Passa ai contenuti principali

Come stai usando il tuo cuore


Nel vangelo di questa domenica Gesù ci spiega qualcosa di come funzioniamo noi in relazione con lui, e con la sua parola. Delle strategie che mettiamo in atto per difenderci da lui e dalla trasformazione che dovremmo avere se vogliamo essere felici. Siamo lungo la riva del lago dei Galilea e Gesù sta parlando alla folla che si è radunata intorno a lui ed è così numerosa che è costretto a salire su una barca e da lì parlare. E comincia a raccontare una storia: la storia di un seminatore che esce a seminare. Una parte dei semi cade lungo la strada e gli uccelli vengono a mangiarla. Una parte cade sul terreno sassoso e germoglia, però, allo spuntare del sole, secca perché non ha radici. Una parte cade tra i rovi ed è soffocata. Fortuna che un’altra parte cade sul terreno buono e dà frutto: il cento, il sessanta, il trenta per uno. Ma cosa vuol dire per me oggi?
Il seminatore è Gesù stesso e il seme è la sua parola. Questa parola che lui ogni giorno ci dona nel vangelo, è come un seme pieno di potenzialità che cerca un cuore accogliente in cui potersi installare e cominciare a germogliare. La parola di Dio è una potenza spirituale che una volta accolta ci cambia e ci mette sottosopra. Ha una forza tutta sua, perché è roba che viene da Dio, non da noi. E questa è una grande notizia, che Dio è Dio e che la sua parola è creatrice di cose nuove, ha questa forza. Questa parola oltre a toccarci dentro,dà anche senso e direzione sicura alla nostra vita, ci spiega dove siamo, cosa stiamo facendo della nostra esistenza, come ci stiamo usando, se in modo utile o meno alla nostra felicità. Ebbene cosa accade a questa parola che lui vuole che si incontri con noi? Accade che in noi possono esserci diversi atteggiamenti. Teniamo presente che quello che facciamo con Gesù lo facciamo anche con gli altri. Se non diamo spazio agli altri, non diamo spazio neppure a Gesù.
Il nostro cuore può essere come strada asfaltata che non recepisce. Come quando ascoltiamo il vangelo e ci entra da un orecchio per poi uscirci dall’altro. Possiamo anche essere come il terreno sassoso: ascoltiamo, gustiamo, sentiamo che quella parola un po’ ci incuriosisce, ma non vogliamo impegnarci troppo ed evitiamo di approfondire. Possiamo anche comportarci come un rovo, e soffocare la parola di Dio con tutte le nostre ansie, le nostre complicazioni, l’eccessiva preoccupazione per quello che pensiamo dovremmo fare per essere felici. Ma possiamo anche avere in noi una parte di terreno soffice e sostanzioso, che accoglie il semino e gli permette di vivere. È una reciprocità: Dio propone e noi accogliamo, nella libertà. E la vita inizia a fiorire, fino a diventare talvolta un vero capolavoro. Siamo terreno buono quando ci prendiamo il tempo per stare con il Signore, quando diamo credito a quanto si muove nel nostro spirito, quando ci decidiamo a sprecare un po’ di energie per cercare il suo amore. Dio è tutto questo per noi e in cambio ci lancia nella vita da protagonisti, come persone che sanno stare in piedi, che hanno dei valori e si sporcano le mani per viverli. Persone autentiche, che creano comunità intorno a sé e sanno trasmettere la gioia di vivere. Facciamoci questa domanda: che tipo di atteggiamento ho verso il vangelo? Sento la curiosità e il desiderio di fare un’esperienza profonda di incontro con Gesù nel suo vangelo? Aspetto il momento in cui potrò starmene da solo a pregarlo e sentire cosa accade dentro di me? Sento che questa parola ha un gusto unico e che è per me ora?
Maria è per noi modello di come si ascolta la parola di Dio, come un figlio ascolta un padre da cui si sa profondamente amato. Con fiducia smisurata. Ed è la fede, il dare fiducia a questa parola che cambia tutto. Dopo avere ascoltato l’angelo che le annunciava che avrebbe avuto un figlio, Maria dice: “Ecco la serva del Signore, avvenga per me secondo la tua parola”. Il terreno buono che era nel cuore di Maria accolse quel semino e quel semino diventò Dio in lei. E la storia cambiò corso. Quanto sei disposto a fare o a non fare affinché questa parola oggi possa toccare la tua vita? E quanto sei disposto a crederci?


12 luglio 2020
Dal vangelo secondo Matteo 13,1-23
In quel tempo1 Quel giorno Gesù uscì di casa e sedette in riva al mare. 2Si radunò attorno a lui tanta folla che egli salì su una barca e si mise a sedere, mentre tutta la folla stava sulla spiaggia.
3Egli parlò loro di molte cose con parabole. E disse: «Ecco, il seminatore uscì a seminare. 4Mentre seminava, una parte cadde lungo la strada; vennero gli uccelli e la mangiarono. 5Un'altra parte cadde sul terreno sassoso, dove non c'era molta terra; germogliò subito, perché il terreno non era profondo, 6ma quando spuntò il sole, fu bruciata e, non avendo radici, seccò. 7Un'altra parte cadde sui rovi, e i rovi crebbero e la soffocarono. 8Un'altra parte cadde sul terreno buono e diede frutto: il cento, il sessanta, il trenta per uno. 9Chi ha orecchi, ascolti». 10Gli si avvicinarono allora i discepoli e gli dissero: «Perché a loro parli con parabole?». 11Egli rispose loro: «Perché a voi è dato conoscere i misteri del regno dei cieli, ma a loro non è dato. 12Infatti a colui che ha, verrà dato e sarà nell'abbondanza; ma a colui che non ha, sarà tolto anche quello che ha. 13Per questo a loro parlo con parabole: perché guardando non vedono, udendo non ascoltano e non comprendono. 14Così si compie per loro la profezia di Isaia che dice:
Udrete, sì, ma non comprenderete,
guarderete, sì, ma non vedrete.
15Perché il cuore di questo popolo è diventato insensibile,
sono diventati duri di orecchi
e hanno chiuso gli occhi,
perché non vedano con gli occhi,
non ascoltino con gli orecchi
e non comprendano con il cuore
e non si convertano e io li guarisca!
16Beati invece i vostri occhi perché vedono e i vostri orecchi perché ascoltano. 17In verità io vi dico: molti profeti e molti giusti hanno desiderato vedere ciò che voi guardate, ma non lo videro, e ascoltare ciò che voi ascoltate, ma non lo ascoltarono!
18Voi dunque ascoltate la parabola del seminatore. 19Ogni volta che uno ascolta la parola del Regno e non la comprende, viene il Maligno e ruba ciò che è stato seminato nel suo cuore: questo è il seme seminato lungo la strada. 20Quello che è stato seminato sul terreno sassoso è colui che ascolta la Parola e l'accoglie subito con gioia, 21ma non ha in sé radici ed è incostante, sicché, appena giunge una tribolazione o una persecuzione a causa della Parola, egli subito viene meno. 22Quello seminato tra i rovi è colui che ascolta la Parola, ma la preoccupazione del mondo e la seduzione della ricchezza soffocano la Parola ed essa non dà frutto. 23Quello seminato sul terreno buono è colui che ascolta la Parola e la comprende; questi dà frutto e produce il cento, il sessanta, il trenta per uno».


Commenti

Post popolari in questo blog

Nelle tue mani

«Padre, nelle tue mani consegno il mio spirito». Parole decisive con cui si chiude il Vangelo di questa domenica delle Palme e della Passione del Signore (cf. Lc 22,14-23). Parole che sono un testamento per noi, l’indicazione preziosissima che Gesù ci dà per aiutarci a entrare nella vita. Qual è questa chiave che apre la porta della nostra relazione con Lui? È la fiducia totale, che si fa non solo intenzione, ma consegna di tutto se stesso al Padre. È un accogliere la realtà non come luogo da cui difendersi perché le cose non vanno come vorremmo noi, ma come luogo da amare perché mentre le cose vanno come vanno Gesù è con noi, immerso nella nostra vita, per camminare con noi, ed esserci custode e Padre. Infatti guardando i suoi discepoli addormentati “per la tristezza” Gesù li sveglia e gli dice: “Alzatevi e pregate, per non entrare in tentazione”. 
Dice questo dopo avere combattuto la sua battaglia più grande, quella contro la tentazione di allontanarsi dalla sofferenza. Gesù, da vero…

Tenersi pronti

Iniziamo l’Avvento, tempo di attesa e di desiderio, con l’invito stesso di Gesù ad essere vigili, attenti, pronti. Ma attenti a che cosa? Il discorso del Signore si riferisce alla fine della storia, al momento cosmico della parusìa, del suo ritorno definitivo, quando il male sarà definitivamente e per sempre messo a tacere, e ci sarà soltanto la realtà del Paradiso, della gioia e della felicità eterna nell’abbraccio con Dio. Ma facciamo un passo indietro. Gesù paragona questo momento ai tempi di Noè, quando, davanti al disastro ormai vicino, le persone vivevano come se niente fosse, ignare di tutto, perse in mille affanni e occupazioni, senza accorgersi di alcuni segni che indicavano il momento forte che si stava avvicinando. Solo Noè ascolta la sua coscienza e intende la voce di Dio e si mette a costruire quell’arca che sarà la sua salvezza.  Una volta Gesù aveva detto: quando tornerò, troverò la fede sulla terra? Il Signore in questi 2000 anni e più, ha fatto tutto per l’umanità, ha …

Dio che scioglie i nodi

Protagonista di questa vangelo è Giuseppe, lo sposo di Maria, al quale viene fatto un annuncio, in una modalità differente da quello fatto a Maria. Sarà nel sogno che un angelo andrà da lui per rivelargli il progetto di Dio. Ma cos’è accaduto a Giuseppe di tanto decisivo per cui Dio interviene parlandogli in sogno? Giuseppe è venuto a conoscenza della maternità di Maria. Lo Spirito Santo l’ha resa incinta di un bambino che sarà il Figlio di Dio, destinato ad essere grande. Davanti a questa comunicazione di Maria, Giuseppe resta inchiodato. La realtà bruscamente viene a destabilizzarlo. La vita che pensava di vivere in un attimo crolla miseramente. Tutto l’immaginario attorno a cui si era costruito viene meno. Non sposerà più la donna che ama, non avrà più una famiglia, non sarà benedetto come ogni ebreo che, nella vita familiare ricca di amore e di figli, vedeva la realizzazione concreta della benedizione di Dio. Messo davanti a un intervento di Dio tanto grande, Giuseppe ha paura. No…