Passa ai contenuti principali

Chi perde trova


«Chi ama padre o madre più di me, non è degno di me; chi ama figlio o figlia più di me, non è degno di me». Gesù nel vangelo di questa domenica ci dà una parola che fa pensare, che ci costringe a riflettere, ad andare più a fondo, a non fermarci alla superficie. Cosa significa che occorre amare il Signore di più rispetto a tutti gli altri amori? La risposta sta nel volto stesso di Dio che Gesù ci riflette. Il volto di un Dio che non ama soltanto a parole ma dando la sua vita per noi. Se Dio è l’Amore, allora solo andando da lui con tutte le nostre forze possiamo amare chi ci sta accanto. Lui infatti è la sorgente. Se non beviamo alla sorgente, non dissetiamo né noi né gli altri. I problemi che abbiamo con chi abbiamo scelto di amare stanno in questo: pensiamo che l’amore sia qualcosa di spontaneo, sempre disponibile in noi, mentre se non attingiamo alla fonte in realtà restiamo all’asciutto e non abbiamo le riserve d’acqua interiore per poter amare. Occorre allora entrare nel proprio cuore e lì stare con Dio, che abita il nostro spirito. Occorre pregare, ascoltarlo.

«Chi non prende la propria croce e non mi segue, non è degno di me». Chi vuole evitare la vita con le sue fatiche, aggiunge Gesù, non ha capito qual è il segreto della vita. I problemi non sono un problema, fanno parte dell’esistenza, i problemi vanno affrontati con fiducia e coraggio, occorre imparare a starci dentro e a gestire le situazioni con quel garbo e quella pazienza che aprono al dialogo e all’accoglienza, e costruiscono relazioni belle e costruttive.

«Chi avrà tenuto per sé la propria vita, la perderà, e chi avrà perduto la propria vita per causa mia, la troverà». Tenere per sé cioè restare aggrappati a certe nostre convinzioni senza lasciare che nessuno ce le possa mettere in discussione, è il modo migliore per far fallire la nostra esistenza. Occorre essere critici verso noi stessi, ossia volerci davvero bene e perciò saper dire a noi stessi: ma questa cosa che pensi o che stai facendo, esprime davvero la parte migliore di te? ti aiuta a vivere meglio? Se no, allora possiamo tranquillamente lasciarla cadere, facendo vincere altre parti di noi. 

«Chi avrà dato da bere anche un solo bicchiere d'acqua fresca a uno di questi piccoli perché è un discepolo, in verità io vi dico: non perderà la sua ricompensa». Qui Gesù fa un esempio concreto di cosa significhi amare: non si tratta di fare grandi proclami o di dire belle parole, si tratta di compiere ogni giorno nelle normali situazioni della vita quei gesti di amicizia, di comprensione e di bene che fanno bene agli altri, e li incoraggiano sulla via del bene. Il bene come la gioia sono contagiosi!


Noi affidati a Maria oggi sentiamo che queste parole hanno molto da darci: la forza di andare incontro alla vita come ha fatto Maria, senza tirarsi indietro davanti alle prove, anzi proprio nelle difficoltà ha dato prova della fiducia più piena, più grande. Quante persone confessano che proprio nel bel mezzo delle sofferenze più grandi, hanno sperimentato la vicinanza del Signore, il suo tocco e la sua presenza. Maria perciò ci spinge ad affidarci senza misura, per fare l’esperienza inattesa della mano tesa di Dio. Quando tutto nella vita di Maria pareva un grande no, una grande negazione del progetto di bellezza abbracciato, Dio Padre ha creato una cosa nuova, ha fatto germogliare la vita con l’esplosione della risurrezione del suo figlio ingiustamente eliminato e il dono di una maternità universale. Maria non ha scansato la croce, l’ha vissuta fino in fondo con fede donando tutto, offrendo tutto ed è questa fede ad averle aperto le porte di una vita nuova.



28 giugno 2020

Mt 10,37-42
XIII Domenica nell’anno

In quel tempo, Gesù disse ai suoi apostoli: «37Chi ama padre o madre più di me, non è degno di me; chi ama figlio o figlia più di me, non è degno di me; 38chi non prende la propria croce e non mi segue, non è degno di me. 39Chi avrà tenuto per sé la propria vita, la perderà, e chi avrà perduto la propria vita per causa mia, la troverà.
40Chi accoglie voi accoglie me, e chi accoglie me accoglie colui che mi ha mandato. 41Chi accoglie un profeta perché è un profeta, avrà la ricompensa del profeta, e chi accoglie un giusto perché è un giusto, avrà la ricompensa del giusto. 42Chi avrà dato da bere anche un solo bicchiere d'acqua fresca a uno di questi piccoli perché è un discepolo, in verità io vi dico: non perderà la sua ricompensa».


Commenti

Post popolari in questo blog

Nelle tue mani

«Padre, nelle tue mani consegno il mio spirito». Parole decisive con cui si chiude il Vangelo di questa domenica delle Palme e della Passione del Signore (cf. Lc 22,14-23). Parole che sono un testamento per noi, l’indicazione preziosissima che Gesù ci dà per aiutarci a entrare nella vita. Qual è questa chiave che apre la porta della nostra relazione con Lui? È la fiducia totale, che si fa non solo intenzione, ma consegna di tutto se stesso al Padre. È un accogliere la realtà non come luogo da cui difendersi perché le cose non vanno come vorremmo noi, ma come luogo da amare perché mentre le cose vanno come vanno Gesù è con noi, immerso nella nostra vita, per camminare con noi, ed esserci custode e Padre. Infatti guardando i suoi discepoli addormentati “per la tristezza” Gesù li sveglia e gli dice: “Alzatevi e pregate, per non entrare in tentazione”. 
Dice questo dopo avere combattuto la sua battaglia più grande, quella contro la tentazione di allontanarsi dalla sofferenza. Gesù, da vero…

Tenersi pronti

Iniziamo l’Avvento, tempo di attesa e di desiderio, con l’invito stesso di Gesù ad essere vigili, attenti, pronti. Ma attenti a che cosa? Il discorso del Signore si riferisce alla fine della storia, al momento cosmico della parusìa, del suo ritorno definitivo, quando il male sarà definitivamente e per sempre messo a tacere, e ci sarà soltanto la realtà del Paradiso, della gioia e della felicità eterna nell’abbraccio con Dio. Ma facciamo un passo indietro. Gesù paragona questo momento ai tempi di Noè, quando, davanti al disastro ormai vicino, le persone vivevano come se niente fosse, ignare di tutto, perse in mille affanni e occupazioni, senza accorgersi di alcuni segni che indicavano il momento forte che si stava avvicinando. Solo Noè ascolta la sua coscienza e intende la voce di Dio e si mette a costruire quell’arca che sarà la sua salvezza.  Una volta Gesù aveva detto: quando tornerò, troverò la fede sulla terra? Il Signore in questi 2000 anni e più, ha fatto tutto per l’umanità, ha …

Dio che scioglie i nodi

Protagonista di questa vangelo è Giuseppe, lo sposo di Maria, al quale viene fatto un annuncio, in una modalità differente da quello fatto a Maria. Sarà nel sogno che un angelo andrà da lui per rivelargli il progetto di Dio. Ma cos’è accaduto a Giuseppe di tanto decisivo per cui Dio interviene parlandogli in sogno? Giuseppe è venuto a conoscenza della maternità di Maria. Lo Spirito Santo l’ha resa incinta di un bambino che sarà il Figlio di Dio, destinato ad essere grande. Davanti a questa comunicazione di Maria, Giuseppe resta inchiodato. La realtà bruscamente viene a destabilizzarlo. La vita che pensava di vivere in un attimo crolla miseramente. Tutto l’immaginario attorno a cui si era costruito viene meno. Non sposerà più la donna che ama, non avrà più una famiglia, non sarà benedetto come ogni ebreo che, nella vita familiare ricca di amore e di figli, vedeva la realizzazione concreta della benedizione di Dio. Messo davanti a un intervento di Dio tanto grande, Giuseppe ha paura. No…