Passa ai contenuti principali

Toccati dal Risorto


Paura e fede, dentro e fuori, smarrimento e pace, esperienza personale del Risorto e fede della Chiesa. Un Vangelo, questo della seconda domenica del tempo di Pasqua (cf. Gv 20,19-31), dalle tinte forti e denso di rimandi importanti al cammino di fede del credente. La scena si apre con la contemplazione del gruppo degli apostoli – quelli che dovrebbero tenere alta la bandiera di Cristo – mentre sono attanagliati dalla paura e se ne stanno rintanati con le porte ben chiuse. Regna un’aria poco sana e abbastanza asfissiante, che forse ha originato la fuga di Tommaso. 

Sì perché Tommaso è sì l’apostolo Didimo coi suoi dubbi e le sue ricerche, però siamo anche noi con la nostra voglia di sperimentare Gesù in pienezza e ritrovarlo nella normalità della vita ordinaria, senza tutte quelle paure paralizzanti. È vero, quando i dieci gli comunicano la gioia grande di avere avuto la visita di Gesù risorto, Tommaso non crede. In fondo anche i dieci non avevano creduto a Maria di Magdala. È costitutivo della fede l’incontro personale col Risorto. Miliardi saranno i modi con cui Lui si farà incontrare quante sono le diversità degli uomini e delle donne che abitano questa terra, ma un elemento non potrà mai mancare perché ci sia fede: l’incontro con Gesù, l’esperienza della sua grazia, della sua misericordia che strappa dalle catene e dai condizionamenti e rende liberi davvero. La risposta di fede non può essere solo un bagaglio di nozioni per quanto vere, perché alla fine l’impalcatura non regge. Così come non può essere una acritica accoglienza di quello che ci hanno trasmesso, per quanto quello che ci hanno trasmesso sia vero. La risposta di fede ha bisogno di essere animata dal soffio di un’esperienza spirituale forte e trasformante col Risorto. Gesù infatti la sera di Pasqua soffia e dice agli apostoli: “Ricevete lo Spirito Santo”. Lo Spirito Santo è la realtà dell’amore divino riversato nei nostri cuori e di cui siamo consapevoli, per quello che opera in noi e attraverso di noi. Tommaso avrebbe dovuto credere ai dieci, perché l’annuncio fatto nello Spirito agisce sul cuore e se il cuore è aperto risponde col suo sì, come Maria. Tuttavia, nonostante la resistenza interna, Tommaso è il simbolo dell’anima che desidera ardentemente incontrare il Signore e che, pur con le sue contraddizioni e paure, è disposta a farsi attraversare da questo amore sconvolgente. Ed è questo desiderio che Dio premia! Gesù si fa vedere e toccare da Tommaso, accontenta il suo desiderio. Non ci ha mai chiesto di essere immacolati, il Signore, perché di Immacolata ce n’è una soltanto, nostra Madre Maria; quello che ci chiede è di cercarlo, desiderarlo, pregarlo, di rimanere in connessione profonda con Lui e perciò in relazione. 

Da questa relazione la nostra vita si trasforma e impariamo come Tommaso che anche dentro le relazioni fraterne autentiche si fa esperienza di Gesù. Maria nell’ascoltare l’annuncio del Figlio “al terzo giorno risorgerò” ha creduto e ha continuato a credere sotto la croce e nei giorni successivi alla Risurrezione, mentre si attendeva il dono dello Spirito Santo. Lei ci fa da guida nella risposta di fede, che è un coinvolgerci totale nell’amore di Dio senza metterlo mai in discussione, anzi puntellando ogni giorno con nuove scelte di fede, con determinazione, ben sapendo che se il cuore non si lascia attirare da false luci può rafforzarsi sempre più nella fede fino a vedere Dio in tutto. Fino a pronunciare di fronte a ogni situazione del reale: “Mio Signore e mio Dio!”.

Commenti

Post popolari in questo blog

Nelle tue mani

«Padre, nelle tue mani consegno il mio spirito». Parole decisive con cui si chiude il Vangelo di questa domenica delle Palme e della Passione del Signore (cf. Lc 22,14-23). Parole che sono un testamento per noi, l’indicazione preziosissima che Gesù ci dà per aiutarci a entrare nella vita. Qual è questa chiave che apre la porta della nostra relazione con Lui? È la fiducia totale, che si fa non solo intenzione, ma consegna di tutto se stesso al Padre. È un accogliere la realtà non come luogo da cui difendersi perché le cose non vanno come vorremmo noi, ma come luogo da amare perché mentre le cose vanno come vanno Gesù è con noi, immerso nella nostra vita, per camminare con noi, ed esserci custode e Padre. Infatti guardando i suoi discepoli addormentati “per la tristezza” Gesù li sveglia e gli dice: “Alzatevi e pregate, per non entrare in tentazione”. 
Dice questo dopo avere combattuto la sua battaglia più grande, quella contro la tentazione di allontanarsi dalla sofferenza. Gesù, da vero…

Tenersi pronti

Iniziamo l’Avvento, tempo di attesa e di desiderio, con l’invito stesso di Gesù ad essere vigili, attenti, pronti. Ma attenti a che cosa? Il discorso del Signore si riferisce alla fine della storia, al momento cosmico della parusìa, del suo ritorno definitivo, quando il male sarà definitivamente e per sempre messo a tacere, e ci sarà soltanto la realtà del Paradiso, della gioia e della felicità eterna nell’abbraccio con Dio. Ma facciamo un passo indietro. Gesù paragona questo momento ai tempi di Noè, quando, davanti al disastro ormai vicino, le persone vivevano come se niente fosse, ignare di tutto, perse in mille affanni e occupazioni, senza accorgersi di alcuni segni che indicavano il momento forte che si stava avvicinando. Solo Noè ascolta la sua coscienza e intende la voce di Dio e si mette a costruire quell’arca che sarà la sua salvezza.  Una volta Gesù aveva detto: quando tornerò, troverò la fede sulla terra? Il Signore in questi 2000 anni e più, ha fatto tutto per l’umanità, ha …

Dio che scioglie i nodi

Protagonista di questa vangelo è Giuseppe, lo sposo di Maria, al quale viene fatto un annuncio, in una modalità differente da quello fatto a Maria. Sarà nel sogno che un angelo andrà da lui per rivelargli il progetto di Dio. Ma cos’è accaduto a Giuseppe di tanto decisivo per cui Dio interviene parlandogli in sogno? Giuseppe è venuto a conoscenza della maternità di Maria. Lo Spirito Santo l’ha resa incinta di un bambino che sarà il Figlio di Dio, destinato ad essere grande. Davanti a questa comunicazione di Maria, Giuseppe resta inchiodato. La realtà bruscamente viene a destabilizzarlo. La vita che pensava di vivere in un attimo crolla miseramente. Tutto l’immaginario attorno a cui si era costruito viene meno. Non sposerà più la donna che ama, non avrà più una famiglia, non sarà benedetto come ogni ebreo che, nella vita familiare ricca di amore e di figli, vedeva la realizzazione concreta della benedizione di Dio. Messo davanti a un intervento di Dio tanto grande, Giuseppe ha paura. No…