Passa ai contenuti principali

Cuore puro


Accetta il tuo cuore e rendilo puro ogni giorno. Forse possiamo riassumere il Vangelo di questa domenica in questa unica frase, all’apparenza semplice e però anche molto profonda da comprendere e da vivere. Nel giudizio dei farisei, che si scandalizzano perché i discepoli di Gesù non fanno le abluzioni e i riti di purificazione esterni, si nasconde il rifiuto di accettarsi così come si è, coi propri limiti strutturali accanto anche alle straordinarie ricchezze di cui ogni persona è dotata. Quando non si accoglie la propria zona d’ombra nasce l’illusione di cercare una perfezione che non esiste e che in fin dei conti è tutta esteriore. Come quando ci si fa belli dall’estetista e dai vari curatori d’immagine credendo ingenuamente che messa a posto l’esteriorità sia automaticamente messa a posto anche la vita. Ma non è così. L’esperienza anzi dimostra il contrario. 
È dal cuore dell’uomo che, dice Gesù, escono tutte queste brutte cose cioè “impurità, furti, omicidi, adultèri, avidità, malvagità, inganno, dissolutezza, invidia, calunnia, superbia, stoltezza”. Inutile incolpare la società, gli altri, le vicende della vita… se fino a un certa età questi condizionamenti hanno pesato fortemente – ognuno è frutto della sua storia educativa! – tuttavia viene il giorno in cui il sole inizia a entrare nel buio del cuore e a mostrare nuovi passi e nuove strade da percorrere per far venire alla luce la vera identità. Se con umiltà ci si mette in cammino, attratti da quella luce calda e accogliente, si entra nel regno della verità, che è Gesù e la sua vita donata per noi. In lui comprendiamo il bisogno di purificazione, di attingere al suo cuore trafitto per ricevere il suo perdono e così rialzarsi e riprendere con passo spedito la via della santità. Chi può aiutarci a riconciliarci col nostro limite è Maria, la Madre a cui ogni giorno guardiamo e al cui cuore ci affidiamo. Lei che è stata pura può spiegarci e insegnarci la via di un cuore puro. Ma cos’è la purezza? Maria ci mostra che la purezza non consiste nel credersi giusti e nell’illudersi di poter sradicare da noi le inclinazioni cattive, ma consiste nel riconoscersi poveri e affidarsi totalmente a Dio, che ci dona la sua purezza. Consiste nel riconoscere le ombre che ci agitano e ogni giorno, con tanta pazienza, mentre gli occhi e il cuore si nutrono del Vangelo, orientarci a Gesù, alla sua vita crocifissa e gloriosa. 
La purezza che Gesù oggi chi indica è la purezza pasquale, che passa inevitabilmente per la croce. È crocifiggendo le nostre cattive inclinazioni, e orientando la loro energia verso quel bene che è Gesù che noi ci manteniamo puri. Maria è beata perché ha creduto alla Parola e non ad altro e anche noi saremo beati e puri se crederemo solo alla Parola Di Dio e non ad altro. Gesù oggi ci sprona: “Ascoltatemi! Non c’è nulla fuori dell’uomo che lo rende impuro. Dal di dentro del suo cuore escono le cose impure”.


2 settembre 2018
Mc 7,1-8.14-15.21-23

1 In quel tempo si riunirono attorno a Gesù i farisei e alcuni degli scribi, venuti da Gerusalemme. 2Avendo visto che alcuni dei suoi discepoli prendevano cibo con mani impure, cioè non lavate 3- i farisei infatti e tutti i Giudei non mangiano se non si sono lavati accuratamente le mani, attenendosi alla tradizione degli antichi 4e, tornando dal mercato, non mangiano senza aver fatto le abluzioni, e osservano molte altre cose per tradizione, come lavature di bicchieri, di stoviglie, di oggetti di rame e di letti -, 5quei farisei e scribi lo interrogarono: «Perché i tuoi discepoli non si comportano secondo la tradizione degli antichi, ma prendono cibo con mani impure?». 
6Ed egli rispose loro: «Bene ha profetato Isaia di voi, ipocriti, come sta scritto:
Questo popolo mi onora con le labbra,
ma il suo cuore è lontano da me.

7Invano mi rendono culto,
insegnando dottrine che sono precetti di uomini.
8Trascurando il comandamento di Dio, voi osservate la tradizione degli uomini». 14Chiamata di nuovo la folla, diceva loro: «Ascoltatemi tutti e comprendete bene! 15Non c'è nulla fuori dell'uomo che, entrando in lui, possa renderlo impuro. Ma sono le cose che escono dall'uomo a renderlo impuro». [ 21Dal di dentro infatti, cioè dal cuore degli uomini, escono i propositi di male: impurità, furti, omicidi, 22adultèri, avidità, malvagità, inganno, dissolutezza, invidia, calunnia, superbia, stoltezza. 23Tutte queste cose cattive vengono fuori dall'interno e rendono impuro l'uomo».

Commenti

Post popolari in questo blog

Nelle tue mani

«Padre, nelle tue mani consegno il mio spirito». Parole decisive con cui si chiude il Vangelo di questa domenica delle Palme e della Passione del Signore (cf. Lc 22,14-23). Parole che sono un testamento per noi, l’indicazione preziosissima che Gesù ci dà per aiutarci a entrare nella vita. Qual è questa chiave che apre la porta della nostra relazione con Lui? È la fiducia totale, che si fa non solo intenzione, ma consegna di tutto se stesso al Padre. È un accogliere la realtà non come luogo da cui difendersi perché le cose non vanno come vorremmo noi, ma come luogo da amare perché mentre le cose vanno come vanno Gesù è con noi, immerso nella nostra vita, per camminare con noi, ed esserci custode e Padre. Infatti guardando i suoi discepoli addormentati “per la tristezza” Gesù li sveglia e gli dice: “Alzatevi e pregate, per non entrare in tentazione”. 
Dice questo dopo avere combattuto la sua battaglia più grande, quella contro la tentazione di allontanarsi dalla sofferenza. Gesù, da vero…

Tenersi pronti

Iniziamo l’Avvento, tempo di attesa e di desiderio, con l’invito stesso di Gesù ad essere vigili, attenti, pronti. Ma attenti a che cosa? Il discorso del Signore si riferisce alla fine della storia, al momento cosmico della parusìa, del suo ritorno definitivo, quando il male sarà definitivamente e per sempre messo a tacere, e ci sarà soltanto la realtà del Paradiso, della gioia e della felicità eterna nell’abbraccio con Dio. Ma facciamo un passo indietro. Gesù paragona questo momento ai tempi di Noè, quando, davanti al disastro ormai vicino, le persone vivevano come se niente fosse, ignare di tutto, perse in mille affanni e occupazioni, senza accorgersi di alcuni segni che indicavano il momento forte che si stava avvicinando. Solo Noè ascolta la sua coscienza e intende la voce di Dio e si mette a costruire quell’arca che sarà la sua salvezza.  Una volta Gesù aveva detto: quando tornerò, troverò la fede sulla terra? Il Signore in questi 2000 anni e più, ha fatto tutto per l’umanità, ha …

Dio che scioglie i nodi

Protagonista di questa vangelo è Giuseppe, lo sposo di Maria, al quale viene fatto un annuncio, in una modalità differente da quello fatto a Maria. Sarà nel sogno che un angelo andrà da lui per rivelargli il progetto di Dio. Ma cos’è accaduto a Giuseppe di tanto decisivo per cui Dio interviene parlandogli in sogno? Giuseppe è venuto a conoscenza della maternità di Maria. Lo Spirito Santo l’ha resa incinta di un bambino che sarà il Figlio di Dio, destinato ad essere grande. Davanti a questa comunicazione di Maria, Giuseppe resta inchiodato. La realtà bruscamente viene a destabilizzarlo. La vita che pensava di vivere in un attimo crolla miseramente. Tutto l’immaginario attorno a cui si era costruito viene meno. Non sposerà più la donna che ama, non avrà più una famiglia, non sarà benedetto come ogni ebreo che, nella vita familiare ricca di amore e di figli, vedeva la realizzazione concreta della benedizione di Dio. Messo davanti a un intervento di Dio tanto grande, Giuseppe ha paura. No…