Passa ai contenuti principali

L’incanto di essere amati così

La gioia più grande può farsi strada ed esplodere nei cuori: Maria ha dato alla luce Gesù, il Salvatore del mondo (cf. Lc 2,1-14). Vangelo intenso e ricco di dettagli, profondo e allo stesso tempo concreto, ancorato alla storia, questa nostra storia tanto limitata eppure segnata da un nuovo inizio, da una stupefacente rivelazione. Dio è davvero entrato nelle pieghe della nostra umanità. Non apparenza, non semplice messinscena, ma il Verbo si è fatto carne, ha proprio assunto la nostra condizione mortale, tant’è vero che sulla croce sarà Lui a morire, a donare fino all’ultima stilla del suo sangue, Lui, il Dio fattosi Uomo. Un fantasma non può morire. Gesù è entrato nella storia e ha messo la sua tenda in mezzo a noi piangendo come un qualsiasi altro neonato, bisognoso di carezze e di latte materno.

Da un lato i potenti di questo mondo: Cesare Augusto, Quirinio. Dall’altro i semplici, Giuseppe e Maria, due giovani sconosciuti della periferia d’Israele. Mentre la storia e le nostre storie seguono un certo corso, c’è un’altra storia invisibile che si delinea al di sotto e che è quella tracciata da Dio nella quale siamo chiamati a entrare. Un sentiero santo sul quale camminare, tenendo lo sguardo fisso alla meta. Maria e Giuseppe erano già a Betlemme, dunque avevano un alloggio. Per i semiti l’ospitalità era sacra e non avrebbero mai lasciato i due all’aperto. Il posto che non c’era – a detta di diversi esegeti – fa piuttosto riferimento al fatto che la stanza in cui stavano era abitata anche da altri e quindi bisognava cercare un angolo più riservato in cui poter vivere il momento delicato del parto. È così che Maria e Giuseppe si ritirano nella parte interna, che spesso era una grotta scavata nella roccia.

Dio in Gesù ci viene incontro come un neonato per metterci di fronte alla rivelazione del suo vero volto. Non un Messia come lo aspettavano, potente e quindi che avrebbe eliminato tutti i mali e i peccatori e avrebbe instaurato un regno di pace, ma un Messia debole, venuto a condividere la nostra condizione di precarietà e di limite, venuto a mostrarci una modalità nuova di vivere, in cui ci si fida e ci si affida a un Dio che ci ama e ci conduce. Un Dio compagno di viaggio, che ci propone di farci modellare nell’intimo dal suo modo di pensare e di agire, e che ci fa partecipi della sua forza d’amore. Un potere che non acquistiamo da noi e non è diretto a dominare gli altri, ma un potere che Lui ci dà e che impariamo in un cammino di quotidiana conversione e trasformazione di affetti e pensieri.

Questo neonato davanti al quale ci poniamo oggi ci meraviglia! È lo stupore dei pastori. Che ci sembrano tanto simpatici e pittoreschi nella loro semplicità, ma che all’epoca erano disprezzati al pari dei pubblicani e degli altri impuri. E in effetti molti di loro, essendo malpagati, erano briganti, perfino omicidi. Dunque gli ultimi, a cui era vietato entrare nel Tempio. Perciò sono colti da stupore mentre si vedono avvolti di luce, cioè mentre fanno l’inaudita esperienza di sentirsi profondamente accolti e incondizionatamente amati. È questa la gioia che nasce dall’annuncio dell’angelo. Siamo amati così e questo amore ci salva e ci trasforma a immagine del Figlio di Dio. 

Ancora una volta anche noi ci sentiamo messi sottosopra dal nostro Dio che continua a venire in modi inaspettati, costringendoci ogni volta a cambiare qualcosa del nostro modo di vedere, di sentire, si percepire e percepirci. Davanti a questa mangiatoia l’incanto rinasce mentre intorno è notte. Sì, Maria con noi è intrisa di stupore e con lei Giuseppe e i pastori e l’intero cosmo. Gesù mi dichiara il suo amore, mi mostra il volto di un Dio innamorato, tende verso di me le sue manine, e in me nasce, per restare, per camminare al mio fianco, per parteciparmi la sua forza divina. Mentre intorno è notte. La luce si fa strada e vince ogni notte. Buon Natale ad ogni cuore!

Commenti

Post popolari in questo blog

Nelle tue mani

«Padre, nelle tue mani consegno il mio spirito». Parole decisive con cui si chiude il Vangelo di questa domenica delle Palme e della Passione del Signore (cf. Lc 22,14-23). Parole che sono un testamento per noi, l’indicazione preziosissima che Gesù ci dà per aiutarci a entrare nella vita. Qual è questa chiave che apre la porta della nostra relazione con Lui? È la fiducia totale, che si fa non solo intenzione, ma consegna di tutto se stesso al Padre. È un accogliere la realtà non come luogo da cui difendersi perché le cose non vanno come vorremmo noi, ma come luogo da amare perché mentre le cose vanno come vanno Gesù è con noi, immerso nella nostra vita, per camminare con noi, ed esserci custode e Padre. Infatti guardando i suoi discepoli addormentati “per la tristezza” Gesù li sveglia e gli dice: “Alzatevi e pregate, per non entrare in tentazione”. 
Dice questo dopo avere combattuto la sua battaglia più grande, quella contro la tentazione di allontanarsi dalla sofferenza. Gesù, da vero…

Tenersi pronti

Iniziamo l’Avvento, tempo di attesa e di desiderio, con l’invito stesso di Gesù ad essere vigili, attenti, pronti. Ma attenti a che cosa? Il discorso del Signore si riferisce alla fine della storia, al momento cosmico della parusìa, del suo ritorno definitivo, quando il male sarà definitivamente e per sempre messo a tacere, e ci sarà soltanto la realtà del Paradiso, della gioia e della felicità eterna nell’abbraccio con Dio. Ma facciamo un passo indietro. Gesù paragona questo momento ai tempi di Noè, quando, davanti al disastro ormai vicino, le persone vivevano come se niente fosse, ignare di tutto, perse in mille affanni e occupazioni, senza accorgersi di alcuni segni che indicavano il momento forte che si stava avvicinando. Solo Noè ascolta la sua coscienza e intende la voce di Dio e si mette a costruire quell’arca che sarà la sua salvezza.  Una volta Gesù aveva detto: quando tornerò, troverò la fede sulla terra? Il Signore in questi 2000 anni e più, ha fatto tutto per l’umanità, ha …

Dio che scioglie i nodi

Protagonista di questa vangelo è Giuseppe, lo sposo di Maria, al quale viene fatto un annuncio, in una modalità differente da quello fatto a Maria. Sarà nel sogno che un angelo andrà da lui per rivelargli il progetto di Dio. Ma cos’è accaduto a Giuseppe di tanto decisivo per cui Dio interviene parlandogli in sogno? Giuseppe è venuto a conoscenza della maternità di Maria. Lo Spirito Santo l’ha resa incinta di un bambino che sarà il Figlio di Dio, destinato ad essere grande. Davanti a questa comunicazione di Maria, Giuseppe resta inchiodato. La realtà bruscamente viene a destabilizzarlo. La vita che pensava di vivere in un attimo crolla miseramente. Tutto l’immaginario attorno a cui si era costruito viene meno. Non sposerà più la donna che ama, non avrà più una famiglia, non sarà benedetto come ogni ebreo che, nella vita familiare ricca di amore e di figli, vedeva la realizzazione concreta della benedizione di Dio. Messo davanti a un intervento di Dio tanto grande, Giuseppe ha paura. No…