Passa ai contenuti principali

Invito alla gioia

“Ho preparato il mio pranzo, venite alle nozze”. Questa domenica Gesù ci fa entrare nella dinamica d’amore e di chiamata di Dio attraverso il racconto-parabola del re e del banchetto di nozze (cf. Mt 22,1-14). C’è un re che organizza una festa grandiosa di nozze per il figlio e ci sono gli invitati a cui è rivolto l’invito. L’invito del re è davvero allettante: c’è cibo in abbondanza, vini pregiati e ogni tipo di ghiottoneria. Oltre a un ambiente accogliente e gratuito in cui trovarsi a proprio agio, felicemente nutriti e soddisfatti in tutte le necessità ed esigenze. Saremmo propensi tutti ad accettare un simile invito. Se, quando siamo fuori affamati, qualcuno ci invitasse nel migliore ristorante della città, andremmo a gambe levate.

Ma scopriamo invece che gli invitati rifiutano uno ad uno. Quello che colpisce è che ognuno ha qualcosa di “proprio” da difendere. Davanti a un re che invita alla “sua” festa, a entrare nella sua mentalità e nel suo mondo, si preferisce darsela a gambe e voltare le spalle, per tornare a chiudersi nel “proprio” mondo. Qui vediamo tutta una serie di resistenze interiori a volte dure come macigni dietro le quali l’uomo può arrivare a trincerarsi, difendendo coi denti un possesso che è rifiuto della relazione con Dio e con gli altri. Qui vediamo tracciata l’ombra nera dell’individualismo, della chiusura narcisistica di cui il Papa sta tanto parlando. Principale causa dei tanti no detti a Dio che chiama. Eppure, pensiamo noi, si tratta di un invito alla festa, si tratta di festeggiare, di felicità. È vero, però, che per assumere un abito nuovo, direbbe san Paolo, bisogna lasciare il vecchio. C’è una trasformazione del cuore da operare.

Perché la festa è sua e anche noi per festeggiare dobbiamo gustare le sue stesse gioie. Avere il suo palato, il palato del re. Nella Bibbia si parla tanto degli idoli preferiti all’unico Dio vivente: ma l’idolo più insidioso non è una cosa, è l’io stesso dell’uomo, il suo ego non convertito. È come quando preferiamo credere di più a quello che pensiamo noi piuttosto che a quello che ci suggerisce la Parola. L’affidamento a Maria, puntando sulla fiducia, che è credere prima di tutto e molto di più a Dio che a qualunque altra cosa, influisce sul nostro spirito in maniera molto costruttiva, facendoci gradualmente maturare e permettendoci di lasciare pian piano la presa dalla nostre certezze-gabbie per sperimentare un’aria buona, libera, di festa, in cui nella ritrovata relazione con Dio e con lei recuperiamo anche noi stessi e il nostro vero sé.

Commenti

Post popolari in questo blog

Nelle tue mani

«Padre, nelle tue mani consegno il mio spirito». Parole decisive con cui si chiude il Vangelo di questa domenica delle Palme e della Passione del Signore (cf. Lc 22,14-23). Parole che sono un testamento per noi, l’indicazione preziosissima che Gesù ci dà per aiutarci a entrare nella vita. Qual è questa chiave che apre la porta della nostra relazione con Lui? È la fiducia totale, che si fa non solo intenzione, ma consegna di tutto se stesso al Padre. È un accogliere la realtà non come luogo da cui difendersi perché le cose non vanno come vorremmo noi, ma come luogo da amare perché mentre le cose vanno come vanno Gesù è con noi, immerso nella nostra vita, per camminare con noi, ed esserci custode e Padre. Infatti guardando i suoi discepoli addormentati “per la tristezza” Gesù li sveglia e gli dice: “Alzatevi e pregate, per non entrare in tentazione”. 
Dice questo dopo avere combattuto la sua battaglia più grande, quella contro la tentazione di allontanarsi dalla sofferenza. Gesù, da vero…

Tenersi pronti

Iniziamo l’Avvento, tempo di attesa e di desiderio, con l’invito stesso di Gesù ad essere vigili, attenti, pronti. Ma attenti a che cosa? Il discorso del Signore si riferisce alla fine della storia, al momento cosmico della parusìa, del suo ritorno definitivo, quando il male sarà definitivamente e per sempre messo a tacere, e ci sarà soltanto la realtà del Paradiso, della gioia e della felicità eterna nell’abbraccio con Dio. Ma facciamo un passo indietro. Gesù paragona questo momento ai tempi di Noè, quando, davanti al disastro ormai vicino, le persone vivevano come se niente fosse, ignare di tutto, perse in mille affanni e occupazioni, senza accorgersi di alcuni segni che indicavano il momento forte che si stava avvicinando. Solo Noè ascolta la sua coscienza e intende la voce di Dio e si mette a costruire quell’arca che sarà la sua salvezza.  Una volta Gesù aveva detto: quando tornerò, troverò la fede sulla terra? Il Signore in questi 2000 anni e più, ha fatto tutto per l’umanità, ha …

Dio che scioglie i nodi

Protagonista di questa vangelo è Giuseppe, lo sposo di Maria, al quale viene fatto un annuncio, in una modalità differente da quello fatto a Maria. Sarà nel sogno che un angelo andrà da lui per rivelargli il progetto di Dio. Ma cos’è accaduto a Giuseppe di tanto decisivo per cui Dio interviene parlandogli in sogno? Giuseppe è venuto a conoscenza della maternità di Maria. Lo Spirito Santo l’ha resa incinta di un bambino che sarà il Figlio di Dio, destinato ad essere grande. Davanti a questa comunicazione di Maria, Giuseppe resta inchiodato. La realtà bruscamente viene a destabilizzarlo. La vita che pensava di vivere in un attimo crolla miseramente. Tutto l’immaginario attorno a cui si era costruito viene meno. Non sposerà più la donna che ama, non avrà più una famiglia, non sarà benedetto come ogni ebreo che, nella vita familiare ricca di amore e di figli, vedeva la realizzazione concreta della benedizione di Dio. Messo davanti a un intervento di Dio tanto grande, Giuseppe ha paura. No…