momento forte che si stava avvicinando. Solo Noè ascolta la sua coscienza e intende la voce di Dio e si mette a costruire quell’arca che sarà la sua salvezza.  Una volta Gesù aveva detto: quando tornerò, troverò la fede sulla terra? Il Signore in questi 2000 anni e più, ha fatto tutto per l’umanità, ha …

Dio che scioglie i nodi

Protagonista di questa vangelo è Giuseppe, lo sposo di Maria, al quale viene fatto un annuncio, in una modalità differente da quello fatto a Maria. Sarà nel sogno che un angelo andrà da lui per rivelargli il progetto di Dio. Ma cos’è accaduto a Giuseppe di tanto decisivo per cui Dio interviene parlandogli in sogno? Giuseppe è venuto a conoscenza della maternità di Maria. Lo Spirito Santo l’ha resa incinta di un bambino che sarà il Figlio di Dio, destinato ad essere grande. Davanti a questa comunicazione di Maria, Giuseppe resta inchiodato. La realtà bruscamente viene a destabilizzarlo. La vita che pensava di vivere in un attimo crolla miseramente. Tutto l’immaginario attorno a cui si era costruito viene meno. Non sposerà più la donna che ama, non avrà più una famiglia, non sarà benedetto come ogni ebreo che, nella vita familiare ricca di amore e di figli, vedeva la realizzazione concreta della benedizione di Dio. Messo davanti a un intervento di Dio tanto grande, Giuseppe ha paura. No…