Passa ai contenuti principali

Aumenta la mia fiducia


Accresci la nostra fede! Con queste parole centrali inizia il vangelo di questa domenica. La Parola di Gesù ci viene incontro non per essere solo letta e compresa ma soprattutto perché la sua forza spirituale ci cambi dentro, perché la Parola è il movimento stesso della nostra vita. Siamo noi che entriamo sempre più nel dinamismo di trasformazione  con cui possiamo aprire il cuore a  nuovi modi di essere e di pensare. Non quelli che ci hanno attaccato addosso le abitudini e le mentalità che ci circondano, ma quelli che scegliamo noi, in base a ciò che crediamo. La fede è un dono da chiedere e può crescere perché nasce dalla relazione con una persona che è Dio. 
Gesù davanti a questa richiesta ("accresci la nostra fede!") risponde dicendoci che tutto è possibile per chi crede: anche spostare un albero al solo volerlo! Dire al gelso: sradicati e vatti a piantare nel mare… ed esso lo fa! Un esempio con cui vuole farci capire che non ci sono limiti alla fiducia, anzi come il seme di senape piccolino la fede in noi può crescere fino a diventare un albero pieno di foglie e di frutti. In questo senso l’affidamento a Maria, ponendosi come un itinerario di fede, rappresenta un grande aiuto per crescere nella fiducia. La fede non è un qualcosa di statico che ricevi e metti da parte per prenderlo quando ti serve, la fede è un processo fatto di tutto ciò che noi siamo e amiamo e di tutto ciò che Dio è. Nasce e cresce dall’intreccio delle nostre vite. 
E Maria, che Gesù lo ha portato nel grembo e poi da adulto lo ha seguito e ascoltato, ci mostrerà la via della vera fede, che dà pace e forza interiore anche mentre si vivono periodi dolorosi e momenti difficili. Se siamo sinceri sappiamo che solo il sentirci appartenenti a Dio e al suo amore può salvarci e offrirci l’energia necessaria per vivere. Senza questa sua presenza la vita non ha senso né può essere vissuta serenamente. E saperci sorretti dal suo Spirito ci dà anche la capacità di essere creativi! Poter vivere un avita nuova, segnata dalla novità delle sue ispirazioni è una meravigliosa realtà. Interessante quello che dice Gesù dice agli apostoli: «Quando avete fatto ciò che vi è stato chiesto, dite: “siamo servi inutili. Abbiamo fatto quanto dovevamo fare”». 
“Inutili” non significa per Gesù che non serviamo, ma che siamo senza utile, ossia non c’è qualcosa da guadagnare, da pretendere dalla vita perché se siamo figli amati e come tali viviamo, noi abbiamo già tutto, tutto l’essenziale sul quale costruire poi il resto. Abbiamo la forza di Dio in noi! Di una sola cosa abbiamo bisogno per vivere dunque: la fiducia nel Signore. Essere come bambini nelle sue mani. E trasmettere questo amore a chi ci sta intorno. Perché come ripeteva Massimiliano Kolbe, “solo l’amore crea”, solo l’amore è capace di creare ambienti e famiglie in cui la vita genera altra vita nella speranza e nella gioia.  

6 ottobre 2019
Lc 17,5-10
XXVII DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO
In quel tempo, 5gli apostoli dissero al Signore: 6«Accresci in noi la fede!». Il Signore rispose: «Se aveste fede quanto un granello di senape, potreste dire a questo gelso: «Sràdicati e vai a piantarti nel mare», ed esso vi obbedirebbe.7Chi di voi, se ha un servo ad arare o a pascolare il gregge, gli dirà, quando rientra dal campo: «Vieni subito e mettiti a tavola»? 8Non gli dirà piuttosto: «Prepara da mangiare, stringiti le vesti ai fianchi e servimi, finché avrò mangiato e bevuto, e dopo mangerai e berrai tu»? 9Avrà forse gratitudine verso quel servo, perché ha eseguito gli ordini ricevuti? 10Così anche voi, quando avrete fatto tutto quello che vi è stato ordinato, dite: «Siamo servi inutili. Abbiamo fatto quanto dovevamo fare»».

Commenti

Post popolari in questo blog

Nelle tue mani

«Padre, nelle tue mani consegno il mio spirito». Parole decisive con cui si chiude il Vangelo di questa domenica delle Palme e della Passione del Signore (cf. Lc 22,14-23). Parole che sono un testamento per noi, l’indicazione preziosissima che Gesù ci dà per aiutarci a entrare nella vita. Qual è questa chiave che apre la porta della nostra relazione con Lui? È la fiducia totale, che si fa non solo intenzione, ma consegna di tutto se stesso al Padre. È un accogliere la realtà non come luogo da cui difendersi perché le cose non vanno come vorremmo noi, ma come luogo da amare perché mentre le cose vanno come vanno Gesù è con noi, immerso nella nostra vita, per camminare con noi, ed esserci custode e Padre. Infatti guardando i suoi discepoli addormentati “per la tristezza” Gesù li sveglia e gli dice: “Alzatevi e pregate, per non entrare in tentazione”. 
Dice questo dopo avere combattuto la sua battaglia più grande, quella contro la tentazione di allontanarsi dalla sofferenza. Gesù, da vero…

Tenersi pronti

Iniziamo l’Avvento, tempo di attesa e di desiderio, con l’invito stesso di Gesù ad essere vigili, attenti, pronti. Ma attenti a che cosa? Il discorso del Signore si riferisce alla fine della storia, al momento cosmico della parusìa, del suo ritorno definitivo, quando il male sarà definitivamente e per sempre messo a tacere, e ci sarà soltanto la realtà del Paradiso, della gioia e della felicità eterna nell’abbraccio con Dio. Ma facciamo un passo indietro. Gesù paragona questo momento ai tempi di Noè, quando, davanti al disastro ormai vicino, le persone vivevano come se niente fosse, ignare di tutto, perse in mille affanni e occupazioni, senza accorgersi di alcuni segni che indicavano il momento forte che si stava avvicinando. Solo Noè ascolta la sua coscienza e intende la voce di Dio e si mette a costruire quell’arca che sarà la sua salvezza.  Una volta Gesù aveva detto: quando tornerò, troverò la fede sulla terra? Il Signore in questi 2000 anni e più, ha fatto tutto per l’umanità, ha …

Dio che scioglie i nodi

Protagonista di questa vangelo è Giuseppe, lo sposo di Maria, al quale viene fatto un annuncio, in una modalità differente da quello fatto a Maria. Sarà nel sogno che un angelo andrà da lui per rivelargli il progetto di Dio. Ma cos’è accaduto a Giuseppe di tanto decisivo per cui Dio interviene parlandogli in sogno? Giuseppe è venuto a conoscenza della maternità di Maria. Lo Spirito Santo l’ha resa incinta di un bambino che sarà il Figlio di Dio, destinato ad essere grande. Davanti a questa comunicazione di Maria, Giuseppe resta inchiodato. La realtà bruscamente viene a destabilizzarlo. La vita che pensava di vivere in un attimo crolla miseramente. Tutto l’immaginario attorno a cui si era costruito viene meno. Non sposerà più la donna che ama, non avrà più una famiglia, non sarà benedetto come ogni ebreo che, nella vita familiare ricca di amore e di figli, vedeva la realizzazione concreta della benedizione di Dio. Messo davanti a un intervento di Dio tanto grande, Giuseppe ha paura. No…