Passa ai contenuti principali

Profumo di liberazione


«Taci, esci da lui!». Sono le parole che sentiamo riecheggiare in noi in questa domenica (cf. Mc 1,21-28) e che escono dalla bocca e dal cuore di Gesù. Una parola autorevole. Una parola quindi che ha un peso e questo peso dipende dal suo essere totalmente integrata nella persona di chi la pronuncia. Mente, cuore e mani sono un tutt’uno in Gesù, nessuna disarmonia. È il Signore, dirà Giovanni sul lago molto tempo dopo, quando lo vedrà Risorto. Il Signore è il Signore. La nostra vita è sempre in tensione tra ciò che sperimentiamo e ciò che crediamo. In apparenza le cose vanno in un modo, per fede esse vanno anche in un altro. Dobbiamo imparare a stare serenamente in questa tensione e viverla come una dinamica sana, in attesa che la fede mostri le sue vie. Mentre siamo immersi nelle ambivalenze e nella complessità sperimentiamo anche la forza della presenza di Dio, siamo guidati dalla sua Parola, che ci apre a prospettive sempre maggiori rispetto a quelle della nostra limitata visuale.

Diciamo questo perché oggi il Vangelo ci mette davanti una situazione in apparenza irreversibile, con poche aperture alla speranza. Un uomo preso e afferrato dal male, da Satana, schiavizzato da forze malvagie, abbrutito e furioso. Un concentrato che possiamo anche leggere in modo simbolico, come rimando a tante situazioni che conosciamo e che in apparenza sembrano perdute, ormai senza via d’uscita. Dentro questo dato di fatto nudo e crudo si inserisce lo splendore della salvezza. Gesù, bello, maestoso, puro, strappa dal cuore e dal corpo di quel poveretto lo spirito del male e lo libera, restituendolo alla sua dignità, riaprendo vie di speranza. Una grande azione di liberazione! questo è il Vangelo, questo è l’annuncio del regno, questa è la nostra fede, la nostra esperienza personale.

La fede ha una potenza che non possiamo calcolare. Perché è Dio stesso comunicato a noi. Attraverso l’imposizione delle mani i sacerdoti possono liberare un ammalato per la forza dello Spirito Santo che agisce, così come noi, battezzati e perciò sacerdoti, re e profeti, possiamo esercitare il nostro sacerdozio specialmente pregando. La nostra preghiera è una misteriosa partecipazione alla vita divina e ci apre orizzonti impensati, che non sono già scritti ma dipendono dalla relazione che c’è tra noi e il Signore.

Il nostro affidamento a Maria rientra in questi doni divini, fa parte di questo grande movimento di apertura a Dio che gli permette di operare in noi e permette a noi di partecipare alla sua vita divina. La nostra fede in Gesù si fa vita. Anche noi abbiamo il potere di sanare, ciascuno secondo la modalità legata al suo stato. Maria stessa, nell’entrare da Elisabetta, divenne strumento di un passaggio inedito della grazia che riempì la cugina di Spirito Santo. Liberata, ha liberato altri. Liberata in anticipo per grazia (è il mistero dell’Immacolata), è stata strumento di liberazione per gli altri. In questa domenica sono tante le intuizioni che si formano in noi nell'accoglienza della Parola, ma su tutto ci resta il profumo consolante della liberazione, che Dio continua ad operare dentro le trame delle nostre vicende. Un invito a rafforzare l'impegno di preghiera perché questa grazia agisca con sempre maggiore potenza in noi e negli altri. 




Commenti

Post popolari in questo blog

Nelle tue mani

«Padre, nelle tue mani consegno il mio spirito». Parole decisive con cui si chiude il Vangelo di questa domenica delle Palme e della Passione del Signore (cf. Lc 22,14-23). Parole che sono un testamento per noi, l’indicazione preziosissima che Gesù ci dà per aiutarci a entrare nella vita. Qual è questa chiave che apre la porta della nostra relazione con Lui? È la fiducia totale, che si fa non solo intenzione, ma consegna di tutto se stesso al Padre. È un accogliere la realtà non come luogo da cui difendersi perché le cose non vanno come vorremmo noi, ma come luogo da amare perché mentre le cose vanno come vanno Gesù è con noi, immerso nella nostra vita, per camminare con noi, ed esserci custode e Padre. Infatti guardando i suoi discepoli addormentati “per la tristezza” Gesù li sveglia e gli dice: “Alzatevi e pregate, per non entrare in tentazione”. 
Dice questo dopo avere combattuto la sua battaglia più grande, quella contro la tentazione di allontanarsi dalla sofferenza. Gesù, da vero…

Tenersi pronti

Iniziamo l’Avvento, tempo di attesa e di desiderio, con l’invito stesso di Gesù ad essere vigili, attenti, pronti. Ma attenti a che cosa? Il discorso del Signore si riferisce alla fine della storia, al momento cosmico della parusìa, del suo ritorno definitivo, quando il male sarà definitivamente e per sempre messo a tacere, e ci sarà soltanto la realtà del Paradiso, della gioia e della felicità eterna nell’abbraccio con Dio. Ma facciamo un passo indietro. Gesù paragona questo momento ai tempi di Noè, quando, davanti al disastro ormai vicino, le persone vivevano come se niente fosse, ignare di tutto, perse in mille affanni e occupazioni, senza accorgersi di alcuni segni che indicavano il momento forte che si stava avvicinando. Solo Noè ascolta la sua coscienza e intende la voce di Dio e si mette a costruire quell’arca che sarà la sua salvezza.  Una volta Gesù aveva detto: quando tornerò, troverò la fede sulla terra? Il Signore in questi 2000 anni e più, ha fatto tutto per l’umanità, ha …

Dio che scioglie i nodi

Protagonista di questa vangelo è Giuseppe, lo sposo di Maria, al quale viene fatto un annuncio, in una modalità differente da quello fatto a Maria. Sarà nel sogno che un angelo andrà da lui per rivelargli il progetto di Dio. Ma cos’è accaduto a Giuseppe di tanto decisivo per cui Dio interviene parlandogli in sogno? Giuseppe è venuto a conoscenza della maternità di Maria. Lo Spirito Santo l’ha resa incinta di un bambino che sarà il Figlio di Dio, destinato ad essere grande. Davanti a questa comunicazione di Maria, Giuseppe resta inchiodato. La realtà bruscamente viene a destabilizzarlo. La vita che pensava di vivere in un attimo crolla miseramente. Tutto l’immaginario attorno a cui si era costruito viene meno. Non sposerà più la donna che ama, non avrà più una famiglia, non sarà benedetto come ogni ebreo che, nella vita familiare ricca di amore e di figli, vedeva la realizzazione concreta della benedizione di Dio. Messo davanti a un intervento di Dio tanto grande, Giuseppe ha paura. No…