Passa ai contenuti principali

Affezionarsi a Dio




Servire due padroni non è possibile, dice Gesù in questa domenica (cf. Lc 16,1-13). Ci si affeziona infatti soltanto a una persona, amata sopra ogni cosa, si ama con tutto il cuore solo una realtà, riconosciuta come il cuore pulsante della vita, il motivo per cui si ha voglia di alzarsi al mattino e di impegnarsi durante il giorno. Se guardiamo all’esistenza di Maria ci rendiamo conto che la forza della sua testimonianza deriva unicamente dall’avere concentrato tutte le sue forze su quell’unico bene che è il Signore. Non è facile rimanere in questa comunione neppure quando la si vive e la si sperimenta. Perché è tale l’impatto che ha su di noi il mondo esterno, con le sue sfide e le sue spinte, i suoi colpi e le sue sferzate, da farci spesso sganciare da questa profonda unione di pensiero e di cuore per perderci e traballare. Sentiamo che a ogni istante dovremmo avere la capacità di tenerci in mano in modo tanto forte e consapevole da neutralizzare ogni altra azione. 

Forse però, chiedendo a Maria, capiamo che questa prospettiva non è neppure auspicabile. Ci metterebbe nell’ottica di sentirci a posto, arrivati, mentre la nostra verità sta in un cammino. Il cammino che Maria stessa ha percorso per prima, fatto di slanci e di gioie, ma anche di pause e di frenate, di dolorose sospensioni. La vita ci chiede di camminare umilmente tenendo stretta la mano di Maria e di Gesù. Non disponiamo di sicurezze personali. Siamo invece sicuri solo dell’amore incondizionato e  totale di Dio, della protezione forte e tenace di Maria, della infinita bontà dei santi, nostri fratelli e sorelle che hanno a cuore la nostra felicità e ci sostengono con la loro preghiera. Maria non ha neppure per un istante pensato di poter servire con tutta se stessa due realtà. Ha amato smisuratamente solo Dio e nell’amarlo è stata disposta a ogni sacrificio, prima di tutto quello di se stessa. Per affezionarsi a Dio è necessario distaccarsi dal proprio io, per lasciarsi trasformare il cuore dalla sua tenerezza è necessario lasciare per sempre la pretesa di vedere rispettati i propri diritti. Solo chi corre verso l’ultimo posto può servire l’amore con tutto se stesso. 

Commenti

Post popolari in questo blog

Nelle tue mani

«Padre, nelle tue mani consegno il mio spirito». Parole decisive con cui si chiude il Vangelo di questa domenica delle Palme e della Passione del Signore (cf. Lc 22,14-23). Parole che sono un testamento per noi, l’indicazione preziosissima che Gesù ci dà per aiutarci a entrare nella vita. Qual è questa chiave che apre la porta della nostra relazione con Lui? È la fiducia totale, che si fa non solo intenzione, ma consegna di tutto se stesso al Padre. È un accogliere la realtà non come luogo da cui difendersi perché le cose non vanno come vorremmo noi, ma come luogo da amare perché mentre le cose vanno come vanno Gesù è con noi, immerso nella nostra vita, per camminare con noi, ed esserci custode e Padre. Infatti guardando i suoi discepoli addormentati “per la tristezza” Gesù li sveglia e gli dice: “Alzatevi e pregate, per non entrare in tentazione”. 
Dice questo dopo avere combattuto la sua battaglia più grande, quella contro la tentazione di allontanarsi dalla sofferenza. Gesù, da vero…

Tenersi pronti

Iniziamo l’Avvento, tempo di attesa e di desiderio, con l’invito stesso di Gesù ad essere vigili, attenti, pronti. Ma attenti a che cosa? Il discorso del Signore si riferisce alla fine della storia, al momento cosmico della parusìa, del suo ritorno definitivo, quando il male sarà definitivamente e per sempre messo a tacere, e ci sarà soltanto la realtà del Paradiso, della gioia e della felicità eterna nell’abbraccio con Dio. Ma facciamo un passo indietro. Gesù paragona questo momento ai tempi di Noè, quando, davanti al disastro ormai vicino, le persone vivevano come se niente fosse, ignare di tutto, perse in mille affanni e occupazioni, senza accorgersi di alcuni segni che indicavano il momento forte che si stava avvicinando. Solo Noè ascolta la sua coscienza e intende la voce di Dio e si mette a costruire quell’arca che sarà la sua salvezza.  Una volta Gesù aveva detto: quando tornerò, troverò la fede sulla terra? Il Signore in questi 2000 anni e più, ha fatto tutto per l’umanità, ha …

Dio che scioglie i nodi

Protagonista di questa vangelo è Giuseppe, lo sposo di Maria, al quale viene fatto un annuncio, in una modalità differente da quello fatto a Maria. Sarà nel sogno che un angelo andrà da lui per rivelargli il progetto di Dio. Ma cos’è accaduto a Giuseppe di tanto decisivo per cui Dio interviene parlandogli in sogno? Giuseppe è venuto a conoscenza della maternità di Maria. Lo Spirito Santo l’ha resa incinta di un bambino che sarà il Figlio di Dio, destinato ad essere grande. Davanti a questa comunicazione di Maria, Giuseppe resta inchiodato. La realtà bruscamente viene a destabilizzarlo. La vita che pensava di vivere in un attimo crolla miseramente. Tutto l’immaginario attorno a cui si era costruito viene meno. Non sposerà più la donna che ama, non avrà più una famiglia, non sarà benedetto come ogni ebreo che, nella vita familiare ricca di amore e di figli, vedeva la realizzazione concreta della benedizione di Dio. Messo davanti a un intervento di Dio tanto grande, Giuseppe ha paura. No…