Passa ai contenuti principali

Dire grazie


Il Vangelo di oggi ha tratti sconvolgenti (cf. Lc 17,11-19). Ci sono dei malati, persone sole, emarginate, bloccate nella paura e nel senso di disprezzo e rifiuto, e c’è Gesù, che con la forza della sua parola li guarisce. Il ponte che apre la strada al miracolo è l’invocazione che esce dai loro petti affaticati dal dolore: “Gesù, maestro, abbi pietà di noi!”. Tutti e dieci ricevono il soccorso della grazia, uno solo però torna a ringraziare il maestro. E Gesù lo loda perché ha avuto fiducia in Lui e così è salvato. Ma non sono salvi anche gli altri?

Ci viene in mente il canto di lode di Maria, che è un grazie declinato in mille sfumature differenti, rivolto al Padre di cui vede chiaramente l’azione e nel riconoscerla è presa da stupore e meraviglia. Guardando al modo in cui Maria ha collaborato al progetto divino, capiamo come non basti ricevere l’amore di Dio se questo poi non diventa vita anche nostra e non permea ogni nostro gesto, scelta, parola. Testa, cuore e mani, ci verrebbe da dire. Questo amore che Dio costantemente e senza interruzione riversa nei nostri cuori, è vita e non sopporta di essere incasellato e chiuso a chiave dalle nostre resistenze e dai nostri schemi. Ecco perché il lebbroso guarito fa bene a ritornare sui suoi passi. In fondo lui è l’unico che non obbedisce a Gesù e al suo comando di recarsi dai sacerdoti.


Un modo provocatorio con cui ancora una volta Gesù capovolge la nostra logica e ci insegna una cosa tanto facile quanto scomoda: ascoltare il nostro cuore. Se come Maria lasciamo al nostro cuore e ai nostri affetti la libertà di spandere il loro profumo come sentono e nel momento in cui lo sentono, faremo delle belle scoperte riguardo al modo in cui Dio ci parla nelle concrete situazioni della vita. Proprio ascoltando il suo cuore il lebbroso ha incrociato lo sguardo di Gesù e ha ricevuto una parola per la vita, la parola che lo ha salvato per sempre. 

Commenti

Post popolari in questo blog

Nelle tue mani

«Padre, nelle tue mani consegno il mio spirito». Parole decisive con cui si chiude il Vangelo di questa domenica delle Palme e della Passione del Signore (cf. Lc 22,14-23). Parole che sono un testamento per noi, l’indicazione preziosissima che Gesù ci dà per aiutarci a entrare nella vita. Qual è questa chiave che apre la porta della nostra relazione con Lui? È la fiducia totale, che si fa non solo intenzione, ma consegna di tutto se stesso al Padre. È un accogliere la realtà non come luogo da cui difendersi perché le cose non vanno come vorremmo noi, ma come luogo da amare perché mentre le cose vanno come vanno Gesù è con noi, immerso nella nostra vita, per camminare con noi, ed esserci custode e Padre. Infatti guardando i suoi discepoli addormentati “per la tristezza” Gesù li sveglia e gli dice: “Alzatevi e pregate, per non entrare in tentazione”. 
Dice questo dopo avere combattuto la sua battaglia più grande, quella contro la tentazione di allontanarsi dalla sofferenza. Gesù, da vero…

Tenersi pronti

Iniziamo l’Avvento, tempo di attesa e di desiderio, con l’invito stesso di Gesù ad essere vigili, attenti, pronti. Ma attenti a che cosa? Il discorso del Signore si riferisce alla fine della storia, al momento cosmico della parusìa, del suo ritorno definitivo, quando il male sarà definitivamente e per sempre messo a tacere, e ci sarà soltanto la realtà del Paradiso, della gioia e della felicità eterna nell’abbraccio con Dio. Ma facciamo un passo indietro. Gesù paragona questo momento ai tempi di Noè, quando, davanti al disastro ormai vicino, le persone vivevano come se niente fosse, ignare di tutto, perse in mille affanni e occupazioni, senza accorgersi di alcuni segni che indicavano il momento forte che si stava avvicinando. Solo Noè ascolta la sua coscienza e intende la voce di Dio e si mette a costruire quell’arca che sarà la sua salvezza.  Una volta Gesù aveva detto: quando tornerò, troverò la fede sulla terra? Il Signore in questi 2000 anni e più, ha fatto tutto per l’umanità, ha …

Dio che scioglie i nodi

Protagonista di questa vangelo è Giuseppe, lo sposo di Maria, al quale viene fatto un annuncio, in una modalità differente da quello fatto a Maria. Sarà nel sogno che un angelo andrà da lui per rivelargli il progetto di Dio. Ma cos’è accaduto a Giuseppe di tanto decisivo per cui Dio interviene parlandogli in sogno? Giuseppe è venuto a conoscenza della maternità di Maria. Lo Spirito Santo l’ha resa incinta di un bambino che sarà il Figlio di Dio, destinato ad essere grande. Davanti a questa comunicazione di Maria, Giuseppe resta inchiodato. La realtà bruscamente viene a destabilizzarlo. La vita che pensava di vivere in un attimo crolla miseramente. Tutto l’immaginario attorno a cui si era costruito viene meno. Non sposerà più la donna che ama, non avrà più una famiglia, non sarà benedetto come ogni ebreo che, nella vita familiare ricca di amore e di figli, vedeva la realizzazione concreta della benedizione di Dio. Messo davanti a un intervento di Dio tanto grande, Giuseppe ha paura. No…