Passa ai contenuti principali

Fioriture promesse


«Elisabetta diede alla luce un figlio». Luca, nel Vangelo di questa domenica, incentrata sulla solennità della nascita di san Giovanni Battista, ci fa percepire l’aria di allegria collettiva di vicini e parenti. L’occasione è la nascita di Giovanni, il futuro Battista. Ma c’è un motivo in più alla base di questa gioia contagiosa: la misericordia di Dio che ha reso fecondo il grembo sterile di Elisabetta. Quella di far fiorire le terre più aride è azione divina per eccellenza. 

Lo sapevano bene gli ebrei, che da tante situazioni di morte erano stati tratti fuori grazie a un intervento del Signore. E lo sapevano anche perché i profeti che Dio gli aveva inviato nei momenti più critici, avevano in diverse occasioni invitato a far festa per la vita nascente dalla sterilità, come Isaia quando dice: «Esulta, o sterile che non hai partorito, prorompi in grida di giubilo e di gioia» (Is 54,1). 

Perciò al bambino non può essere dato il nome di Zaccaria, che significa “Dio si è ricordato” delle sue promesse. Il piccolo neonato che Elisabetta tiene tra le braccia non è più una promessa, è un dato di realtà. La promessa ha carne e sangue, ha occhi, ha cuore, ha un’anima, piange, ride e ha bisogno di cibo e di cure. Giovanni vuole appunto dire: “Il Signore ha fatto grazia, ha manifestato la sua bontà, la sua benevolenza”. C’è una novità, un salto di qualità, un nuovo inizio, che si manifesta nel miracolo dello scioglimento della lingua. Il mutismo che aveva bloccato Zaccaria dopo l’incontro con l’angelo, adesso si trasforma in canto, davanti alle cose umanamente inspiegabili di cui è testimone. Luca ci dice che «gli si sciolse la lingua e parlava benedicendo Dio». 

È la stessa gioia profonda che provò Maria all’annuncio della sua maternità e poi nell’incontro con sua cugina sui monti di Giudea. Dire grazie per i passaggi di Dio è il primo passo per custodire la gioia e alimentarla. È un allenamento a mantenere uno sguardo positivo di fede mentre siamo incamminati sulle strade della vita e dell’incontro con gli altri. Nel sentirci figli di questa Madre, impariamo anche da lei a custodire le promesse di Dio e a fare leva su di esse per il nostro cammino presente. Per ognuno di noi la promessa di fondo è chiara: rimanere in Gesù e così avere la vita eterna. E accanto a questa ce ne sono altre, legate al nostro specifico cammino, all’interno delle relazioni che Dio ha suggerito più opportune per la nostra crescita e realizzazione. 

Sono promesse che emergono nella preghiera e nell’ascolto della Parola, e che la vita conferma. È questa forma di costante vicinanza che Dio ha per noi a costituire – mentre siamo ancora pellegrini – la fonte principale della gioia. Per l’uomo fragile, incerto e incapace di salvarsi da solo dai limiti e dalla morte, non esiste gioia più grande e entusiasmante di quella che viene dal sentirsi amati da Dio. A questa certezza di fede ci conduce l’affidamento a  Maria, perché è a Gesù che lei ci porta, con la sua mano materna. Farne esperienza è allora la realtà più desiderabile, e se la si desidera davvero, possibile.


Natività di san Giovanni il Battista
Lc 1,57-66.80


In quel tempo 57Per Elisabetta intanto si compì il tempo del parto e diede alla luce un figlio. 58I vicini e i parenti udirono che il Signore aveva manifestato in lei la sua grande misericordia, e si rallegravano con lei.
59Otto giorni dopo vennero per circoncidere il bambino e volevano chiamarlo con il nome di suo padre, Zaccaria. 60Ma sua madre intervenne: «No, si chiamerà Giovanni». 61Le dissero: «Non c'è nessuno della tua parentela che si chiami con questo nome». 62Allora domandavano con cenni a suo padre come voleva che si chiamasse. 63Egli chiese una tavoletta e scrisse: «Giovanni è il suo nome». Tutti furono meravigliati. 64All'istante gli si aprì la bocca e gli si sciolse la lingua, e parlava benedicendo Dio. 65Tutti i loro vicini furono presi da timore, e per tutta la regione montuosa della Giudea si discorreva di tutte queste cose. 66Tutti coloro che le udivano, le custodivano in cuor loro, dicendo: «Che sarà mai questo bambino?». E davvero la mano del Signore era con lui.
80Il bambino cresceva e si fortificava nello spirito. Visse in regioni deserte fino al giorno della sua manifestazione a Israele.



Commenti

Post popolari in questo blog

Nelle tue mani

«Padre, nelle tue mani consegno il mio spirito». Parole decisive con cui si chiude il Vangelo di questa domenica delle Palme e della Passione del Signore (cf. Lc 22,14-23). Parole che sono un testamento per noi, l’indicazione preziosissima che Gesù ci dà per aiutarci a entrare nella vita. Qual è questa chiave che apre la porta della nostra relazione con Lui? È la fiducia totale, che si fa non solo intenzione, ma consegna di tutto se stesso al Padre. È un accogliere la realtà non come luogo da cui difendersi perché le cose non vanno come vorremmo noi, ma come luogo da amare perché mentre le cose vanno come vanno Gesù è con noi, immerso nella nostra vita, per camminare con noi, ed esserci custode e Padre. Infatti guardando i suoi discepoli addormentati “per la tristezza” Gesù li sveglia e gli dice: “Alzatevi e pregate, per non entrare in tentazione”. 
Dice questo dopo avere combattuto la sua battaglia più grande, quella contro la tentazione di allontanarsi dalla sofferenza. Gesù, da vero…

Tenersi pronti

Iniziamo l’Avvento, tempo di attesa e di desiderio, con l’invito stesso di Gesù ad essere vigili, attenti, pronti. Ma attenti a che cosa? Il discorso del Signore si riferisce alla fine della storia, al momento cosmico della parusìa, del suo ritorno definitivo, quando il male sarà definitivamente e per sempre messo a tacere, e ci sarà soltanto la realtà del Paradiso, della gioia e della felicità eterna nell’abbraccio con Dio. Ma facciamo un passo indietro. Gesù paragona questo momento ai tempi di Noè, quando, davanti al disastro ormai vicino, le persone vivevano come se niente fosse, ignare di tutto, perse in mille affanni e occupazioni, senza accorgersi di alcuni segni che indicavano il momento forte che si stava avvicinando. Solo Noè ascolta la sua coscienza e intende la voce di Dio e si mette a costruire quell’arca che sarà la sua salvezza.  Una volta Gesù aveva detto: quando tornerò, troverò la fede sulla terra? Il Signore in questi 2000 anni e più, ha fatto tutto per l’umanità, ha …

Dio che scioglie i nodi

Protagonista di questa vangelo è Giuseppe, lo sposo di Maria, al quale viene fatto un annuncio, in una modalità differente da quello fatto a Maria. Sarà nel sogno che un angelo andrà da lui per rivelargli il progetto di Dio. Ma cos’è accaduto a Giuseppe di tanto decisivo per cui Dio interviene parlandogli in sogno? Giuseppe è venuto a conoscenza della maternità di Maria. Lo Spirito Santo l’ha resa incinta di un bambino che sarà il Figlio di Dio, destinato ad essere grande. Davanti a questa comunicazione di Maria, Giuseppe resta inchiodato. La realtà bruscamente viene a destabilizzarlo. La vita che pensava di vivere in un attimo crolla miseramente. Tutto l’immaginario attorno a cui si era costruito viene meno. Non sposerà più la donna che ama, non avrà più una famiglia, non sarà benedetto come ogni ebreo che, nella vita familiare ricca di amore e di figli, vedeva la realizzazione concreta della benedizione di Dio. Messo davanti a un intervento di Dio tanto grande, Giuseppe ha paura. No…