Passa ai contenuti principali

Riconoscere Dio


Mentre è intento a svolgere il compito che Dio gli aveva dato, quello di battezzare nel fiume Giordano, Giovanni vive un momento intenso. Alzando lo sguardo, si accorge che Gesù gli sta venendo incontro, quel Gesù che lui sta annunciando, di cui sta preparando l’arrivo. Proviamo a entrare nella scena: Gesù si era da poco fatto battezzare da Giovanni, e ora eccolo nuovamente mentre si dirige verso di lui. Il suo arrivo, forse imprevisto, crea un sussulto nel Battista e gli fa dire parole fondamentali, che riguardano la sua identità di Salvatore. “Ecco l’agnello di Dio che toglie i peccati del mondo!, ecco l’uomo di cui sto parlando, l’uomo inviato da Dio, il profeta che ha il potere di liberarci, di guarirci, di risanare le nostre esistenze. Su di lui ho visto scendere lo Spirito Santo, per cui io testimonio che è proprio lui il Figlio di Dio”. Giovanni lo aveva riconosciuto pur non avendolo ancora visto. Dice infatti: “io non lo conoscevo”. Come aveva fatto dunque  a riconoscerlo? Attraverso un’ispirazione divina, come lui stesso confessa.
Riconoscere subito Gesù quando passa. Sembra la cosa più scontata per Giovanni, ma lo è perché tutta la sua esistenza è stata plasmata dall’ascolto della voce interiore di Dio, tutti i suoi giorni sono stati scanditi dalla ricerca della sua volontà. Giovanni ha fatto una scelta forte di vita, ha rivolto la sua attenzione alla voce dello Spirito e per non farsi agganciare da altri tipi di messaggi, si è ritirato nel deserto, ha scelto il silenzio per accedere al luogo più intimo della sua interiorità, e abituare il suo spirito a riconoscere le ispirazioni dello Spirito Santo. Sintonizzarsi con Dio non è facile se si è completamente identificati con le cose di questo mondo, se l’unico pensiero della giornata è rivolto alle cose da fare, senza cercare all’interno di esse la presenza di Dio, la sua vicinanza e senza quindi camminare con lui. San Massimiliano Kolbe diceva che non si ascolta lo Spirito nella confusione.
Il messaggio è per  noi: se sentiamo di non capire dove stiamo andando, che direzione stiamo seguendo nella vita, anche se abbiamo le migliori intenzioni, questo è segno che dobbiamo ritagliarci uno spazio di ascolto, di silenzio, in cui far tacere i messaggi contraddittori, e ascoltare il punto di vista di Dio, quello che lui pensa e vuole per noi, e lo possiamo fare leggendo e interiorizzando il vangelo del giorno, come stiamo facendo ora. Il vangelo del giorno è il pane spirituale con cui il Signore attraverso la Chiesa ci nutre spiritualmente. Seguendo la Parola di Dio e come ci risuona dentro giorno per giorno, cogliamo il senso del nostro itinerario. E ci diamo da fare per corrispondere a quanto intuiamo nella preghiera.  
Giovanni non parla di sé, non gli interessa acquistare popolarità, anche se molti lo seguono con ammirazione. Il suo unico scopo è quello di rimanere in relazione con Dio, e poiché Dio gli chiede di essere se stesso, ossia il profeta che prepara i cuori all’incontro con Gesù, lui semplicemente fa quello che è. Ed è contento così. Se uno è quel che deve essere, che altro può volere?  In tutta questa scena Gesù non dice una parola. Parla solo Giovanni. Con la sua voce ci testimonia che Gesù è Dio, Gesù non lo dice ancora di se stesso, lascia che lo dica un altro. Si serve di noi per preparare i cuori ad accogliere lui, e l’opera della sua grazia.
L’affidamento a Maria ci pone nell’ottica del Battista: ci fa essere persone consapevoli del fatto che Gesù passa, passa continuamente nella nostra vita e che possiamo riconoscerne il passo mantenendoci in attento ascolto. Occorre l’esercizio dell’udito interiore, quell’attenzione del cuore che ci fa cercare e attendere la sua rivelazione. Il Signore è vicino, c’è già in noi e nelle nostre cose, questo ci dice Maria, lei che per sempre ci invita a guardare a lui. C’è e possiamo riconoscerlo mantenendoci interiormente vigili. Quello che chiediamo a Maria è che ci aiuti a orientarci a ogni istante al Signore, in una vita che acquista senso perché nasce dal dialogo con lui e trova nel suo consiglio e aiuto l’unica guida sicura.

19 gennaio 2020
Gv 1,29-34
II Domenica del Tempo Ordinario

29 In quel tempo, Giovanni, vedendo Gesù venire verso di lui disse: «Ecco l'agnello di Dio, ecco colui che toglie il peccato del mondo! 30 Ecco colui del quale io dissi: Dopo di me viene un uomo che mi è passato avanti, perché era prima di me. 31 Io non lo conoscevo, ma sono venuto a battezzare con acqua perché egli fosse fatto conoscere a Israele». 32 Giovanni rese testimonianza dicendo: «Ho visto lo Spirito scendere come una colomba dal cielo e posarsi su di lui. 33 Io non lo conoscevo, ma chi mi ha inviato a battezzare con acqua mi aveva detto: L'uomo sul quale vedrai scendere e rimanere lo Spirito è colui che battezza in Spirito Santo. 34 E io ho visto e ho reso testimonianza che questi è il Figlio di Dio».


Commenti

Post popolari in questo blog

Nelle tue mani

«Padre, nelle tue mani consegno il mio spirito». Parole decisive con cui si chiude il Vangelo di questa domenica delle Palme e della Passione del Signore (cf. Lc 22,14-23). Parole che sono un testamento per noi, l’indicazione preziosissima che Gesù ci dà per aiutarci a entrare nella vita. Qual è questa chiave che apre la porta della nostra relazione con Lui? È la fiducia totale, che si fa non solo intenzione, ma consegna di tutto se stesso al Padre. È un accogliere la realtà non come luogo da cui difendersi perché le cose non vanno come vorremmo noi, ma come luogo da amare perché mentre le cose vanno come vanno Gesù è con noi, immerso nella nostra vita, per camminare con noi, ed esserci custode e Padre. Infatti guardando i suoi discepoli addormentati “per la tristezza” Gesù li sveglia e gli dice: “Alzatevi e pregate, per non entrare in tentazione”. 
Dice questo dopo avere combattuto la sua battaglia più grande, quella contro la tentazione di allontanarsi dalla sofferenza. Gesù, da vero…

Tenersi pronti

Iniziamo l’Avvento, tempo di attesa e di desiderio, con l’invito stesso di Gesù ad essere vigili, attenti, pronti. Ma attenti a che cosa? Il discorso del Signore si riferisce alla fine della storia, al momento cosmico della parusìa, del suo ritorno definitivo, quando il male sarà definitivamente e per sempre messo a tacere, e ci sarà soltanto la realtà del Paradiso, della gioia e della felicità eterna nell’abbraccio con Dio. Ma facciamo un passo indietro. Gesù paragona questo momento ai tempi di Noè, quando, davanti al disastro ormai vicino, le persone vivevano come se niente fosse, ignare di tutto, perse in mille affanni e occupazioni, senza accorgersi di alcuni segni che indicavano il momento forte che si stava avvicinando. Solo Noè ascolta la sua coscienza e intende la voce di Dio e si mette a costruire quell’arca che sarà la sua salvezza.  Una volta Gesù aveva detto: quando tornerò, troverò la fede sulla terra? Il Signore in questi 2000 anni e più, ha fatto tutto per l’umanità, ha …

Dio che scioglie i nodi

Protagonista di questa vangelo è Giuseppe, lo sposo di Maria, al quale viene fatto un annuncio, in una modalità differente da quello fatto a Maria. Sarà nel sogno che un angelo andrà da lui per rivelargli il progetto di Dio. Ma cos’è accaduto a Giuseppe di tanto decisivo per cui Dio interviene parlandogli in sogno? Giuseppe è venuto a conoscenza della maternità di Maria. Lo Spirito Santo l’ha resa incinta di un bambino che sarà il Figlio di Dio, destinato ad essere grande. Davanti a questa comunicazione di Maria, Giuseppe resta inchiodato. La realtà bruscamente viene a destabilizzarlo. La vita che pensava di vivere in un attimo crolla miseramente. Tutto l’immaginario attorno a cui si era costruito viene meno. Non sposerà più la donna che ama, non avrà più una famiglia, non sarà benedetto come ogni ebreo che, nella vita familiare ricca di amore e di figli, vedeva la realizzazione concreta della benedizione di Dio. Messo davanti a un intervento di Dio tanto grande, Giuseppe ha paura. No…